La forma interrogativa in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere assolutamente è sicuramente l'inglese. Si tratta di un linguaggio parlato in ogni luogo del mondo. Conoscendolo bene abbiamo l'opportunità di dialogare facilmente con tutti, indipendentemente dalla lingua principale. Nel seguente tutorial vedremo come bisogna comporre la forma interrogativa in inglese. Con un buon impegno e tanto esercizio pratico, si riuscirà ad ottenere un buon risultato.

27

Occorrente

  • Tanta pazienza
  • Molta pratica
  • Conoscenze di base dell'inglese
37

Le frasi con verbi ausiliari "to be" o "to have"

Spesso gli italiani formulano le domande senza ulteriori e particolari accorgimenti grammaticali o linguistici. Nella maggioranza delle situazioni, il problema viene risolto mettendo un punto interrogativo al termine della frase. Di conseguenza non bisogna intervenire nella struttura della frase medesima, quindi occorre lasciarla invariata. In inglese, le cose non sono così lineari e semplici. Le frasi con verbi ausiliari sono "to be" e "to have". Nella sua forma positiva, la funzione verbale in una frase viene svolta esclusivamente da uno dei seguenti verbi? La forma interrogativa in inglese si avrà spostando il verbo prima del soggetto. Ad esempio, "You are happy tonight" diventa "Are you happy tonight?".

47

I tempi composti present perfect e present continuous

Con i verbi ausiliari si formano inoltre i tempi composti, quali il present perfect ed il present continuous. Anche qui la regola non cambia, dunque bisogna procedere allo spostamento visto nel passaggio antecedente. Il verbo non ausiliare andrà lasciato nelle medesima forma positiva. Nel present perfect, la frase "They have studied this morning" diventa "Have they studied this morning?". Con riferimento al present continuous, la frase inglese "You are reading an interesting book" si modificherà in "Are you reading an interesting book?".

Continua la lettura
57

Le frasi con verbi non ausiliari: to do

Quando si è in presenza di frasi che non hanno verbi ausiliari, come si deve realizzare la forma interrogativa in inglese senza commettere errori? In queste situazioni, i verbi hanno bisogno di un appoggio ad un verbo particolare (il conosciuto "to do"). Quest'ultimo viene posizionato sempre prima del soggetto. Il verbo principale della frase viene invece lasciato nella propria forma basilare all'infinito, senza però il "to" che lo precede. Ad esempio, "You leave tomorrow" si trasforma in "Do you leave tomorrow?". Ecco dunque la spiegazione rapida della forma interrogativa in inglese.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondire la conoscenza della forma interrogativa in inglese, leggendo i molti libri esistenti o cercando informazioni dettagliate sul web.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come Coniugare I Verbi Essere E Avere Al Presente In Inglese

In questa breve guida vi spiegherò come coniugare i verbi essere e avere al presente in inglese, in modo semplice e facile da capire; con esempi di frasi più comuni. Così vedrete che non avrete più dubbi e non lo dimenticherete più. Inoltre bisogna...
Lingue

I 10 errori più comuni che gli italiani commettono in inglese

L'inglese è una lingua ricca di storia e di facile apprendimento. La sua grammatica presenta certo delle particolarità, ma in misura minore rispetto alla lingua italiana. Questa semplicità, se da un lato è apprezzata dagli studenti, a volte può trarli...
Lingue

Inglese: il simple past

Nella lingua inglese il simple past o passato semplice è una forma verbale molto frequente. Appartiene alla categoria dei tempi semplici, cioè privi di ausiliari. Si adopera per descrivere azioni accadute e definitivamente concluse. Si utilizza anche...
Lingue

Inglese: il periodo ipotetico

Il periodo ipotetico rappresenta quella struttura sintattica che indica, appunto, un'ipotesi oppure una congettura, nonché la conseguenza che essa comporta. In buona sostanza esso è formato da una proposizione principale, detta anche reggente, e da...
Elementari e Medie

Come porre una domanda in inglese

Se stai studiando l'inglese a scuola o stai frequentando un corso specifico, oppure ami viaggiare, ti sarai accorto che la struttura della frase è ben diversa da quella italiana e, in particolar modo, non è semplice formulare una domanda. Quando parliamo...
Lingue

inglese: forma affermativa, interrogativa e negativa del verbo to be

L'inglese costituisce sicuramente la lingua più diffusa e conosciuta in tutto il mondo e al giorno d'oggi essa è davvero molto importante soprattutto se si ha intenzione di intraprendere una certa carriera lavorativa. Con l'inglese infatti è possibile...
Lingue

La forma interrogativa in tedesco

Il tedesco, si sa è una lingua alquanto complicata per chi si cimenta per la prima volta ad impararne le diverse forme. In questa guida, vi saranno descritti dei passi per cercare di semplificare nel migliore dei modi, la forma interrogativa, per renderla...
Lingue

Come formare il Present continuous in inglese

È ormai risaputo che l'inglese è diventata la lingua più diffusa al mondo e mantiene tuttora questo primato. Oltre ad essere largamente diffuso nel settore turistico e commerciale, l'inglese è usato sempre più spesso nelle comunicazioni scientifiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.