Gelsomino notturno di Pascoli: commento e analisi

di A. C. tramite: O2O difficoltà: media

Lo studio e l'analisi delle poesie è un processo che richiede molto più impegno e attenzione di quanto ci si possa aspettare. La poesia "Gelsomino Notturno" di Pascoli, composta nel 1901 in occasione delle nozze dell’amico Gabriele briganti, accosta per sottili allusioni due vicende parallele: l’eros naturale e l’eros tra gli uomini. Vediamo quindi, attraverso semplicissimi e chiarissimi passaggi, il commento e l'analisi relativi alla poesia "Gelsomino Notturno" di Giovanni Pascoli. Ovviamente nulla vi impedisce, qualora incontraste problemi e ostacoli, di chiedere ulteriori consigli e chiarimenti al vostro professore.

1 Simbolismo erotico La dedica di pascoli nell’opuscolo nuziale a lo sposo con tema il simbolismo erotico della lirica: << a me pensi Gabriele Briganti risentendo l’odor del fiore che olezza nell’ombra e nel silenzio: l’odore del gelsomino notturno. In quelle ore sboccio un fiorellino che unisce al nome di un Dio e di un angelo, quello di un povero uomo: voglio dire, gli nacque il suo Dante Gabriel Giovanni>>.

2 IL tema dell’amore e l’atmosfera di “mistero” Il gelsomino notturno, che racchiude nel suo segreto la gioia della fecondazione rimanda per analogia all’atto amoroso degli sposi e alla procreazione. L’immagine iniziale del dischiudersi del fiore si ricollega a quella del calice fecondato dal polline e simbolicamente all’alveo materno e al concepimento di una nuova vita.

Continua la lettura

3 L’esclusione pascoliana e la protezione del nido L’io lirico, assumendo un punto di vista esterno lascia trasparire il dolore per l’esclusione dal processo naturale dell’amore.  Ogni tentazione d’apertura al mondo viene espressa solo indirettamente, attraverso simboli negativi che alludono alla morte e all’esclusione dall’amore della donna e dai rapporti effettivi con lei.  Approfondimento Breve guida alla poetica di Pascoli (clicca qui) Nello sguardo segue con attenzione i preparativi all’unione sessuale per contro l’io lirico si ritrae intimorito tra le certezze sostitutive e rassicuranti del nido come rifugio.

4 È molto efficace l’uso della sinestesia e dell’analogia: l’odore della corolla del gelsomino notturno evoca quello delle fragole, il cui colore rosso suole accentuare l’intensità: l’analogia, anche attraverso il procedimento della sinestesia, collega intuitivamente il campo semantico della terra a quello del cielo: quindi la chioccia diventa Chioccetta. L’aia diviene azzurra e il pigolio viene attribuito alle stelle. Vi auguro a questo punto buono studio e buon lavoro.

Il tuono di Pascoli: analisi e commento Giovanni Pascoli è uno dei più grandi autori della letteratura italiana ... continua » Analisi della poesia "X Agosto" di Pascoli Proponiamo l'analisi di una delle poesie più conosciute del poeta ... continua » "Lavandare" di Pascoli: analisi Tra la letteratura italiana di fine Ottocento, non si può non ... continua » Commento e analisi di "Canto notturno" di Leopardi Il "Canto notturno di un pastore errante dell'Asia" è considerato ... continua »

Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Charles Baudelaire: vita e opere

Charles Baudelaire è uno dei letterati più controversi del XIX secolo. È stato uno dei massimi esponenti del Simbolismo, corrente letteraria di origine francese sulla ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Banzai Media S.r.l., quale editore degli stessi, non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.