Le 10 migliori città universitarie dove studiare all'estero

di Chiara De Matteo tramite: O2O difficoltà: media

Ormai è un rito di passaggio per ogni studente: che siano solo 5, 6 mesi, un anno intero, il biennio di specializzazione o l'intero corso di laurea; studiare all'estero è un'attività che incastona una gemma preziosa nel curriculum di ogni studente e che, prima o poi, tutti prendono in considerazione. Molti studenti si "accontentano" di andare a studiare fuori dall'Italia, mentre i più fortunati e motivati si spingono ad andare oltre oceano. Scegliere l'università giusta però, spesso è molto difficile perché, sinceramente, non si capisce quale siano le università migliori. Vediamo di stilare una classifica sulle migliori 10 città universitarie.

Assicurati di avere a portata di mano: libri, mini-vocabolari, voglia di studiare e conoscere posti nuovi

1 L'offerta universitaria Non basta infatti valutare l'offerta universitaria degli atenei stranieri, ma bisogna anche tener conto di altre sfaccettature, come ad esempio la qualità della vita nella città ospitante, l'accessibilità delle spese per lo studio, la capacità di offrire posti di lavoro part-time agli studenti, i legami tra mondo accademico e il mondo del lavoro. Ed è proprio su questi parametri che si basa la QS Best Student Cities, classifica stilata da un noto organismo di ranking univrsitario. Ormai da anni, il primato è detenuto dal Massachusetts Institute of Technology (MIT). Università di fama internazionale, tappa fondamentale per tutti gli aspiranti a diventare i migliori ingegneri sulla Terra.

2 Top University Berlino è ormai da tempo culla delle esperienze dei giovani, con una ricca offerta culturale, varie Top University, e un costo della vita ancora basso. Dublino deve il suo prestigio al Trinity College e alla University College Dublin, famose soprattutto per le materie umanistiche. Montreal in Canada, infine, è un'ottima meta per l'apprendimento sia dell'inglese che del francese. Non possiamo non citare anche le varie Princeton, Yale, Stanford e Singapore, dove molto probabilmente la fama ha preceduto questo articolo.

Continua la lettura

3 In conclusione Non ci dobbiamo spostare di molto per trovare la seconda università migliore al mondo, infatti basta andare al di là della strada di Boston per trovare Harvard University.  Il MIT università famosa per l'ingegneria, Harvard famosa per i suoi corsi umanistici-letterari.  Approfondimento Le migliori città per fare l'Erasmus in Europa (clicca qui) Si dice che a Boston nessuno può litigare perché o si parla bene o si fanno bene i calcoli.  Come si fa a dire che non è vero, dato che ci sono le due università migliori al mondo.  Ai piedi del podio finalmente troviamo la prima università europea, ovvero University of Cambridge, dove oltre a trovare insegnanti di altissima cultura; Cambridge è un mondo idilliaco perfetto per immergersi nello studio.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: http://www.topuniversities.com/university-rankings/world-university-rankings/2015#sorting=rank+region=+country=+faculty=+stars=false+search=

Come frequentare l'Università all'estero Sempre più giovani programmano di frequentare un'università al termine della ... continua » 5 motivi per frequentare un anno scolastico all'estero Chiedo ai genitori di partecipare a un collegio? Cosa c'è ... continua » Come studiare medicina a Praga All'interno di questa guida, andremo a parlare di università. Nello ... continua » Come frequentare l'Università all'estero Sempre più giovani programmano di frequentare un'università al termine della ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.