Inglese: forma passiva

di Matteo Rolando tramite: O2O difficoltà: media

Oggigiorno le lingue straniere sono davvero importantissime, e studiare una lingua è sempre più indispensabile sia per la cultura personale che per il lavoro. La lingua sicuramente più importante è l'inglese, che viene richiesto praticamente in qualsiasi posto di lavoro, perché viene considerata la lingua ufficiale per le comunicazioni.
Se anche voi state studiando l'inglese ed avete bisogno di qualche aiuto, ecco una guida che vi aiuterà nella forma passiva della lingua inglese, come si forma, la costruzione e molto altro. Buona lettura e buon apprendimento dell'inglese.

1 La frase passiva In ogni lingua la frase passiva è un tipo di costruzione in cui il soggetto non è colui che compie l'azione, ma la subisce. In questo caso colui che compie l'azione è detto complemento d'agente in analisi logica. La costruzione della frase, anche in italiano, non è difficile e viene utilizzata ogniqualvolta si voglia enfatizzare colui che subisce l'azione e non colui che la compie.

2 La forma passiva in inglese Nella lingua inglese, la forma passiva si esegue utilizzando delle particolari regole, prima analizzando la frase attiva e successivamente osservando il tempo del verbo, per poi portarla al passivo. Si trasforma così il complemento oggetto in soggetto e poi si aggiunge il verbo "to be" nello stesso tempo del verbo identificato nella frase attiva e si aggiunge il participio passato (il c. D. past participle).
Alcuni verbi però non si possono portare nella forma passiva, e questi sono i verbi intransitivi, i quali non reggono il complemento oggetto.
Altri verbi che indicano una condizione non possono essere portati al passivo. I più importanti di questa categoria sono ad esempio il verbo avere (to have) ed appartenere (to belong to).

Continua la lettura

3 I più comuni errori da evitare Quando si vuole formare una frase in forma passiva ci sono alcuni errori in cui si può incappare, soprattutto se si è alle prime armi.  Innanzitutto molto spesso capita di confondere la forma passiva con il perfect oppure con il continous Approfondimento Come Utilizzare Il Past Perfect Continuous (clicca qui) Nel perfect (esempio present perfect e past perfect) l'ausiliare è sempre to have, mentre nel passivo si usa to be.  Nel caso del continous invece l'ausiliare è sempre to be, ma dopo il verbo essere si aggiunge la forma in ing e non il past participle.

4 Lo studio dell'inglese ed il passivo Nello studio della lingua inglese, nella maggior parte dei corsi, la forma passiva è uno degli argomenti che viene trattato sempre verso la fine dei corsi, in quanto necessita di uno studio molto approfondito di tutti i tempi verbali e di una certa maestria nel riconoscere quando usarli. Per questo non temete di non essere in grado di trasformare le frasi da attive in passive, in quanto non è un esercizio così semplice.

Grammatica italiana: i verbi transitivi e intransitivi Nella grammatica italiana i due pilastri su cui è costruita la ... continua » Come trasformare una frase attiva in passiva L'italiano è una delle lingue più complicate al mondo, si ... continua » Come usare la forma passiva in inglese La forma passiva inglese ha la stessa funzione di quella italiana ... continua » Inglese: il simple past Nella lingua inglese il simple past o passato semplice è una ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Inglese: i verbi irregolari

Una prima classificazione, anche se un po' approssimativa, dei verbi inglesi, potrebbe distinguerli in: regolari, irregolari e ausiliari. Come dice la parola stessa, i verbi ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.