Grammatica greca: come riconoscere e tradurre il genitivo assoluto

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il genitivo assoluto è un costrutto della grammatica greca molto difficile da riconoscere e da tradurre. Dal punto di vista logico non appare complicato. Quando lo hanno spiegato in classe, infatti, pensavamo di averlo capito perfettamente. Il soggetto, rappresentato da un nome o un pronome, insieme al verbo coniugato al participio. Entrambi declinati al caso genitivo. Però durante le versioni di verifica non lo abbiamo riconosciuto. Magari non erano l'uno vicino all'altro e quindi ce lo siamo persi. Questo perché, nella maggior parte dei casi, i due elementi non si trovano assieme. Risultano invece mischiati con altri elementi del periodo e accompagnati da complementi vari.
Vediamo come riconoscere, e quindi anche tradurre, il genitivo assoluto.

28

Occorrente

  • vocabolario greco-italiano
  • pregresse conoscenze di grammatica greca
  • pregresse conoscenze di analisi logica e del periodo
38

Per prima cosa cerchiamo capire di cosa si tratta. A partire dal nome del costrutto, che fornisce un'indicazione preziosa per riconoscerlo. Infatti non si tratta di semplice teoria, perché è il primo strumento utile per il suo riconoscimento. Chiaramente si chiama "genitivo" perché entrambi i termini, soggetto e predicato, si trovano al caso genitivo. La parola importante però è assoluto. Viene dal latino "absolutus", che significa sciolto. Questo perché non ci sono elementi che legano il genitivo assoluto alla reggente. Ovvero non ci sono né pronomi relativi né congiunzioni che introducono la subordinata. Il genitivo assoluto si trova completamente sciolto e indipendente rispetto alla reggente. Per riconoscere il costrutto, quindi, è del tutto inutile cercare congiunzioni o pronomi che lo introducano.

48

Vediamo quindi come riconoscere il genitivo assoluto. La cosa migliore per trovarlo è guardare tutti i verbi. Per tradurre, prima di tutto dobbiamo riconoscere e sottolineare i verbi. Se troviamo un verbo al participio (di qualsiasi tempo) al caso genitivo, con ogni probabilità si tratta di genitivo assoluto. A questo punto occorre cercare il soggetto del participio, ovvero un nome o un pronome in genitivo. Deve risultare totalmente sciolto dalla reggente. In pratica non deve esserci nessun elemento che lo lega alla principale né rappresentare un suo complemento. Nel caso in cui il genitivo risultasse un complemento della reggente, allora in participio è semplicemente una relativa. Se invece risulta davvero sciolto, allora siamo sicuramente di fronte ad un genitivo assoluto.

Continua la lettura
58

Infine vediamo come tradurre il genitivo assoluto. Se ci sono pochi complementi possiamo utilizzare anche la forma implicita. Il verbo va al gerundio, presente o passato a seconda del tempo del participio, o al participio passato se il participio è al tempo passato. Il soggetto si colloca dopo il verbo, o tra l'ausiliare e il participio nel gerundio passato. Se invece abbiamo troppi complementi è preferibile utilizzare la forma esplicita. Dobbiamo capire che valore assume il participio e renderlo in italiano. Il genitivo assoluto può indicare una preposizione temporale, causale, concessiva o avversativa. In rari casi può rappresentare un'ipotetica condizionale. Si traduce quindi come il participio congiunto, ad eccezione della finale. Infatti il genitivo assoluto non può mai avere valore di finale.

68

Vediamo ora alcune differenze tra il genitivo assoluto greco e l'ablativo assoluto latino, visto le notevoli somiglianze tra i due costrutti. Innanzitutto in greco possiamo trovare tutti i verbi, mentre in latino non possiamo mai trovare il participio perfetto con i verbi intransitivi. In latino il costrutto risulta completamente sciolto, mentre in greco un pronome della reggente può richiamare il soggetto. In latino il soggetto non si omette mai il soggetto, mentre in greco si può anche tenere sottinteso. In latino non si forma l'ablativo assoluto con il verbo essere, che viene omesso, mentre in greco troviamo il participio di εἰμί.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel genitivo assoluto generalmente il soggetto è accompagnato dall'articolo, il participio no.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come usare il genitivo sassone

Attualmente per aver successo nella vita e nel lavoro oltre ad essere preparati nel proprio settore è necessario avere un minimo di esperienza. Le aziende ricercano personale che conosce almeno una lingua straniera per allargare il proprio raggio d'azione....
Superiori

Il genitivo latino: guida al suo utilizzo

In latino, il genitivo introduce il complemento di specificazione. Serve a specificare il concetto espresso da un sostantivo, da un aggettivo, da un verbo. Il genitivo latino, quindi, può dipendere da: 1. sostantivi; 2. aggettivi e participi con valore...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
Superiori

Come declinare gli aggettivi in Latino

Nel latino, come in italiano, bisogna declinare l'aggettivo in base al genere, numero e caso e possono essere suddivisi in prima e seconda classe: sono appartenenti alla prima classe quelli che escono dal nominativo singolare in: us - a - um; er - era...
Lingue

Tedesco: i casi

Il tedesco è sicuramente una lingua complicata da imparare, sia per il costrutto grammaticale che per la pronuncia, che può essere molto diversa dalla nostra lingua italiana. Una delle sue più complicate implicazioni riguarda lo studio dei casi. Vediamo...
Superiori

Come tradurre i pronomi relativi dal latino

Il compito del pronome relativo, in italiano così come in tutte le lingue del mondo, è quello di mettere in relazione tra di loro due tipologie di proposizioni. Come tradurre correttamente i pronomi relativi dal latino? Vediamolo insieme all'interno...
Superiori

Come riconoscere e tradurre l'ablativo assoluto latino

L'ablativo assoluto è, per tanti studenti, un costrutto latino di solito ostico. Non si riesce spesso a riconoscere e perciò anche la sua traduzione diventa difficile. La maggior parte delle volte, soggetto e predicato infatti non sono insieme, ma sono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.