Introduzione alla filologia italiana

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

La Filologia è un complesso di studi che, muovendosi in vari settori e avvalendosi di differenti strumenti investigativi, aspira a una completa ed esauriente comprensione del testo stesso. Basandosi sempre su un attento esame critico di testi, documenti e testimonianze, comprensione che deve passare anche da una precisa collocazione storico - culturale, proponendosi in alcuni casi una totale ricostruzione di un periodo storico o di una civiltà mediante lo studio della lingua, della produzione letteraria, degli usi e dei costumi. Ecco di seguito un'introduzione alla filologia italiana, iniziata di fatto nel Quattordicesimo secolo.

26

Occorrente

  • Conoscenza dei preumanisti italiani
  • Conoscenza della letteratura latina
  • Conoscenza del latino classico e medievale
  • Conoscenze di filologia romanza e medievale-umanistica
36

Giovanni Boccaccio

Il primo vero filologo italiano viene considerato Giovanni Boccaccio (1313 - 1375) che, a metà del Trecento, allestì una propria silloge dantesca, composta da un'introduzione biografica, conosciuta come Trattatello in laude di Dante, dalla Vita Nuova, da una raccolta di quindici canzoni e dalla Divina Commedia. Per far ciò il preumanista fiorentino fece ricorso a numerose testimonianze appartenenti a diverse tradizioni, intervenendo anche con alcuni interventi emendatori.

46

Ugo Foscolo

La filologia italiana per gran parte dell’ottocento fu colpevole di molti errori e danni causati da un più o meno ingegnoso dilettantismo. Figurano personaggi dall’indubbio spessore letterario e socio-culturale come Ugo Foscolo, poeta originario di Zante e molto appassionato di filologia. La fine del 1800 e i primi anni del Novecento, invece, vedranno una sempre maggior professionalità da parte degli studiosi, derivata soprattutto dall'introduzione di nuove metodologie di studio. Il filologo infatti oltre a fare attenzione al testo, deve confrontarsi anche con quella che è la realtà storia in cui si è trovato l'autore. Ciò permette a chi studia filologia di trarre conclusioni in linea con il pensiero dell'autore e quindi del contesto storico in cui è vissuto.

Continua la lettura
56

L'introduzione della stampa a caratteri mobili

A dare nuovo stimolo alla critica testuale sarà, poi, l'introduzione della stampa a caratteri mobili (fatta in piombo) di Johann Gutenberg. Tale invenzione è di notevole rilevanza poiché contribuì a far lievitare il numero di copie di famosi testi già in circolazione. Tuttavia tutto il Cinquecento e il Seicento vedranno all'opera non filologi professionisti, ma semplici appassionati che, a eccezione di qualche fortunato caso, crearono molti danni allo studio critico dei testi antichi. Ciò lo si deve alla poca attenzione e all'inesperienza del filologo. Essendo un appassionato, pensando di imitare grandi filologi si diletta in studi o analisi complicate. Data la sua inesperienza ne risulta un'analisi frettolosa e poco obiettiva. Un'aria nuova, invece, si cominciò a respirare con i grandi eruditi del Settecento, personaggi del calibro di Bacchini, Muratori, Maffei e Zeno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Procuratevi un buon manuale di filologia italiana

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Appunti di filologia dantesca

La filologia definita come l'arte o la dottrina che studia da un punto di vista scientifico i testi scritti. La parola è di derivazione e significa "amore per le lettere". La disciplina filologica è molto vicina alla critica dei manoscritti presi di...
Università e Master

Appunti di filologia slava

La Filologia è quella scienza che si occupa dello studio delle parole. Grazie ad essa, si possono esaminare i testi letterari. Sono oggetto di studi filologici, tutti quei testi ritenuti rappresentativi di una determinata civiltà. Molti di essi non...
Università e Master

Appunti di filologia romanza

La filologia romanza è una di quelle discipline che si occupano dello studio di un ceppo linguistico e della sua evoluzione. Ogni lingua romanza risulta essere direttamente derivante dalla lingua latina, per questo presenta molte regole grammaticali...
Superiori

Filosofia: Nietzsche

Friedrich Wilhelm Nietzsche è stato un filosofo, ma anche poeta, compositore e filologo, nonché saggista. Nietzsche ha avuto un’indiscutibile influenza sul pensiero letterario, filosofico e politico del suo secolo (‘900) e la sua filosofia è ancora...
Superiori

La poetica di Giosuè Carducci

Giosuè Carducci nacque nel 1835 in Versilia. Durante gli studi condotti presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove si laureò in Filosofia e Filologia, dette vita alla "Società degli Amici pedanti", che criticava il Romanticismo e sperava nel...
Superiori

Letteratura del XVIII secolo

La letteratura del 1700 si caratterizza per un approccio moderno ai problemi della scrittura; almeno nella prima metà del secolo i poeti e i romanzieri cercano di liberare la produzione letteraria dal marchio di disciplina non fondata scientificamente...
Università e Master

Come Costruire La Versione Matriciale Di Un Grafo

I grafi sono strutture matematiche discrete che rivestono interesse sia per la matematica che per un'ampia gamma di campi applicativi. In ambito matematico il loro studio, la teoria dei grafi, costituisce un'importante parte della combinatoria; i grafi...
Superiori

Appunti di epigrafia greca

L’epigrafia (parola derivante dal greco “sopra” e “scrittura”) rappresenta una disciplina ausiliaria particolarmente connessa all'archeologia. Il proprio studio è fondato sulla lettura e sull'interpretazione degli epigrafi (iscrizioni che gli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.