Grammatica: i gradi dell'aggettivo

di Elisabetta Agus tramite: O2O difficoltà: media

L'aggettivo qualificativo è una parte variabile del discorso. Nella grammatica italiana esistono diversi tipi di aggettivi: l'aggettivo qualificativo di grado positivo, l'aggettivo di grado comparativo e l'aggettivo di grado superlativo. Ogni aggettivo si concorda nel numero e nel genere con il nome al quale si riferisce. Ma vediamo insieme quali sono le caratteristiche e come individuare i diversi tipi di aggettivi.

Assicurati di avere a portata di mano: Una conoscenza base della grammatica italiana

1 Aggettivo qualificativo di grado positivo La forma più semplice dell'aggettivo qualificativo è quello di grado comparativo. In questo caso si tratta semplicemente di una parola che qualifica il nome, mettendo in risalto una sua qualità o caratteristica. In questo caso non viene fatto nessun tipo di confronto tra nomi, ma si riferisce ad un solo nome e risponde alla domanda: com'è? Esempio: la macchina rossa (rossa è l'aggettivo di grado positivo), oppure, un cavallo imbizzarrito (imbizzarrito è l'aggettivo). Come potete notare, per trovare l'aggettivo di grado positivo basta trovare la parola aggiunge una caratteristica a quel nome.

2 Aggettivo qualificativo di grado comparativo Il grado comparativo dell'aggettivo indica un confronto tra due termini di paragone. Può essere di uguaglianza, di superiorità o di inferiorità. Si parla di comparativo di uguaglianza quando entrambi i termini di paragone possiedono la stessa qualità espressa dall'aggettivo. Si forma con le particelle "come, uguale a, quanto". Ad esempio "la mela a destra è grande come la mela a sinistra. Il comparativo di maggioranza si ha quando la qualità espressa dall'aggettivo è posseduta in grado maggiore dal primo termine di paragone. Si forma utilizzando le particelle "più di, più che". Un esempio semplice è rappresentato dalla frase "la mela è più buona della pera". Il comparativo di minoranza infine, si usa quando la qualità espressa dall'aggettivo è posseduta dal primo termine di paragone in grado minore. Si forma con le particelle "meno di, meno che". Per formare un esempio possiamo utilizzare la frase "la mela è meno grande del cocomero".

Continua la lettura

3 Aggettivo qualificativo di grado superlativo L'ultimo dei gradi dell'aggettivo è il superlativo.  Questo esprime il grado massimo di una qualità di un nome.  Approfondimento I comparativi e i superlativi dell'aggettivo in inglese (clicca qui) Si distingue in due varianti.  Il superlativo assoluto esprime il massimo grado dell'aggettivo.  Esso si forma aggiungendo al tema dell'aggettivo il suffisso "issimo".  Ad esempio, avremo la frase "la mela è buonissima".  In alternativa possiamo anche utilizzare l'espressione "assai", per dire "la mela è assai buona".  Infine il superlativo relativo, di maggioranza o di minoranza, esprime il caso in cui il massimo grado è espresso con un paragone.  Per concludere, l'esempio più facile è "la mela è la più/meno buona tra i frutti".

Non dimenticare mai: Per capire meglio l'uso degli aggettivi, si consiglia di allenarsi facendo gli esercizi sui diversi gradi Alcuni link che potrebbero esserti utili: Esercizi con correzione online sugli aggettivi comparativi e superlativi irregolari

Grammatica greca: i gradi dell'aggettivo Il greco ha tre gradi dell'aggettivo, esattamente come l'italiano ... continua » Come Utilizzare Il Comparativo Di Uguaglianza Il comparativo è una funzione dell'aggettivo che ne specifica la ... continua » Come formare il comparativo in inglese Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che ... continua » Grammatica francese: il superlativo Al pari dello spagnolo e del portoghese, il francese appartiene al ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.