"Gli idilli" di Leopardi in pillole

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Senza ombra di dubbio Giacomo Leopardi è uno degli scrittori o poeti più studiati e più conosciuti di Italia. Molte delle sue opere sono entrate di diritto nella storia della prosa; le sue tematiche dettate dal disagio che provava verso se stesso, su una vita fatta di rimpianti e di sofferenze. Gli studiosi hanno inserito gli scritti del poeta di Recanati nella corrente filosofica del Pessimismo, prima incentrato sulla sua figura e poi allargato ad una concezione più mistica e universale. Il Leopardi iniziò a comporre versi fin da giovano, motivo per cui le sue raccolte sono numerose; gli Idilli è una una di quelle raccolte, scritta tra il 1819 e il '21. Con Idillio si intendeva poemi con ambientazione semplice, bucolica, praticamente pastorale. Ma egli ne fece una concezione molto più filosofica e poetica. Ecco in pillole una spiegazione di tutti i componimenti della raccolta "Gli Idilli".

24

Partiamo col dire che "gli Idilli" comprendono sei poesie: La Sera del dì di Festa, Alla Luna, La Vita solitaria, il Sogno, Odi Melisso e l'Infinito. Alla Luna è composta metricamente da sedici endecasillabi sciolti, ed è una poesia di speranza e di ricordi malinconici. L'infinito è tutt'oggi la poesia più conosciuta e studiata di Leopardi. La riflessione sull'infinito è palese e il suo rapporto con "L'ermo colle" descrive in senso più stretto la definizione di idillio. Metricamente è composta da 15 endecasillabi sciolti.

34

La sera del di festa, scritta a poca distanza dall'Infinito. Ha come tema principale il confronto tra la sua condizione di infelicità (paragonata alla notte, all'oscurità), a quella di un pastore che torna a casa dopo aver festeggiato il giorno festivo, quindi simboleggiando un'immagine di felicità e soddisfazione. La poesia si divide in 46 endecasillabi. Odi Melisso si compone in 28 endecasillabi, è fondamentalmente un dialogo tra Melisso e Alceta, pastori che si raccontano i propri sogni confrontandoli. Lo stile è molto più popolano e meno poetico, proprio per rendere l'idea del dialogo.

Continua la lettura
44

Ne "il Sogno" invece vi è l'amore immaginato, quello idealizzato e sognato. Proprio come quando si sogna qualcosa di irraggiungibile egli sogna la sua amata e quando finalmente riesce quasi a toccarla si risveglia, trovandosi nella dolorosa vita reale. Si riporta automaticamente a "La vita Solitaria" in cui il poeta descrive tutta la sua amarezza per una vita in cui non sono gioie, non vi sono amori se non impossibili, e l'unica cosa che gli da conforto è la bellezza dei paesaggi della sua terra e della natura. È composta da 107 endecasillabi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Analisi de "La ginestra" di Leopardi

Giacomo Leopardi, poeta che vive lo spirito romantico di quell'epoca storica che traccia i suoi avvenimenti tra il 1798, data della sua nascita, e il 1837, data della sua morte. Giacomo Leopardi inizia la sua produzione poetica con una serie di Canzoni...
Superiori

Lo Zibaldone di Leopardi in pillole

Lo Zibaldone è una delle opere più famose di Giacomo Leopardi. È una sorta di diario, al quale il poeta affidò, quasi quotidianamente, nel periodo dal 1817 al 1832, tutta una serie di appunti, note, trattazioni su argomenti vari, osservazioni sia...
Superiori

"La sera del dì di festa" di Leopardi

"La sera del dì di festa" di Leopardi va a configurarsi come uno dei sei idilli contenuti nei versi del 1826, sebbene la data di stesura del testo sia da collocare intorno alla primavera del 1820. Nel Canto leopardiano è possibile distinguere due motivi...
Superiori

Giacomo Leopardi: le opere principali

Giacomo Leopardi fu uno scrittore di grande talento che nacque a Recanati nel 1798. Figlio di un nobile erudito e conservatore, Giacomo manifestò sin da subito un carattere mite e solitario, favorito soprattutto da uno stato di salute cagionevole. Visse...
Superiori

Breve analisi di "Alla Luna" di Leopardi

"Alla luna" è un idillio, cioè un testo poetico breve e con spiccate caratteristiche personali e soggettive, scritto probabilmente nel 1819 da Giacomo Leopardi. "Alla luna" si compone di sedici endecasillabi sciolti, distribuiti su quattro periodi sintattici...
Superiori

Analisi de "Il sabato del villaggio" di Leopardi

"Il sabato del villaggio" è una delle liriche più famose di Giacomo Leopardi. Composta nel 1829 a Recanati, è raccolta nei "Canti". La sua forma metrica è quella della canzone libera, costituita da quattro strofe di settenari ed endecasillabi alternati...
Superiori

Guida a "L'Infinito" di Leopardi

Nella guida che andremo a sviluppare a breve nei prossimi passi, ci occuperemo di poesia. Nello specifico, il poeta che tratteremo sarà Giacomo Leopardi, con la sua fantastica composizione intitolata "L'Infinito". Questa poesia è una delle più conosciute,...
Superiori

L'ultimo canto di Saffo di Leopardi

Saffo rappresenta senza dubbio una delle principali poetesse greche che vissero nell'arco di tempo tra il VII e il VI secolo a. C. Ne "L'ultimo canto di Saffo di Leopardi" scritto e ideato nel 1820, il tema centrale si snoda intorno al dramma di Saffo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.