Il marketing mix: appunti

di Marco Rossomanno tramite: O2O difficoltà: media

Il marketing è un mondo molto complesso che però sta diventando sempre più importante nel mondo del business. Le tipologie di marketing sono innumerevoli e ci sono diversi modelli che possono essere utilizzati. Il complesso delle tecniche e di tutti gli strumenti necessari al raggiungimento di vari obiettivi è detto marketing mix. Lo studio del marketing mix è molto importante sia per chi studia comunicazione, che per chi ha un'azienda e vuole implementare il proprio business. Questa guida si propone appunto di darvi alcune indicazioni riguardo il marketing mix: appunti.

1 Studiare il modello delle quattro p Il modello delle quattro P è maggiormente orientato al produttore. Secondo questo modello, il marketing mix è costituito da quattro variabili: prodotto, prezzo, promozione e punto vendita. Per prodotto si intende un elemento che soddisfi un bisogno o un desiderio di un consumatore. Si tratta di un bene materiale o di un servizio immateriale. L'esperto di marketing dovrebbe valutare come posizionare il prodotto, come sfruttare il marchio, come sfruttare le risorse della società e come configurare il mix di prodotto, in modo che ogni prodotto completi l'altro.

2 L'importanza del prezzo Per prezzo si intende la somma che un cliente paga per il prodotto o servizio. Il prezzo è molto importante in quanto determina gli utili di una società e, di conseguenza, la sua sopravvivenza. La regolazione del prezzo ha un profondo impatto sulla strategia di marketing e spesso influisce sulla domanda e, quindi, sulle vendite. Il marketing deve fissare un prezzo che integri gli altri elementi del marketing mix.

Continua la lettura

3 Preparare la promozione La terza variabile è la promozione.  Essa rappresenta tutti i metodi di comunicazione che un marketer può utilizzare per fornire informazioni sul prodotto a parti differenti.  Approfondimento Come superare l'esame di marketing (clicca qui) La promozione comprende elementi quali: pubblicità, pubbliche relazioni, il passaparola ed il personale di vendita.  La pubblicità comprende ogni comunicazione pagata: spot televisivi, radio e pubblicità Internet, supporti di stampa e cartelloni pubblicitari.  Nelle pubbliche relazioni, invece, la comunicazione non è direttamente pagata e comprende comunicati stampa, sponsorizzazioni, mostre, conferenze, seminari o fiere ed eventi.  Il passaparola è qualsiasi comunicazione apparentemente informale sul prodotto da parte di clienti soddisfatti o di persone specificamente impegnate a creare commenti positivi.  Infine, il personale di vendita gioca spesso un ruolo importante nel passaparola e nelle relazioni pubbliche.

Le quattro aree della comunicazione d'impresa La comunicazione d'impresa è quell'insieme di attività che servono ... continua » Appunti di organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale è una materia volta a studiare le strutture ... continua » Appunti di sociologia dei consumi Per chi compie i propri studi in ambito sociologico, mettiamo a ... continua » Come redigere un piano marketing Il piano marketing è un documento fondamentale per definire la strategia ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Appunti di organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale è una materia volta a studiare le strutture attraverso le quali un'impresa può organizzarsi. Le strutture sono semplificate attraverso la schematizzazione ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.