Grammatica: guida ai tempi dei verbi

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

La lingua italiana risulta essere una delle lingue più complesse (tra quelle che utilizzano l'alfabeto latino). Di certo, per comprendere perfettamente questa splendida lingua, la soluzione più adeguata sarebbe esattamente quella di rivolgervi ad un professore. Per farvi impartire delle lezioni private, ma naturalmente questa rappresenta anche la scelta più dispendiosa. Dunque, se desiderate risparmiare il vostro denaro, potrete approfondire da soli la grammatica di questa preziosa lingua, tramite questa guida ed alcune ricerche approfondite sul web. A questo punto, non vi rimane che continuare a leggere le dettagliate indicazioni riportate nei successivi passi di questa guida, per apprendere utilmente ciò che c'è da sapere sulla lingua italiana e la sua grammatica: guida ai tempi dei verbi.

26

Congiunzione:

I verbi sono elementi indispensabili del discorso e dotati di un significato proprio. La struttura del verbo è variabile, infatti è costituito da due parti, una iniziale invariabile e denominata radice, e una finale variabile definita desinenza. La parte invariabile contiene il significato di base del verbo, mentre la desinenza fornisce una serie di informazioni relative a chi compie o subisce l'azione, al numero singolare o plurale dei soggetti in questione, sul modo e sul tempo dell'azione. L'insieme di questi elementi si definisce coniugazione.

36

Tempi verbali semplici e composti:

Dovrete fare una distinzione tra tempi verbali semplici e composti: i primi formati da una sola parola (o due, in forma passiva); i secondi, invece, da essere o avere, anteposti al participio passato del verbo da utilizzare, oppure, al passivo, con la forma essere+stato+participio passato.

Continua la lettura
46

Tempi semplici:

I tempi semplici sono presenti in tutti i modi verbali italiani. In particolare, all'interno dell'indicativo, trovate il presente, l'imperfetto, il passato remoto e il futuro semplice. Nel congiuntivo, in secondo luogo, esistono il presente e l'imperfetto. Nel condizionale, solamente il presente .

56

Tempi composti:

Anche i tempi composti sono suddivisi per modo. Iniziando dall'indicativo, trovate: passato prossimo (io ho dormito), trapassato prossimo (io avevo dormito), trapassato remoto (io ebbi dormito), e futuro anteriore (io avrò dormito). Il modo congiuntivo contempla passato (che io abbia scritto) e trapassato (che io avessi scritto); e, per concludere, nel condizionale trovate soltanto il passato (io avrei voluto).

66

Modo infinito:

Per quanto riguarda, invece, il modo infinito si compone esattamente di due tempi, presente e passato, il primo semplice e l'altro composto, risulta essere opportuno considerarlo a parte, in quanto non prevede flessioni di persona. Chiaramente non si può concludere senza un accenno al participio: declinato in presente e passato, quest'ultimo è alla base di tutti i tempi composti, inoltre va aggiunto all'ausiliare per formarli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Costruire Verbi Parasintetici

La lingua italiana presenta una grammatica abbastanza ricca, infatti sono molte le parti del discorso presenti nel linguaggio, come ad esempio: sostantivi, nomi, aggettivi, articoli, preposizioni, verbi, congiunzioni e avverbi e tutti devono essere analizzati...
Elementari e Medie

Come fare l'analisi grammaticale di un verbo

La grammatica italiana è abbastanza complessa rispetto alle altre lingue come l'inglese; infatti, sono presenti varie particelle che devono essere analizzate singolarmente, come ad esempio: i nomi, i verbi, gli aggettivi, gli avverbi o le preposizioni....
Elementari e Medie

Come coniugare i congiuntivi in italiano

La grammatica italiana si compone di diverse regole ed eccezioni. Lingua neolatina conta svariati tempi e modi verbali. Il primo approccio all'italiano sarà sicuramente traumatico, specie con il congiuntivo, difficile da coniugare anche per i madrelingua....
Lingue

Arabo: i verbi ausiliari

La lingua araba fa parte alle lingue semitiche. L'arabo è parlato da circa duecentocinquanta milioni di persone in tutto il mondo. Esso crea però non pochi grattacapi alle persone che si vogliono approcciare ad essa, soprattutto per coloro che si affacciano...
Superiori

Grammatica greca: come riconoscere e tradurre il genitivo assoluto

Il genitivo assoluto è un costrutto della grammatica greca molto difficile da riconoscere e da tradurre. Dal punto di vista logico non appare complicato. Quando lo hanno spiegato in classe, infatti, pensavamo di averlo capito perfettamente. Il soggetto,...
Elementari e Medie

Come fare per non sbagliare la concordanza dei verbi

Spesso ci capita, anche involontariamente, di ascoltare i discorsi delle persone che incontriamo quando andiamo a fare la spesa, al pub e alla televisione. Non vi è mai capitato di pensare "ma come parla questa persona?". Personalmente l'ho pensato spesso...
Superiori

Grammatica: proposizioni soggettive e oggettive

Quando si impara una lingua una delle cose fondamentali da imparare al più presto è la gramamatica, argomento piuttosto complesso per chiunque, sia italiani che stranieri. Per poter studiare la grammatica italiana è necessario conoscere alcune nozioni...
Lingue

Lingua spagnola: i verbi

Approcciarsi ad una lingua differente dalla propria non è mai semplice. Ci sono regole da imparare, termini da memorizzare, nuovi suoni da pronunciare e, inizialmente, tutto ciò potrebbe scoraggiare chi si accinge a studiare per la prima volta una nuova...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.