Il "Tulipano Nero" di Dumas

di Assunta Proto tramite: O2O difficoltà: media

Nato nel 1802 a Villers-Cotterets, Alexandre Dumas (padre), fu uno scrittore e drammaturgo francese, immensamente noto nel panorama letterario internazionale per romanzi come "Il conte di Montecristo", "I tre moschettieri" e "La Regina Margot". È considerato uno dei maestri del romanzo storico, nella cui scritttura eccelse: anche il "Tulipano Nero" appartiene a questa corrente letteraria, e venne scritto da Dumas nel 1850 in collaborazione con Auguste Maquet, altro noto scrittore d'oltralpe.

1 La vicenda del libro si svolge in Olanda nel 1672. In questi periodo si è accesa una forte lotta politica nel paese tra il Gran Pensionario, il borghese De Witt, e lo Statolder, l'aristocratico Guglielmo III D'Orange; uno dei protagonisti della storia è un certo Cornelius Van Bearle, coltivatore di tulipani e appartenente ad una ricca famiglia de L'Aia. Egli però non desidera arricchirsi ancora di più, ma decide di investire gran parte della sua fortuna nel tentativo di creare tulipani di diverse forme e colori, fino a quando riesce a creare un tulipano nero. Per questa sua creazione la città di Harlem offre la ricca ricompensa di centomila fiorini. Proprio per questo, quando il suo vicino di casa, Isaac Boxtel, ne viene a conoscenza, cerca in tutti i modi di appropriarsi dei bulbi della creazione di Cornelius. Affinché possa raggiungere il suo scopo e liberarsi così di Cornelius, Isaac Boxtel lo denuncia con un astuto stratagemma, accusandolo di aver nascosto delle lettere affidate a lui da Corneille De Witt, che nel frattempo viene sconfitto. A causa di questo astuto stratagemma, Cornelius viene imprigionato e condannato a vita.

2 Cornelius viene imprigionato, ma riesce a portare con sè i bulbi del tulipano neri nascosti in alcune lettere che, a sua insaputa, potrebbero dimostrare la sua innocenza. Durante la reclusione il medico conosce Rosa, la figlia del carceriere, che dapprima lo aiuta a far fiorire i suoi tulipani, per poi innamorarsene. Grazie all'aiuto della ragazza, che riesce ad incastrare Boxtel, Cornelius viene scarcerato e può far ammirare al mondo intero i suoi tulipani neri.

Continua la lettura

3 Come abbiamo potuto vedere, l'intera vicenda ha alla base un fiore, il tulipano, che per un lungo periodo del XVII secolo fu in grado di sconvolgere l'economia di un paese forte finanziariamente come l'Olanda, in quel periodo nel suo secolo d'oro: anche in questo particolare si rivela il genio di Dumas, capace di rompere gli schemi della narrativa classica.  Il romanzo inoltre, pur essendo ambientato quasi esclusivamente in una prigione, non manca di descrizioni minuziose e di atmosfere intriganti, create grazie allo svolgersi parallelo della storia d'amore tra Cornelius e la giovane Rosa.

Jonathan Swift: vita e opere Jonathan Swift è considerato il più grande scrittore in lingua inglese ... continua » Breve guida al romanticismo Il Romanticismo è stato un movimento artistico, musicale, culturale e letterario ... continua » Leonardo Sciascia: vita ed opere Leonardo Sciascia nasce a Racalmuto, un piccolo paese in provincia di ... continua » Come Individuare Una Sineresi La lingua italiana è sicuramente una delle più affascinanti ed eleganti ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Marcel Proust: poetica

Marcel Proust nasce nel 1871 da una famiglia dell'alta borghesia francese, sin dai primi anni di vita dimostra una salute cagionevole e malaticcia, con ... continua »

Le commedie di Terenzio

Publio Terenzio Afro nacque all'incirca nel 185 a. C. A Cartagine e fu uno scrittore di commedie latine intorno al 165 a. C. Morì ... continua »

Italo Calvino: vita e opere

Italo Calvino è uno dei scrittori del secondo novecento, più conosciuti in Italia, nelle sue opere ha introdotto nuove forme narrative e stilistiche; la sua ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.