Grammatica greca: il dativo

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Nella grammatica greca il dativo rappresenta uno dei casi che, insieme al genitivo, ci permette di tradurre gran parte dei complementi indiretti. Principalmente indica il complemento di termine, che risponde alla domanda: a chi? A che cosa? Tuttavia sia solo che accompagnato da alcune preposizioni può indicare molti altri complementi. Possiamo dividere la funzione del dativo in tre filoni principali: il dativo propriamente detto, il dativo strumentale o ablativale, il dativo locativo. Vediamo nel dettaglio questi elementi della grammatica greca.

28

Occorrente

  • vocabolario greco-italiano
  • pregresse conoscenze sulle declinazioni
38

Il dativo propriamente detto indica la persona o l'oggetto indiretto del verbo, ovvero la persona o la cosa verso cui si dirige l'azione. Può accompagnare sia i verbi transitivi che quelli intransitivi. Come detto, esprime principalmente la funzione di complemento di termine, e molti altri complementi. Esistono infatti i seguenti tipi di dativo: 1) Il complemento di vantaggio: a vantaggio di chi? Di che cosa? Si traduce con il dativo semplice. 2) Il complemento d'agente (da chi?) o di causa efficiente (da che cosa?) che si traduce con ὑπό seguito dal dativo. 3) Esiste poi il dativo etico, che indica una persona che partecipa emotivamente all'azione. Si traduce con il dativo semplice.

48

Al gruppo del dativo propriamente detto appartiene anche il cosiddetto dativo di possesso. È un costrutto tipico della grammatica latina e di quella greca. La persona che possiede l'oggetto viene espresso con il dativo, mentre l'oggetto posseduto in nominativo. L'oggetto è infatti il soggetto della frase, che si forma con il verbo essere. οἱ στρατιῶται ἒχοuσι μακρὰς ᾀσπίδας (i soldati hanno grandi scudi) diventa: τοῖς στρατιώταις εἰσὶν μακραὶ ᾀσπίδες.

Continua la lettura
58

Il dativo strumentale indica molte altre funzioni logiche. Si chiama anche ablativale perché ha le funzioni analoghe all'ablativo della grammatica latina. Troviamo il dativo per i seguenti complementi: 1) Il complemento di mezzo e strumento, che risponde alla domanda: per mezzo di chi? Per mezzo di cosa? Si traduce con il dativo semplice. 2) Il complemento di modo, che risponde alla domanda: come? In che modo? Si traduce anche questo con il dativo semplice. 3) Sempre con il dativo semplice si traduce anche il complemento di causa, che risponde alla domanda: per causa di chi? Per causa di cosa? 4) Infine il complemento di unione o compagnia, che risponde alla domanda: con chi? Con che cosa? Si traduce con il dativo semplice o con σύν seguito dal dativo.
.

68

Il terzo tipi di dativo è quello locativo, che ha fondamentalmente due funzioni logiche. La prima è il complemento di stato in luogo, che risponde alla domanda: dove? In che luogo. Si traduce con ἐν (più raramente ἐπί) seguito dal caso dativo. La seconda funzione logica è il complemento di tempo determinato, che indica il momento preciso in cui si svolge un'azione: quando? Si traduce con il dativo semplice oppure con ἐν seguito dal dativo.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando incontriamo un dativo non diamo mai per scontato il complemento, ma cerchiamo di capire il significato in base al contesto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica latina: come tradurre il dativo di possesso

Il latino insieme al greco è una delle lingue più affascinanti della letteratura mondiale. Molti di voi hanno già avuto la fortuna di studiare questa lingua al liceo, e di approfondire le regole basilari. Iniziare ad avvicinarsi allo studio della lingua...
Lingue

Come usare col dativo le preposizioni tedesche

Studiare le lingue è un modo utile per passare il tempo e per comprendere lo stile di vita di popolazioni differenti. Le lingue sono tantissime, ma per tutte all'inizio bisogna imparare le regole fondamentali. Le preposizioni rappresentano una parte...
Lingue

Tedesco: le preposizioni che reggono il dativo

Le preposizioni in tedesco hanno un utilizzo differente dall'italiano, a partire dalla presenza di tre casi. Queste infatti vengono divise in gruppi in base al caso che reggono, cioè con cosa si abbinano. Le principali preposizioni che reggono solo...
Lingue

Tedesco: i verbi riflessivi

Nel tedesco, i verbi riflessivi, come nella grammatica italiana, sono quei verbi che stanno ad indicare un'azione o un sentimento che è stato compiuto dal soggetto in una determinata frase. Assumono la definizione di "riflessivi", poiché nelle frasi...
Lingue

Lingua tedesca: i complementi

La lingua tedesca fa parte delle lingue indoeuropee e, oltre ad essere la lingua nazionale della Germania, viene utilizzata anche in altre nazioni del centro dell'Europa, come il Belgio, l'Austria, il Lussemburgo e la Svizzera. Ma anche nella nostra penisola...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
Lingue

Latino: perifrastica passiva

Come molti di noi sanno, il latino è una lingua abbastanza difficile da studiare. Si tratta di una grammatica piuttosto complessa che comprende diverse regole sia a livello di lessico che di costruzione delle proposizioni. Uno degli argomenti più spinosi...
Lingue

Come utilizzare i pronomi personali in tedesco

Nella lingua tedesca, la maggioranza degli oggetti grammaticali viene ricodificata a seconda del tipo di complemento in cui compare. Non fanno eccezione neppure i pronomi personali, per i quali si devono distinguere principalmente tre casi ben definiti:...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.