Inglese: i verbi regolari

di Andrei Pamela tramite: O2O difficoltà: media

La lingua inglese è ormai sempre più importante per studenti e lavoratori di tutto il mondo. Si tratta infatti della lingua universale che unisce sempre di più i popoli ed il sapere soprattutto scientifico e tecnologico. Imparare l'inglese è diventata dunque una prerogativa e per fortuna tale lingua non ha una grammatica molto difficile. Una volta infatti imparate le nozioni grammaticali più importanti, ci si potrà subito occupare del lessico da studiare che è invece molto ricco e variegato. L'unico argomento un po' più ostico della lingua inglese sono i verbi, ma una volta imparata la struttura dei verbi regolai, sarà tutto molto più semplice. Per questo vediamo insieme passaggio dopo passaggio come imparare i verbi regola in maniera efficiente. Utilizzando e ripetendo poi più volte la regolina, durante l'esposizione la corretta coniugazione verrà da sola.

1 Verbo regola al passato Nella lingua inglese i verbi si dividono in regolari e irregolari, ma in questa guida ci soffermeremo solo sui primi. Partiamo, quindi, con la regola generale. Il "simple past tense" dei verbi regolari si forma in maniera semplicissima, ovvero aggiungendo il suffisso "-ed" al termine del verbo stesso. Ad esempio, prendendo in considerazione il verbo "to rain"(piovere) potremo formare una frase come "It rained for a day last week", ovvero "Ha piovuto per un giorno la scorsa settimana". È facile notare come al verbo regolare sia stata semplicemente aggiunta la desinenza finale "-ed".

2 Eccezioni alle desinenze Considerando le regole generali, bisogna anche riconoscere le sue varie eccezioni: i verbi che terminano con la vocale "e" non aggiungono l'intero pedine "ed" ma soltanto la lettera "d". Per fare un esempio concreto possiamo utilizzare il verbo "To Live": volendo creare, in questo caso, una frase con il "simple past" si può scrivere "Luise and Peter lived in Italy from 1980 to 1987", ovvero "Luisa e Pietro hanno vissuto in Italia dal 1980 al 1987". È stata aggiunta soltanto la "d" finale.

Continua la lettura

3 La y nel cambio desinenza I verbi che, nella forma infinita, terminano con una consonante seguita dalla lettera "y" eliminano quest'ultima e aggiungono il suffisso "-ied".  Ad esempio, il verbo "to marry" (sposare), nella formazione di una frase col simple past diverrà "My parents married in 1981", ovvero "I miei genitori si sono sposati nel 1981".  Approfondimento Inglese: past simple o past continuous (clicca qui)
Tutti i verbi che, infine, terminano con la sequenza consonante-vocale-consonante raddoppiano l'ultima consonante e terminano, come nella regola generale con "-ed".  Ad esempio, il verbo regolare "to travel" (viaggiare) formerà una frase tipo "Jim travelled in Italy for one week" (Jim ha viaggiato lungo l'Italia per una settimana).

Non dimenticare mai: Il simple past tense corrisponde in italiano all'imperfetto, al passato prossimo e al passato remoto se iriferito al modo indicativo, mentre riguarda l'imperfetto nel modo congiuntivo. Si tradurrà, quindi, in funzione a questo e in funzione della frase in cui si trova.

Come si costruisce il past participle in inglese Il past participle è una fra le più importanti forme verbali ... continua » Inglese: i verbi irregolari Una prima classificazione, anche se un po' approssimativa, dei verbi inglesi ... continua » Lingua inglese: 5 regole da non dimenticare L' inglese è una delle lingue più parlate al mondo, ma ... continua » Come evitare gli errori più comuni in inglese L'inglese è la lingua più parlata in tutto il mondo ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Inglese: il periodo ipotetico

Il periodo ipotetico rappresenta quella struttura sintattica che indica, appunto, un'ipotesi oppure una congettura, nonché la conseguenza che essa comporta. In buona sostanza esso ... continua »

Inglese: forma passiva

Oggigiorno le lingue straniere sono davvero importantissime, e studiare una lingua è sempre più indispensabile sia per la cultura personale che per il lavoro. La ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.