"Il passero solitario": analisi

di Martina M. difficoltà: media

"Il passero solitario": analisi   isantesi.wordpress.com Giacomo Leopardi, uno dei più importanti esponenti della letteratura italiana, nacque a Recanati (nella regione delle marche) quando ormai mancavano pochissimi anni all'inizio del glorioso Ottocento. Egli morirà giovane a Napoli, sulla soglia dei quarant'anni. Letterato molto colto, padroneggiava, tra le altre lingue, greco, latino ed ebraico. Fin da giovanissimo si rivelò inoltre capace di tradurre brani dell'Odissea e di scrivere brevi saggi, così come poesie dalla struttura insieme ambiziosa ed efficace. Divenne in particolare famoso per la celebre raccolta di pensieri nota con il nome di 'Zibaldone', nella quale raggiungerà vette artistiche molto elevate con alcune liriche ormai considerate classiche ('Il sabato del villaggio', 'Il canto notturno di un pastore errante dell'Asia', ad esempio). In questa guida tentiamo invece un'analisi di un'altra poesia, di data incerta ma comunque collocabile attorno al 1835, anch'essa di inestimabile valore: 'Il passero solitario'.

1 "Il passero solitario": analisi   isantesi.wordpress.com Innanzitutto, dal punto di vista dello studio della metrica la poesia si presenta composta da tre strofe contenenti rispettivamente 16, 28 e 15 metri per un totale di 59 versi, composti alternativamente da sette o undici sillabe (quindi settenari ed endecasillabi) e privi di alcuna rima. Per quanto riguarda invece il contenuto, la storia narrata è quella di un uccellino, per la precisione un passero così come è intuibile dal titolo, che ramingo si trova sul campanile della città e riempie l'aria del suo canto, donando al mondo una vera e propria armonia, un senso candido di pace e serenità. Accanto a lui altri volatili in cielo, così come altri animali sulla terra. Ma anche il poeta stesso appare in questa celebre lirica, quasi in disparte, in un 'a parte' che potremmo definire di stile teatrale, soprattutto a partire dalla seconda strofa in cui si trova a paragonare la sua condizione di uomo a quella dell'animale.

2 Emerge con tutta la sua forza l'estrema solitudine del poeta, 'solitario' proprio come questa particolare razza di uccello. È un poeta che osserva il mondo, ma da lontano, con malinconica rassegnazione, insieme culturale, sociale e anagrafica, insieme si sentimenti che generalmente vengono associate alla figura di Leopardi con la definizione di "pessimismo cosmico". La personificazione della gioventù che lascia le case è il simbolo infatti del tempo che passa lasciando briciole che diventino modesto cibo per improbabili volatili.

Continua la lettura

3 Ed è chiaro come il passero non sia in grado di sentire né la tristezza, né l'invecchiamento veloce e inesorabile, che al contrario invece pesano nell'immaginario e nel pensiero di Leopardi.  Un senso di ineluttabilità dovuta a questa motivazione pervade la lirica tutta, così come il parallelismo tra uomo e animale si risolve a favore del secondo, in virtù del fatto che esso non ha una coscienza, un vero pensiero.  Approfondimento Breve analisi de "L'Infinito di Leopardi" (clicca qui) E quindi è la coscienza di Sè, del proprio stato di esseri pensanti a rovinare il piacere di vivere, sembra dire il grande poeta.

4 Questa poesia è stata così importante da aver poi caratterizzato l'intero Ottocento, quale ad esempio lo schema a cui ispirarsi ma anche e soprattutto la natura contrapposta all'umanità fa da tema trainante dell'opera, in cui echeggiano tanti dei temi più cari a Leopardi. Studiata ed analizzata ancora oggi da celebrati critici, non smette mai di stupirci per il suo equilibrio e per la sua potenza con cui riesce ad esprimere un concetto così semplice ma al contempo potente.

A Silvia di Giacomo Leopardi: commento e analisi Figure retoriche: che cosa sono e come usarle Analisi de "La ginestra" di Leopardi Guida a "L'Infinito" di Leopardi

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altri articoli