Geometria razionale: l'equivalenza fra figure piane

di D'Ambrosio Luigi tramite: O2O difficoltà: facile

L’equivalenza tra figure piane viene stabilita attraverso determinati principi della geometria razionale. Le figure geometriche sono costituite da un insieme di punti, e vengono distinte in figure piane e figure solide. Mentre in quelle piane i punti sono collocati su uno stesso piano, in quelle solide i punti sono appartenenti a diversi piani nello spazio. In questa guida, si spiegherà una parte importante della geometria razionale, ovvero l'equivalenza fra figure piane. Si tratta di un concetto non troppo complicato, ma per comprenderlo al meglio sarà necessario seguire attentamente tutto il procedimento.

Assicurati di avere a portata di mano: Un buon libro di geometria razionale

1 Il principio di equivalenza Due figure piane vengono chiamate equivalenti, quando hanno la stessa area ed occupano la medesima superficie del piano. Il principio di equivalenza è basato su tre specifiche proprietà ovvero:
- La proprietà riflessiva secondo cui qualsiasi figura geometrica è equivalente a se stessa; -La proprietà simmetrica, per la quale se si hanno due figure A e B, se A è equivalente a B, anche B sarà equivalente ad A;
- Proprietà transitiva, secondo la quale avendo tre figure A, B, C, se A è uguale a B e B è uguale a C, per la proprietà transitiva A sarà uguale a C.

2 Il concetto di equivalenza Per poter risolvere bene i problemi con il concetto di equivalenza, bisogna ricordare alcune regole. La prima è che se due triangoli hanno base e altezza uguali, sono equivalenti. La seconda è che se un parallelogramma ha la stessa altezza di un triangolo e la base pari a ½ della base del triangolo, le due figure sono equivalenti. La terza regola afferma che se un triangolo ha base uguale alla somma delle due basi di un trapezio isoscele e la stessa altezza, ha la sua medesima area. La quarta che considerando un poligono inscritto in una circonferenza, un triangolo che ha altezza uguale al raggio della circonferenza e base uguale al perimetro del poligono, occupa la sua medesima superficie. Una volta memorizzati i principi di equivalenza, la risoluzione dei problemi sarà estremamente semplificata.

Continua la lettura

3 Un esempio Di seguito è riportato un esempio per chiarire il concetto di equivalenza.  Ci sono due triangoli ABC e DEF.  Approfondimento Come dimostrare il primo teorema di Euclide (clicca qui) Il lato BC misura 6 cm ed è congruente a EF, ovvero ha la medesima dimensione.  Anche la loro altezza è la stessa e misura 4 cm.  Per dimostrare l’equivalenza tra le due figure bisogna calcolarne le aree.  L’area di un triangolo si calcola con la formula:
base per altezza / 2.  Pertanto si avrà:
BC • AH/2 = 6•4/2 = 24/2 = 12cm²
EF • DG/2 = 6•4/2 = 24/2 = 12cm²
Essendo uguali le aree si vede che le figure sono equivalenti, anche se non sovrapponibili.

Non dimenticare mai: Il principio di equivalenza è dettato da regole ben definite. Dovete solo acquisirle ed esercitarvi.

Come dimostrare il primo teorema di Euclide In geometria, uno degli argomenti più importanti è il primo teorema ... continua » Come trovare le frazioni equivalenti A scuola non sempre è tutto semplice e facile da capire ... continua » Come calcolare il lato del rombo La guida che andremo a sviluppare ora, si occuperò di geometria ... continua » Come Calcolare L'Equivalenza Tra Due Generatori Parlando dei generatori, bisogna sapere e conoscere che il loro principale ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Appunti: geometria del piano

Si definisce geometria del piano quella parte della geometria che si occupa dello studio di oggetti "a due dimensioni", appartenenti quindi a un piano. Fanno ... continua »

Come risolvere le equazioni

Una materia che può presentare degli aspetti anche piuttosto ardui da comprendere è senza ombra di dubbio la matematica. In questa guida porremo l'attenzione ... continua »

Come risolvere le equazioni

Molto spesso quando si studio ci si imbatte in argomenti davvero molto difficili. Una materia che presenta molti aspetti piuttosto ardui da comprendere è senza ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.