La filosofia di San Tommaso

di Lidia Venturiero tramite: O2O difficoltà: media

San Tommaso (chiamato Doctor Angelicus) era integerrimo ed incorruttibile, nacque a Roccasecca nell'anno 1225 (nel regno di Napoli) da una famiglia nobile e ricevette una perfetta educazione dai grandi colti della propria epoca. Le opere della filosofia di San Tommaso maggiormente importanti furono la "Summa Contra Gentiles" e la "Summa Theologiae", ovvero un'enciclopedia di tutta la filosofia e la teologia sviluppata fino a quel periodo storico. San Tommaso cercò di fondere il pensiero aristotelico con il Cristianesimo, considerando la priorità dell'intelletto sulla volontà: precisamente, affermò che le verità di fede sono separate da quelle di ragione!!!

1 La teoria della sostanza Nella problematica metafisica, San Tommaso d'Aquino approva la teoria della sostanza, il connubio materia-forma e le quattro cause (materiale, formale, efficiente e finale), ma con dei cambiamenti: al pensiero di Aristotele che le sostanze vivono sia nelle cose sia nella mente umana, egli ci aggiunge anche la mente del Signore; Dio rappresenta la sede degli archetipi, ovvero ha creato la realtà dal niente e la propria specificità è stata assunta dalla materia, poiché l'Onnipotente l'ha introdotta nello Spaziotempo rendendola specifica anche nella propria eterogeneità. Soltanto la materia, infatti, usufruisce del Cronotopo, mentre le persone spirituali possiedono il principio dell'Essenza, per la loro forma particolare.

2 L'anima appartiene ad un corpo organico San Tommaso d'Aquino, inoltre, sviluppa ulteriori problematiche in modo minore e, ad esempio, accetta la psicologia di Aristotele, secondo cui l'anima appartiene ad un corpo organico ed è unica, ma con tre funzioni: vegetativa; sensitiva; intellettiva (in essa, riconosce anche l'intelletto attivo e passivo, l'unica differenza è che considera questi due intelletti come unificati, contrariamente ad Aristotele).

Continua la lettura

3 La teoria aristotelica Nell'etica, San Tommaso d'Aquino riecheggia nuovamente la teoria aristotelica, utilizzando le quattro virtù cardinali: sapienza; fortezza; temperanza; giustizia.  Ad esse aggiunge altre tre virtù teologali (fede, speranza e carità) e, inoltre, sostiene che: la causa del peccato originale (il male) era il libero arbitrio, per cui non è creato ed è un vuoto della volontà; la grazia può essere concessa a chiunque, purché si viva secondo i sacramenti.  Approfondimento Analogie e differenze tra Aristotele e Platone (clicca qui) Infine, nella problematica politica, San Tommaso d'Aquino accoglie per l'ennesima volta il pensiero di Aristotele, ma affermando che il fine ultimo è la Chiesa e non lo Stato: la prima è sovrana per le decisioni spirituali, mentre il secondo lo è solamente per le scelte civili.

La filosofia medievale in breve La filosofia medievale abbraccia un periodo molto esteso. Si sviluppa dal ... continua » Filosofia: il pensiero di Aristotele La filosofia è una materia piuttosto complessa ma allo stesso tempo ... continua » Filosofia: il pensiero di Aristotele La filosofia ed il pensiero di Aristotele sono uno dei pilastri ... continua » Confronto tra Platone e Aristotele La contrapposizione tra questi due immensi filosofi è mirabilmente rappresentata nel ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Aristotele: vita e opere

Nella storia della filosofia Aristotele rappresenta una delle figure più importanti e rappresentative. È senza alcun dubbio uno dei padri della filosofia, tanto che a ... continua »

Platone: vita e opere

In campo letterario, storico e filosofico esistono molti tesori che il Mediterraneo ha coltivato in epoche a noi antiche, basti pensare alla cultura ellenica e ... continua »

Filosofia: la scuola di Mileto

La filosofia è una materia piuttosto ampia e complessa, che ha rappresentato per millenni il pensiero degli uomini e ne ha influenzato le azioni. Moltissime ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.