Gli errori più comuni d'italiano

di Giovanni D'Alterio tramite: O2O difficoltà: media

L'italiano è una lingua abbastanza complessa; essa infatti presenta diverse specificità. Queste ultime sono legate a parole, verbi, punteggiatura e sintassi. Per evitare di commettere imprecisioni è fondamentale acquisire una corretta conoscenza linguistica. Studiare le regole grammaticali è indispensabile per il corretto utilizzo dell’italiano. Anche una lettura periodica aiuta ad evitare gli errori più comuni. Leggendo questa guida si possono avere alcuni utili consigli su come è possibile evitare gli errori più comuni d'italiano.

Assicurati di avere a portata di mano: Un buon libro di grammatica

1 Punteggiatura Uno degli errori più comuni è l’uso scorretto della punteggiatura. L'apostrofo è quello che crea maggiori difficoltà; bisogna ricordarsi che si deve utilizzare soltanto in caso di cacofonia. Cioè va usato quando cade la vocale alla fine di una parola; ad esempio “lo asciugamano” diventa “l’asciugamano”. L'articolo indeterminativo maschile "un" non va apostrofato, mentre "una" si deve apostrofare, ad esempio: "un albero", "un'anatra". Un errore che si fa spesso nello scritto è quello dell'uso degli accenti. Per non sbagliare basta ricordare che l'accento va utilizzato solo per le parole che si devono distinguere da altre, ad esempio: "sì" affermazione, "si" riflessivo.

2 Sintassi In italiano la sintassi ha delle regole precise. Se non si conoscono queste norme grammaticali si corre il rischio di commettere degli errori. Tra i più frequenti c’è quello della virgola interposta; essa non va mai posizionata tra soggetto e verbo. Non bisogna scrivere “io, mangerei la mela”, ma “io mangerei la mela”. Gli errori verbali più comuni sono l’uso del condizionale in sostituzione del congiuntivo. La corretta forma verbale è la seguente: se + congiuntivo + condizionale, ad esempio: se avessi voglia, studierei.

Continua la lettura

3 Grammatica Un errore grammaticale abbastanza comune è la mancanza della consonante "h" nel verbo avere.  Scrivere “Maria a studiato” è una gravissimo errore; “a” è una preposizione semplice e non l’ausiliare del verbo avere.  Approfondimento Come formare il periodo ipotetico in francese (clicca qui) È corretto scrivere “Maria ha studiato”.  Un'inesattezza grammaticale può essere anche l'uso di "me" e "mi"; a volte si dice: “a me mi piace”.  Questa struttura grammaticale è scorretta in quanto "me" e "mi' hanno lo stesso significato e si riferiscono alla stessa entità.  La giusta forma è “a me piace” oppure “mi piace”.  Generalmente si tende a raddoppiare alcuni suoni duri a fine parola, ad esempio "mercoledì"; nel parlato si raddoppia l'ultima sillaba.  Questo errore viene fatto soprattutto nelle zone del sud.

Non dimenticare mai: Lo studio accurato delle regole grammaticali ed una lettura costante vi aiuteranno a correggere facilmente eventuali errori d’italiano.

I 10 errori più frequenti in inglese Quella inglese è una lingua che s'impara con facilità. Certo ... continua » 10 regole per parlare bene l'italiano Si possono fare tante affermazioni sulla lingua italiana: è poetica, è ... continua » Come scrivere senza errori Secondo numerose ricerche, l'ortografia, la sintassi e la grammatica italiana ... continua » 5 regole per non sbagliare il congiuntivo Come voi lettori e lettrici ben saprete, uno dei tempi verbali ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.