I concetti base della statistica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L’osservazione di avvenimenti complessi e verificabili su ampia scala, il loro studio e la loro rappresentazione grafica, sono questi i cardini principali della statistica, una scienza moderna dalle origini molto antiche, che permette di analizzare fenomeni basati sui "grandi numeri", di studiarli e poterli poi prevedere e verificare. La statistica studia i fenomeni collettivi, attraverso l’analisi degli aspetti qualitativi e quantitativi dei fenomeni stessi. Osservare statisticamente un fenomeno comporta perciò la raccolta di numerosi dati ed informazioni, per riuscire in seguito a metterne in evidenza gli aspetti essenziali. Il metodo statistico ha radici molto antiche, ma ebbe il suo maggiore sviluppo nella seconda metà del 1800. Vediamo quali sono i concetti base di questa scienza.

25

Carattere qualitativo e quantitativo

Il “carattere” viene distinto in qualitativo, le cui modalità saranno espresse attraverso aggettivi e qualitativo, le cui modalità saranno rappresentate, invece, numericamente. I caratteri “qualitativi” si classificheranno successivamente in sconnessi, studiati attraverso relazioni di diversità e ordinati, studiati attraverso relazioni d’ordine. I caratteri “quantitativi” si potranno suddividere in discreti (rappresentati da un insieme numerabile) e contigui (insieme che si può esprimere con un numero reale).

35

Raccolta delle informazioni

Alcune indagini statistiche richiedono il contributo globale di tutta la popolazione; altre invece si “accontentano” di un campione relativo, i cui elementi dovranno essere assolutamente rappresentativi della popolazione intera. Le informazioni verranno raccolte tramite interviste e sondaggi. Una volta acquisiti i dati necessari, si procederà ad organizzarli in modo sintetico, per arrivare alle conclusioni ed ottenere così un modello numerico statistico. Una volta raccolti i dati, questi verranno elaborati tramite rappresentazioni grafiche (diagrammi cartesiani, a rettangoli, circolari, ideogrammi ed istogrammi).

Continua la lettura
45

Applicazione della statistica

Oggi la statistica è diventata indispensabile in molti settori lavorativi, ed è per questo regolata da norme e formule ben precise che permetteranno all'osservatore di riuscire a creare un modello numerico che sia in grado di rappresentare il fenomeno da analizzare. Il primo aspetto della statistica riguarda il “carattere”, cioè la tipologia di fenomeno da indagare. La seconda fase dell’analisi statistica identificherà precisamente la tipologia di popolazione alla quale rivolgere precise domande inerenti al “carattere”.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come preparare l'esame di statistica

La Statistica è senza dubbio una delle materie più difficili per gli studenti che si iscrivono all'università: infatti la percentuale di quelli che superano l'esame è sempre bassa da sessione a sessione, non per questo, però, bisogna abbattersi....
Superiori

Come calcolare sensibilità e specificità in statistica

In statistica, le nozioni di sensibilità e di specificità svolgono un ruolo estremamente importante. Si utilizzano, spesso, nel settore della medicina, in particolar modo nell’epidemiologia. Si utilizzano, tra l'altro, per analizzare l’andamento...
Università e Master

Appunti di probabilità e statistica

La statistica è quella materia che studia, partendo dall'osservazione di specifici gruppi di soggetti, come i fenomeni si verificano, i metodi di rilevazione e le leggi che regolano ciò. La Probabilità è proprio quella sezione della statistica che...
Superiori

Guida alla stima puntuale

Dato un campione statistico, immaginiamo di voler calcolare la media di un determinato valore attraverso il calcolo della media campionaria. Il valore che otterremo può essere definito una stima puntuale, dal momento che attribuisce a un'incognita un...
Superiori

Statistica descrittiva e inferenziale

La statistica è l'insieme delle metodologie utilizzate per studiare i fenomeni che hanno l'attitudine a variare. L'obiettivo di questa disciplina è quello di sintetizzare i dati, cercando di non smarrire troppe informazioni sui dati raccolti. In questa...
Università e Master

Statistica: come standardizzare una distribuzione normale

Nella teoria delle probabilità, la distribuzione normale è una distribuzione di probabilità continue, ovvero una funzione che indica la probabilità che un evento possa accadere tra due limiti reali o numeri reali, man mano la curva si avvicina a zero...
Superiori

Come calcolare mediana e moda in statistica

All'interno di questa guida andremo a sviluppare la tematica relativa alla statistica. Entrando nel dettaglio, come avete già avuto l'opportunità di intuire dal titolo, ci concentreremo su come si debba calcolare la mediana e la moda in statistica....
Università e Master

Statistica: teorema del prodotto per eventi dipendenti

Ecco una guida di statistica che potrà esserti utile se stai per affrontare un particolare compito in classe oppure un esame scolastico o universitario che ti preoccupa. Questa guida chiarirà qualche dubbio per quanto riguarda il teorema del prodotto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.