Grammatica latina: i gradi dell'avverbio

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

In questa guida vogliamo parlarvi della grammatica latina ed in particolar modo di un preciso argomento e cioè quello dei gradi dell'avverbio, in modo tale da sapere quando e come utilizzarli, senza incorrere in errori anche gravi, che potrebbero costare il buon voto a scuola. Il latino è la madre di tutte le lingue europee e, come tale, viene studiata in quasi tutte le scuole del vecchio continente che hanno un indirizzo umanistico. È ricca di tempi e di regole grammaticali che devono essere rispettate sia per la loro traduzione che per la loro comprensione tecnica. Vediamo insieme in questa guida in particolare, l'avverbio latino e i gradi di esso nella grammatica latina.

28

Occorrente

  • grammatica latina
38

L'avverbio è una parte del discorso che solitamente viene utilizzato per modificare e determinare quelle che sono le categorie grammaticali di aggettivi, di altri avverbi oppure di intere frasi. Esistono diversi tipi di avverbi e tutti vanno ad accordarsi con il contesto di riferimento proprio attraverso quelli che sono chiamati gradi. Esistono tre diversi tipi di gradi e li analizzeremo ad uno ad uno.

48

Prima classe. La formazione avviene in accordo con lo stesso aggettivo di riferimento. Per gli avverbi che si riferiscono agli aggettivi della prima classe, si deve prendere la loro radice e vi si deve aggiungere la desinenza "e". Volendo fare un esempio, se si ha l'aggettivo "altus, a, um", il suo avverbio sarà "alte.

Continua la lettura
58

Seconda classe terminanti con la desinenza "nt". In questo caso si deve prendere la radice di essi e vi si deve apporre la desinenza "er". Anche in questa circostaza faremo un esempio considerando l'aggettivo "diligens, entis" che avrà come avverbio "diligenter".
Seconda classe terminanti con la desinenza non in "nt". Avendo l'aggettivo "soavis", si dovrà prendere la sua radice e vi si dovrà inserire la desinenza "iter" avendo così l'avverbio "soaviter".

68

Come per ogni regola grammaticale, anche in questo caso esistono delle eccezioni. Gli aggettivi come "multus, a, um" e "tantus, a, um" hanno diversi tipi di avverbi a cui possono corrispondere ed è per questo che solo ed esclusivamente in questi casi non vengono seguite le regole che abbiamo visto fin qui. Il comparativo dell'avverbio coincide con il comparativo dell'aggettivo e il superlativo si forma con la desinenza "e" che va a sostituirsi alla terminazione del genitivo singolare dell'aggettivo superlativo.
Queste sono tutte le informazioni da conoscere sugli avverbi. Sapere i diversi tipi di gradi consente di formarli se è richiesto da qualche esercizio, oppure di riconoscerli all'interno di ogni singola frase della versione.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Conoscere il latino è veramente utile.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica greca: i gradi dell'aggettivo

Il greco ha tre gradi dell'aggettivo, esattamente come l'italiano. Gli aggettivi qualificativi si possono trovare al grado positivo, che rappresenta la forma base, come ad esempio "bello". Il grado comparativo indica una comparazione con un secondo termine...
Elementari e Medie

Grammatica: tipologia e usi dell'avverbio

L'avverbio è una parte invariabile del discorso, che viene utilizzata per modificare il significato di altre parole, generalmente verbi o aggettivi. Nell'analisi grammaticale, è importante riuscire a distinguere gli avverbi da aggettivi, congiunzioni...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
Lingue

Grammatica francese: il comparativo

La costruzione grammaticale della lingua francese presenta diverse analogie con la grammatica italiana italiana (nonché con quella spagnola), a causa della radice latina che è comune. Sicuramente vi sono anche numerose e sostanziali differenze. Il comparativo,...
Superiori

Tedesco: come si formano i comparativi e i superlativi

La lingua tedesca, per noi italiani, a volte sembra essere molto più difficile di quanto non lo sia in realtà: ci facciamo impressionare da parole interminabili, lunghe quasi quanto frasi intere, accompagnate da suoni a volte impercettibili, allontanandoci...
Superiori

Come Formare Il Superlativo In Latino

Generalmente gli aggettivi che determinano una qualità del nome cui si riferiscono si dicono qualificativi. Essi possono essere di tre gradi (cioè la misura in cui tale qualità è presente nella persona o cosa indicata dall'aggettivo):- Grado positivo:...
Lingue

Il comparativo nella lingua francese

Il comparativo è una funzione grammaticale riscontrabile in ogni lingua e serve per fare il confronto fra due termini che possono essere sostantivi, aggettivi, avverbi o forme verbali. Scendendo più nel dettaglio, è possibile rintracciare 3 tipi di...
Elementari e Medie

Come E Quando Utilizzare Adjectives E Adverbs In Inglese

Nella lingua inglese, come accade in italiano, un aggettivo aggiunge delle informazioni in più sulle persone o sugli oggetti di cui si parla. Di conseguenza, il suo ruolo è quello di descrivere i nomi. Un avverbio, invece, viene solitamente associato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.