Le regole per un corretto uso del congiuntivo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il congiuntivo rappresenta una dei tempi verbali più difficile da imparare e da utilizzare, senza commettere errori. Rappresenta il modo verbale della possibilità, dell'incertezza, del dubbio. Il congiuntivo è dunque il modo della soggettività ed indica che l'evento descritto nella frase non è certo e reale ma è al contrario incerto, possibile, sperato o temuto. Pochissime sono le persone in grado di utilizzare il congiuntivo con padronanza. Nella seguente guida elencheremo pertanto le principali regole per un uso corretto del congiuntivo.

26

Utilizzare il congiuntivo nelle frasi subordinate

Nella gran parte dei casi il congiuntivo viene utilizzato nelle frasi dipendenti o subordinate, raramente in quelle indipendenti. Il congiuntivo viene introdotto dalla congiunzione "che" ed esprime incertezza, soggettività, dubbi, volontà ecc. Il congiuntivo ha quattro tempi, due semplici (presente e passato) e due composti (passato e trapassato).

36

Può essere utilizzato nelle forme impersonali

Il congiuntivo viene impiegato anche dopo frasi introdotte da espressioni impersonali, costituite soprattutto da essere + aggettivo o essere + sostantivo. Si utilizza anche dopo frasi introdotte da verbi impersonali: in questo caso la frase dipendente funge da soggetto. Esempio: è incredibile che non sia ancora in prigione.

Continua la lettura
46

Usare il congiuntivo con i verbi che esprimono opinione o volontà

Per un corretto uso, è necessario adoperare il congiuntivo con i verbi che esprimono opinione e considerazioni personali (esempio: credo che Giovanni stia sbagliando). Il congiuntivo si utilizza inoltre con i verbi che manifestano una preferenza o una volontà (esempio: desideravo che fosse diverso). Il congiuntivo si utilizza anche per esprimere un comando: "Professoressa, mi faccia andare in bagno".

56

Ricordare le espressioni che richiedono il congiuntivo

Bisogna tenere a mente che vi sono delle espressioni verbali che, seguite dalla congiunzione che, devono necessariamente essere accompagnate dal congiuntivo. Si tratta di espressioni facili da ricordare in quanto utilizzate di frequente nel parlato quotidiano. Tra queste ricordiamo: pensare che, credere che, è possibile che, è bene che, essere felice che, essere dispiaciuto che e così via.

66

Non confondere il congiuntivo con l'indicativo imperfetto

L'errore che si commette più comunemente consiste nel confondere il congiuntivo con l'indicativo imperfetto. Da un punta di vista grammaticale, ciò costituisce un errore gravissimo. Un esempio di frase scorretta con l'utilizzo dell'indicativo è il seguente: "non pensavo che oggi c'era lo sciopero dei pullman". La frase corretta è invece questa: "non pensavo che oggi ci fosse lo sciopero dei pullman".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come tradurre il congiuntivo in greco antico

Se frequenti il liceo classico uno dei più grossi ostacoli iniziali che incontrerai sarà lo studio del greco antico, una lingua cosiddetta "morta" che però ha influenzato non solo le lingue attuali, ma che è ancora presenti in un gran numero di campi,...
Elementari e Medie

Grammatica: l'uso del congiuntivo

La grammatica italiana, presenta numerose sfaccettature e regole ben precise. Per tale ragione essere in grado di scriverla e parlarla in modo corretto, specialmente per persone di lingua diversa, non è un impresa molto semplice! In questa breve guida,...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Lingue

Francese: il congiuntivo

Se per le vostre vacanze estive o invernali avete deciso di fare un viaggio nei paesini della Francia, ma non avete molta dimestichezza con i verbi e soprattutto con il congiuntivo, non dovete crearvi nessun problema poiché come si evince dai passi successivi...
Superiori

Come tradurre il periodo ipotetico dell'obiettività in latino

Il periodo ipotetico è un enunciato che presenta un fatto o una circostanza la cui esistenza o la cui realizzazione dipendono da una o più condizioni (ipotesi). È costituito da due proposizioni: una enunciativa detta apodosi e una suppositiva o ipotetica,...
Superiori

Come costruire le proposizioni causali in Latino

La proposizione causale rappresenta una subordinata che esprime la causa dell'azione della sua reggente. In latino questa deve essere necessariamente differenziata in due tipi: una è la proposizione causale oggettiva, mentre l'altra è quella soggettiva....
Lingue

Francese: i verbi modali

Come in ogni lingua che si rispetti anche nel francese troviamo i verbi modali (anche detti servili), ed in questa guida vi saranno presentati i principali. Nel caso non vi ricordiate bene quali siano i verbi modali questo link vi rinfrescherà la memoria....
Superiori

Latino: i congiuntivi indipendenti

Il latino era una lingua parlata anticamente in gran parte dell'Europa, soprattutto nella zona mediterranea. Oggi, invece, è una lingua che non viene più parlata in nessuna parte del mondo, ma ciononostante viene ugualmente insegnata in alcuni istituti,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.