Grammatica latina: interrogative dirette e indirette

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nel presente tutorial di appunti di grammatica latina tratteremo le proposizioni interrogative dirette ed indirette. Inizieremo col dire che entrambe possono essere semplici ovvero disgiuntive (o doppie). Nell'ultimo caso, sono presenti più “opzioni” nella domanda, la quale contiene, per l’appunto, due cose distinte, escludentisi a vicenda; nel primo caso citato, al contrario, il riferimento è volto ad una sola cosa.

24

Per definizione, una proposizione interrogativa è diretta se la domanda è posta in maniera diretta (es. “che fare? ” – “quid faciam? ”), mentre se nella domanda la proposizione interrogativa è dipendente da un altro verbo, essa è indiretta (ad es. “dimmi quando sei arrivato qui” – “dic mihi quando huc perveneris”). In latino, le interrogazioni dirette possono svolgersi secondo due modalità. In base alla prima, la domanda viene posta con l’inserimento di pronomi o avverbi interrogativi, ad esempio “chi”, “quale”, “che cosa”, “quanti”, “quale dei due”, “dove”, “donde”, “come”, “perché”, ecc., cui corrispondono, rispettivamente: “quis”, “qualis”, “quid”, “quot”, “uter”, “ubi”, “unde”, “quomodo”, e “cur”. Es. “da dove vieni? ” - “unde venis? ”. Con la seconda modalità, che si riferisce al caso in cui l’interrogazione non risulta introdotta da alcun pronome o avverbio interrogativo, se in italiano può bastare il semplice punto interrogativo nelle frasi, e il relativo tono di voce che si utilizza nel porre una domanda, in latino è necessario che si introduca la domanda con le tre particelle “–ne”, “num”, “nonne”, il cui inserimento dipende dalla risposta che ci si attende.

34

Abbiamo fin qui parlato delle interrogative dirette semplici; ora, riprendendo il discorso sulle interrogative disgiuntive o doppie, queste presentano una composizione di due membri che si escludono a vicenda, membri che nella lingua italiana sono uniti per mezzo della disgiuntiva “o”. Di tali membri, il primo è introdotto da “utrum”, oppure da “–ne”, ma può anche essere introdotto direttamente senza alcuna particella; il secondo è introdotto invece da “an” (es. “questo è giusto o ingiusto? ” – “utrum hoc iustum est an iniustum? ”).

Continua la lettura
44

Passando ora alle proposizioni interrogative indirette disgiuntive o doppie, vi è sempre da adoperare il congiuntivo come nelle semplici, e i due termini che le costituiscono, in italiano, sono uniti tramite “se… o…”, mentre nella lingua latina il primo dei termini è introdotto da “utrum” o da “–ne” (quest’ultima qualora si desideri maggior rilievo alla parola cui si ricongiunge), oppure si inserisce il termine direttamente, senza alcuna particella; ed il secondo da “an”. Osserviamone le varianti con l’ausilio di un esempio; “voglio sapere se questo è vero o falso”, avrà come varianti: “scire volo utrum hoc verum an falsum sit”, “scire volo verumne hoc sit an falsum”, “scire volo verum an falsum sit”, “scire volo verum hoc sit falsumne”. Altra categoria delle medesime proposizioni è data dalle interrogative indirette dubitative, riportanti verbi o frasi con le quali esprimere un dubbio (es. Nescio, haud scio, dubito, incertum est, ecc.). Se la proposizione dipendente è semplice, si pone al congiuntivo con an; nella fattispecie, si esprime sì il pensiero con una certa riservatezza, ma si vuole lasciar intendere una propensione al sì (es. “non so se questo non sia giusto” – “haud scio an hoc iustum sit”).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come costruire le interrogative indirette in Latino

La proposizione interrogativa indiretta esprime, generalmente, un dubbio (e, conseguentemente, un interrogativo) ed ha, normalmente, il congiuntivo. A seconda di come viene presentata una determinata domanda, è possibile distinguere quattro tipologie...
Elementari e Medie

Grammatica: proposizioni interrogative indirette

Sappiamo come la grammatica non sia una materia amatissima, ma se studiata con il giusto approccio, anche questa può essere apprezzata e compresa con facilità. Andiamo adesso ad analizzare proprio un argomento importantissimo della grammatica italiana...
Lingue

La forma interrogativa in greco

Come l'italiano, anche il greco, vanta di una grammatica che va studiata attentamente. In greco, infatti, sono tante le forme da conoscere per far sì che, tra le tante cose, possiate essere in grado di tradurre versioni greche. A scuola, soprattutto...
Lingue

La forma interrogativa in arabo

La scelta di studiare in modo approfondito una lingua straniera, oggi è più che mai un'esigenza. Le lingue orientali affascinano sempre di più, ed impazzano sul web numerosi tutorial e suggerimenti su come formulare frasi specifiche. Se state iniziando...
Superiori

Latino: la consecutio temporum

Nella tradizione grammaticale latina, i tempi di una clausola principale -almenoi tempi assoluti come il presente (facio), l'imperfetto (feci) e il futuro (faciam) - sonoconsiderati come denotazioni di momenti cronologici del tempo; ad esempio, come può...
Lingue

Francese: aggettivi interrogativi

Un po' come avviene nel caso della grammatica italiana, anche in quella francese si trova una vasta gamma di parti variabili e invariabili del discorso. Il gran numero di aggettivi, pronomi, verbi, avverbi e congiunzioni ci porta a studiare una lingua...
Lingue

La struttura della frase tedesca

Il tedesco rappresenta una lingua indoeuropea, più specificamente si tratta di un idioma di origine germanica. In quanto tale, differisce sotto diversi punti di vista dalle lingue romanze o neolatine, come l'italiano. Anche l'inglese è una lingua di...
Elementari e Medie

Come costruire il discorso indiretto in inglese

Imparare una lingua differente dalla nostra, al giorno d'oggi, è fondamentale, sia perché ci da maggiori possibilità di trovare un lavoro ma anche per riuscire a viaggiare in altre nazioni senza alcun problema. Una delle lingue che dovremo assolutamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.