Processo civile: giurisdizione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Questa guida fornirà qualche delucidazione sulla giurisdizione dello Stato italiano. Molte leggi sono state scritte per la tutela dei cittadini, ma capita spesso di non comprenderle adeguatamente perché, per chi non è nel ramo, non è una cosa semplice. Per comprendere tutto il ramo della giurisdizione processuale dobbiamo prima distinguere tre filoni principali che sono penale, civile e amministrativo. La guida infatti spiegherà questi tre filoni, concentrandoci particolarmente sul ramo del processo civile.

24

Come precedentemente detto forniremo una spiegazione per i tre tipi di processo, anche perché le varie differenze aiutano a comprendere meglio il processo civile. Partendo dal processo penale, il giudice si basa sulle informazioni ricevute durante l'atto del processo e seguendo le normative descritte nel Codice Penale, cerca di dare al cittadino che ha commesso il reato la giusta pena nel caso in cui sia colpevole. In un processo civile, invece, il dovere di un giudice, stavolta basandosi sulle normative inserite nel Codice Civile e su altre leggi complementari, è quello di risolvere le controversie che ha un cittadino privato quando reclama un proprio diritto. Il terzo tipo di processo, quello amministrativo, è simile a quello civile. L'organo di competenza è in questo caso il T. A. R. E si differenzia da quello civile perché richiede la presenza dei soggetti in causa e ha un numero limitato di mezzi istruttori.

34

Il processo civile ha il compito di risolvere le controversie e raggiungere un giudizio finale. Ha tre caratteristiche fondamentali: è secondaria, perché è necessaria solo nel momento in cui la legge viene violata ed è successiva alla funzione legislativa; è strumentale, essendo soprattutto un mezzo per frenare infrazioni (di leggi che comunque già esistono); è sostitutiva, perché il giudice ristabilisce l'ordine fra le parti in causa ma non sarebbe intervenuto se non avessero violato la legge.

Continua la lettura
44

Il processo civile si basa su un contraddittorio fra le parti, regolato da un giudice. Le parti sono un attore (chi chiama in causa per far valere un proprio diritto), un convenuto (chi è stato chiamato in causa e riceve la “domanda” da parte dell'attore) ed eventuali terzi, intervenuti o chiamati (a volte anche il pubblico ministero). Il convenuto, a sua volta, può poi proporre un'altra domanda all'attore (“domanda riconvenzionale”), avanzando le proprie richieste. È definita “domanda” l'istanza di tutela dei soggetti interessati ed è rivolta quindi sia al convenuto che al giudice. L'atto di citazione, in cui è specificato l'oggetto del processo (il contenuto della domanda), è infatti indirizzato ad entrambi. Per chiarire i motivi del contendere sono inoltre necessari alcuni elementi: il petitum immediato (la richiesta di un provvedimento), il petitum mediata (il bene della vita che il soggetto vuole ottenere) e la causa pendenti (la ragione per cui viene chiesto il bene).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Funzioni giurisdizionali del Parlamento

Il Parlamento italiano è un organo collegiale e rappresentativo, costituito dalla Camera dei Deputati e dal Senato della Repubblica. Il popolo elegge ciascuno dei membri, che costituiscono il principale organo di vertice della Repubblica. Il suo obiettivo...
Università e Master

La testimonianza nel processo civile

La testimonianza è una dichiarazione che un terzo, cioè non una delle due parti che si sottopongono a un processo, rende in virtù di fatti o cose di cui è a conoscenza in modo che il giudice possa venire a capo della verità ed emettere un giudizio...
Superiori

Appunti di diritto: definizione di legittimato

Per definizione, il legittimato può procedere per legge contro un imputato. Tale presupposto sussiste in un qualsiasi processo (civile, penale, tributario) con un capo di imputazione attivo o passivo. Il primo caso, si definisce legittimazione sostanziale...
Università e Master

Appunti di diritto civile: l'errore

La volontà rappresenta l'elemento essenziale nella formazione dei negozi giuridici: ovviamente, affinché essa possa essere recepita da un'altra volontà ed approdare ai risultati pratici desiderati, deve essere dichiarata mediante qualsiasi mezzo consentito....
Università e Master

Diritto della denunzia di nuova opera e di danno temuto

Le azioni di denunzia di nuova opera e danno temuto, dette anche azioni di "nunciazione", sono inquadrabili nell'ambito dei procedimenti cautelari, ovvero quei procedimenti volti ad evitare un pregiudizio ed a fornire tutela ad un soggetto, ancor prima...
Università e Master

Appunti di diritto della comunicazione

Ecco parte di alcuni appunti di diritto della comunicazione. La vera e propria libertà di stampa si ebbe nel periodo statuario. Nacque infatti durante lo stato liberale. Alla fine del 1700, si crearono due correnti di pensiero molto forti, circa la libertà...
Università e Master

Come superare l'esame di igiene e medicina preventiva

L'esame di igiene e medicina preventiva richiede anche la conoscenza di nozioni di epidemiologia, di prevenzione delle malattie, di medicina del lavoro, di diritto amministrativo e soprattutto implica lo studio della vigente normativa sanitaria. Come...
Università e Master

I segni distintivi nel diritto commerciale

Affinché un'impresa possa essere distinta e facilmente individuata, il Diritto Commerciale prevede dei segni distintivi previsti dalla legge. Tali segni individuali sono: Il nome della ditta, l'insegna ed il marchio. L'imprenditore ha il diritto d'uso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.