Matematica: la legge di De Morgan

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La matematica, si sa, è la materia più temuta dagli studenti. La difficoltà della materia unita alla poca applicazione al ragionamento sono un mix micidiale che fa allontanare gli studenti dalla matematica. Ciò nonostante il fascino matematico è innegabile, sopratutto se viene ben spiegato e capito. Per il resto basta un po' di impegno ed esercitazione. Questa guida si propone oggi di spiegarvi la legge di De Morgan. Questa prende il nome dal matematico Augustus De Morgan, vissuto nell' 800 e in una sua applicazione più complessa viene applicata per l'analisi dei circuiti logici. In particolare le leggi di De Morgan sono due e comprendono delle formulette molto semplici che mettono in relazione tre operazioni degli insiemi: unione, intersezione e complementare.

26

Occorrente

  • Quaderno; Penna e Matita;
36

La seconda legge di De Morgan afferma che il complementare dell'unione di due insiemi è uguale all'intersezione del complementare del primo insieme col complementare del secondo. Per dimostrarlo occorre disegnare i soliti due diagrammi A e B (ed il loro insieme universo). Ora rappresentiamo l'unione di A e B con un colore. Con colori diversi invece rappresentiamo rispettivamente: il complementare dell'unione; il complementare di A; il complementare di B. Possiamo notare quindi che l'intersezione del complementare di A col complementare di B è l'insieme degli elementi che appartengono sia al complementare di A che al complementare di B. Ecco dimostrata la seconda legge di De Morgan.

46

La prima legge di De Morgan afferma che il complementare dell'intersezione di due insiemi è uguale all'unione del complementare del primo insieme con il complementare del secondo insieme. Per dimostrare questa legge occorre disegnare due diagrammi, A e B (ed il loro insieme universo). Rappresentiamo l'intersezione di A e B, magari evidenziandola con un colore. Ora, con colori diversi, evidenziamo rispettivamente: il complementare dell'intersezione A e B; il complementare di A; il complementare di B. Possiamo notare quindi che l'unione del complementare A con il complementare B è l'insieme degli elementi che appartengono al complementare A ed al complementare B. Ecco dimostrata la prima legge di De Morgan.

Continua la lettura
56

Si raccomanda di utilizzare la massima precisione nel disegnare i grafici per evitare di confondersi. È molto utile utilizzare colori diversi per indicare i vari passaggi, facendo attenzione a creare una piccola legenda in cui accostare il diverso colore alla funzione che rappresenta. Sui libri di testo si troveranno facili esercizi per mettere in pratica queste due leggi. La cosa importante è quella di memorizzare bene i passaggi prima descritti.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema dell'Impossibilità di Arrow: dimostrazione

Molto spesso, quando ci troviamo a studiare alcune materie, ci capita di non riuscire a comprendere alcuni argomenti che posso risultare abbastanza complessi. In questi casi sarebbe necessario ricercare ulteriori informazioni in grado di farci comprendere...
Elementari e Medie

Come rappresentare graficamente gli insiemi

Come ben sappiamo in matematica quando si parla di insiemi, si vuole indicare un raggruppamento di numeri, oggetti, parole. Oppure altro che a loro volta vengono poi definiti come elementi dell'insieme. Affinché quest'ultimi siano assegnati a un determinato...
Superiori

Come Disegnare Gli Angoli Con Le Squadrette

Per poter disegnare degli angoli, molto spesso possiamo fare a meno del goniometro; possiamo infatti utilizzare i differenti angoli delle squadrette per tracciare molto semplicemente angoli di gradi differenti, sfruttando la conformazione diversa delle...
Università e Master

Esercizi di statistica e probabilità

La statistica è una scienza che si occupa del modo in cui si distribuisce un determinato aspetto in un campione di popolazione. Discorso diverso per il calcolo delle probabilità. Esso, infatti, si prefigge di quantificare la possibilità che un certo...
Superiori

Scienze: la sintesi delle proteione

Una delle tante funzioni dell'acido nucleico è quella di codificare le informazioni necessarie per la sintesi delle proteione. La sintesi proteica (o traduzione genica) è quel processo biochimico attraverso cui una sequenza di nucleotidi viene convertito...
Università e Master

Appunti su matrici e determinanti

La matematica è da sempre la materia più ostica per ri studenti di qualsiasi età partire dalle elementari fino agli studi universitarie. La matrice è un insieme di numeri racchiuso in una tabella formata da righe e colonne, allo scopo di individuare...
Superiori

Formula per la legge moltiplicativa delle probabilità

La matematica è una materia piuttosto vasta e complessa che racchiude in se moltissime formule per poter calcolare di tutto, basta trovare quella giusta. Tra le tante formule che possiamo trovare c'è quella per il calcolo delle probabilità.Spesso è...
Elementari e Medie

Come costruire un angolo di 60°

In geometria ci sono degli angoli particolari di cui è necessario conoscere le proprietà e le caratteristiche fondamentali. Solitamente questi angoli peculiari sono multipli di 15° e possono essere disegnati più o meno senza problemi. Vediamo come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.