I verbi modali in tedesco

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

La presente guida sulle lingue fornirà alcuni consigli per comprendere esattamente i verbi modali in tedesco. Generalmente questa lingua viene considerata abbastanza difficile e complessa, per colpa delle numerose differenze con l'italiano. Bisogna anche prendere in considerazione il fatto che esse appartengono a diverse origini, hanno differenti stili di pronuncia e regole di sintassi. La seguente diversità coinvolge anche gli stessi verbi modali. La lingua italiana ne possiede soltanto tre (volere, dovere e potere). Il tedesco ne dispone di ben sei, che non si comportano alla stessa maniera. Alcuni subiscono variazioni durante la coniugazione, mentre i restanti non cambiano. Andiamo dunque a mostrare i verbi modali della lingua tedesca, aggiungendo inoltre degli esempi riguardo al loro attuale impiego.

27

Occorrente

  • Nozioni base di tedesco
  • Personal computer
  • Connessione ad Internet
37

La coniugazione dei verbi modali "können" e "müssen"

L'argomento in questione riguarda dei termini che hanno un verbo di sostegno, si comportano come verbi ausiliari e fungono soltanto in forma attiva. Precisamente i verbi modali in tedesco sono wollen, können, dürfen, müssen, sollen e mögen. La loro coniugazione è differente rispetto a quella degli altri. La coniugazione della parola können (saper fare o poter fare) si esegue in questa modalità: ich kann, du kannst, er kann, wir können, ihr könnt, sie können. Nelle tre persone singolari la vocale cambia, passando da "o" ad "a". Riferendoci al termine müssen (dovere), la coniugazione ricavata è la seguente: ich muss, du musst, er muss, wir müssen, ihr müsst, sie müssen.

47

La coniugazione dei verbi modali "wollen", "sollen" e "mögen"

Il verbo modale wollen (volere) reagisce come la parola können. Dunque la vocale cambia nelle tre persone singolari, passando da "o" ad "i". Il termine sollen (dovere in senso morale) non subisce alcuna tipologia di modifica, mentre il verbo modale mögen (avere voglia) si comporta sempre come können. Adesso è necessario osservare qualche esempio nell'attuale tedesco. La frase "ich muss es machen" intende un'imposizione, mentre "ich soll es machen" significa che è necessario effettuare un'azione o un lavoro come dovere e non come obbligo forzato.

Continua la lettura
57

Le frasi "ich darf es machen" e "ich kann es machen"

Con "ich darf es machen" si intende un'azione che è possibile eseguire in modo libero. La frase "ich kann es machen" significa che si può compiere qualcosa perché si riesce a farlo effettivamente. Desiderate esercitarvi ad effettuare alcuni esercizi sui verbi modali in tedesco? Esistono numerosi siti web che vi permetteranno di migliorare abbastanza la dialettica. Nella seguente guida, vi allego qualche link dedicato all'esercitazione su questo argomento che vi suggerisco di aprire.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: il Konjunktiv 2

Nella lingua tedesca, il Konjunktiv II, trova la sua corrispondenza in italiano nei seguenti modi verbali: congiuntivo e condizionale. Ecco spiegato perché, molto spesso, capiti ad un tedesco madrelingua che si cimenta con la lingua italiana, di fare...
Lingue

Tedesco: i verbi irregolari

In questa guida cercheremo di mettere bene a fuoco le caratteristiche principali dei verbi irregolari in tedesco, tenendo presenti alcuni consigli che ci permettano di impararli, individuarli e infine riconoscerli all'interno di un dato testo. Chiaramente...
Lingue

Tedesco: il doppio infinito

Il tedesco è la lingua ufficiale della Germania. Nonostante appartenga a questo paese la lingua viene parlata anche in altri Stati europei; inoltre è riconosciuta come lingua ufficiale, insieme all'italiano, anche in una nostra regione: in Trentino...
Lingue

Francese: i verbi modali

Come in ogni lingua che si rispetti anche nel francese troviamo i verbi modali (anche detti servili), ed in questa guida vi saranno presentati i principali. Nel caso non vi ricordiate bene quali siano i verbi modali questo link vi rinfrescherà la memoria....
Lingue

Tedesco: il Plusquamperfekt

Il Plusquamperfekt, cioè più che perfetto, è un tempo verbale tedesco che corrisponde nella lingua italiana sia al trapassato prossimo che al trapassato remoto ed è composto dal preterito degli ausiliari sein e haben in unione al participio passato...
Elementari e Medie

Come usare i verbi modali in inglese

La conoscenza delle lingue straniere, oggi ha un importanza rilevante. Fin dalle scuole elementari, infatti il suo insegnamento è parte integrante dei programmi scolastici. In modo particolare l'inglese gode di un ottimo vantaggio rispetto alle altre...
Lingue

Come usare il verbo modale can in inglese

La lingua inglese è da tempo la più utilizzata al mondo, ma anche difficile da usare. È universalmente riconosciuto come linguaggio globale, della rete, del commercio e dello scambio culturale. Anche l'Italia si è adeguata all'inserimento del suo...
Lingue

Come utilizzare i verbi modali in inglese

Molto spesso quando studiamo ci possiamo imbattere in determinati argomenti che possono in un certo qual modo frenare in maniera piuttosto sensibile, il corretto apprendimento dell'intera materia in questione. Esistono infatti delle materia che presentono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.