La mozione di sfiducia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Dal momento in cui si insedia un nuovo Governo quest’ultimo si deve sottoporre al voto di fiducia da parte del parlamento, in altre parole, da parte del Senato e della Camera dei Deputati. Entro il decimo giorno dalla formazione del Governo, deve essere effettuato il voto di fiducia al fine di garantire la cosiddetta maggioranza politica. Nel momento in cui, tale fiducia viene a mancare si può parlare di mozione di sfiducia. In questa breve guida, troverete dei validi chiarimenti per comprendere in cosa consiste questa Mozione di sfiducia.

25

Governo e Parlamento

Prima di addentrarci sull'argomento in questione è doveroso fare alcuni chiarimenti sulle definizioni di Governo e di Parlamento inicando le relative competenze. Entrambi, rappresentano degli organi essenziali di uno Stato, e possiedono il compito di esercitare ben tre poteri differenti: quello esecutivo, quello legislativo e quello giudiziario. Il primo compito, spetta al Governo e rappresenta la potenzialità di poter applicare le diverse norme. Il potere legislativo che invece viene preso in carica dal parlamento, consiste nella promulgazione delle leggi. Il potere giudiziario, infine, spetta alla magistratura che ha come dovere quello di garantire il rispetto verso le leggi dello Stato.

35

La Mozione di sfiducia

Dopo avere chiarito le definizioni di Governo e Parlamento ed i loro impegni, possiamo dedicarci alla definizione di "Mozione di sfiducia". Quando un Governo all’interno di un qualsiasi Stato va incontro alla così chiamata Mozione di sfiducia, significa che esso viene meno ai suoi principali adempimenti perdendo appunto di fiducia. In questo caso specifico, il Parlamento con i suoi membri, propone la mozione di sfiducia verso il Governo che verrà sottoposta ad una forma di votazione.

Continua la lettura
45

Storia ed attualità della mozione di sfiducia statale

La prima mozione di fiducia, avvenne nel 1782 allo Stato inglese. Allora, il tutto si concluse con le semplici dimissione del primo ministro che a quei tempi era Frederick North. Oggi, in Italia, la mozione di sfiducia è prevista a livello statale, regionale e comunale. In tutti i casi deve essere indicata con estrema accuratezza la motivazione per la quale sarà necessario prendere tale provvedimento è dovrà essere necessariamenteapprovata tramite una votazione. A livello statale è garantita dall’articolo 94 della Costituzione. Se approvata nasce la cosiddetta crisi di Governo, con conseguenti dimissioni dello Stato e non solo.

55

La mozione di sfiducia comunale e provinciale

La stessa procedura va effettuata a livello locale, cioè provinciale e comunale. La mozione di sfiducia verso il sindaco o il presidente provinciale è presentabile se a scriverla è almeno un totale o meglio dire 2/5 pieno di coloro che formano il Consiglio. In questi ultimi due casi, a livello regionale se viene approvata la mozione il Consiglio si scioglie e la giunta regionale si dimette. Invece a livello comunale si assiste con le conseguenti dimissioni del sindaco.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Diritto Costituzionale: le funzioni del Parlamento

Siete degli studenti alla ricerca di informazioni di Diritto Costituzionale? Magari volete sapere in poche righe qual è la struttura del Parlamento e quali sono le sue funzioni. Se la risposta è sì, siete nel posto giusto. Il Parlamento è il corpo...
Superiori

Aristotele: vita e opere

Nella storia della filosofia Aristotele rappresenta una delle figure più importanti e rappresentative. È senza alcun dubbio uno dei padri della filosofia, tanto che a lui si fa risalire proprio l'origine del termine "filosofia", che nella traduzione...
Superiori

Referendum abrogativo: come funziona

Tutti quanti prima o poi dobbiamo compiere delle scelte per il futuro del nostro paese, e siamo chiamati a voltare, sia che si tratti di elezioni, sia che si tratti di un referendum. Ognuno di questi sistemi di votazione richiede la scelta di un voto...
Superiori

Appunti di diritto: la forma di governo presidenziale

Per forma di governo si intende il differente modo in cui si articola e si distribuisce il potere politico tra i vari organi di vertice dello Stato, ed in modo particolare tra il Governo, il Parlamento ed il Capo dello Stato. La ratio che sta alla base...
Superiori

I principali compiti del Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica è il capo dello stato italiano. È un organo costituzione che viene eletto dal Parlamento e da tre rappresentati per ogni regione (fa eccezione la Valle d'Aosta con uno solo delegato). La carica durata sette anni a partire...
Lingue

Appunti di francese giuridico

La pratica giuridica è piuttosto difficile e complessa. In Italia ci si imbatte in moltissimi articoli e leggi che spesso sono complicati da capire e che solo un'esperto del settore riesce a gestire in maniera adeguata, se poi ci si rivolge all'estero,...
Superiori

Leggi ordinarie del nostro ordinamento

Le leggi ordinarie del nostro ordinamento sono considerate incostituzionali e possono essere annullate, per questo motivo, da uno speciale giudice che è rappresentato dalla corte costituzionale. Con legge intendiamo gli atti normativi che vengono approvati...
Superiori

Appunti di diritto: le forme di governo

Studiare il diritto vuol dire analizzare quelle che sono le diverse forme di governo previste dai vari ordinamenti giuridici. Lo scopo principale di questa guida è quello di fornire una indicazione generale delle forme di governo dando luogo a dei veri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.