I complementi di tempo in latino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Malgrado molte persone sostengano che la lingua latina non abbia più validità e quindi impararla sia solo una grande perdita di tempo, ancora oggi essa viene studiata e spesso torna molto utile nella vita di tutti i giorni. In realtà infatti, essa nasconde migliaia di sfumature che solo in pochi riescono ad apprezzare veramente. La grammatica è ricca di piccoli dettagli che fanno grandi differenze, come nel caso dei complementi. Essi sono espressi attraverso ben sei casi differenti: nominativo, accusativo, genitivo, dativo, vocativo e ablativo. Ognuno di questi, può essere utilizzato singolarmente o con una preposizione preposta corrisponde ad un complemento specifico della lingua italiana. In questa breve guida, ci occuperemo di illustrare i complementi di tempo di questa lingua storica.

24

Accusativo

È importante premettere che in latino, il secondo esprime la durata di un'azione. Esso si designa con l'accusativo semplice o a volte con la preposizione per che gli viene preposta. Al fine di mettere in evidenza quanto prima o dopo è avvenuto l'evento di cui si parla, si utilizza: ante/post +accusativo o ablativo+ ante/post. Risulta di fondamentale importanza, non confondere due concetti che nella nostra grammatica vengono resi alla stessa maniera. Infatti, "da + indicazione temporale" che in italiano può indicare sia da quanto tempo perdura un determinato evento sia da quanto tempo si è concluso, nella lingua latina invece i due concetti sono resi in due modi diversi. Quindi, avremo ex/ab + l'ablativo per indicare il momento di partenza; ante + accusativo per indicare da quanto si è concluso. Queste sostanziali differenze nelle due lingue, può rendere più complesso e difficoltoso l'apprendimento, ma tramite il parecchio esercizio e munendosi di una buona dose di buona volontà, si può raggiungere l'obiettivo con successo in breve tempo.

34

Esercitazioni costanti

Per imparare il latino ed in particolar modo i complementi di tempo, l'essenziale è esercitarsi con il maggior numero di versioni possibili. Non importa quanto si conosca o si ripeta la teoria e le regole grammaticali, la cosa fondamentale è applicarle continuamente fino ad utilizzarle automaticamente senza più dover ricorrere all'ausilio della regola a memoria o addirittura del libro di grammatica.

Continua la lettura
44

Tipologie di complementi temporali

Nella lingua latina, inoltre, si distinguono in due tipi di complementi temporali, quello determinato e quello continuato. Il primo, è usato per denotare il momento esatto in cui avviene un determinato evento. Per esso solitamente si utilizza l'ablativo semplice o accompagnato da sostantivi temporali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

L'accusativo latino: guida al suo utilizzo

La grammatica latina è abbastanza particolare e il suo studio può, a volte, risultare di difficile comprensione. Tra le prime cose che si imparano vi sono i casi e le declinazioni. Proprio dei cosiddetti "casi" fa parte l'accusativo, insieme a nominativo,...
Superiori

Grammatica latina: il complemento di causa

Anche trattandosi di una lingua ormai estinta, la grammatica latina rappresenta una materia di studio in tanti Paesi del mondo (compresa l'Italia). Come la lingua italiana, anche il latino ha una notevole quantità di complementi, ognuno dei quali svolge...
Superiori

Grammatica latina: il doppio accusativo

La lingua italiana ha molto a che fare, seppur etimoligicamente, con la lingua degli antichi latini. La grammatica latina è davvero molto interessante. Molte delle nostre parole e delle nostre frasi, derivano dal latino. Come sappiamo però, non è una...
Superiori

Come Costruire I Verbi "Doceo" E "Celo"

La grammatica latina si presenta vasta e particolareggiata, quindi imparare alcune regole universali consente di svolgere speditamente traduzioni corrette. Una casistica da manuale è certamente rappresentata dai verbi DOCEO e CELO. Memorizzate, dunque,...
Superiori

latino: sintassi dei casi

Il latino è una lingua molto antica che non viene più parlata oggi. Nonostante la sua importanza, in alcune scuole non viene studiato in quanto reputato una lingua "morta", al contrario è strutturato in modo minuzioso e ha la funzione di esercitare...
Superiori

L'ablativo latino: guida al suo utilizzo

A volte, è semplice distinguere quale complemento traduce perché è preceduto da delle preposizioni, altre volte no perché è solo, retto dal verbo. In questa guida vedremo come riconoscere l'ablativo latino, e come tradurlo. In definitiva, alla fine...
Superiori

Grammatica greca: come riconoscere e tradurre il genitivo assoluto

Il genitivo assoluto è un costrutto della grammatica greca molto difficile da riconoscere e da tradurre. Dal punto di vista logico non appare complicato. Quando lo hanno spiegato in classe, infatti, pensavamo di averlo capito perfettamente. Il soggetto,...
Superiori

Come Declinare Correttamente Gli Aggettivi Della Seconda Classe Latina

La principale differenza tra la grammatica italiana e quella latina consiste nella presenza delle declinazioni. In latino, così come i nomi, anche gli aggettivi si declinano. Tuttavia mentre i primi si dividono in cinque gruppi, i secondi si classificano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.