Francese: il congiuntivo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se per le vostre vacanze estive o invernali avete deciso di fare un viaggio nei paesini della Francia, ma non avete molta dimestichezza con i verbi e soprattutto con il congiuntivo, non dovete crearvi nessun problema poiché come si evince dai passi successivi di questa guida, impararlo nella lingua francese non è difficile, ma è sufficiente soltanto leggerli e memorizzarli, per poi usarli nelle varie circostanze che si presentano.

24

Il modo verbale del congiuntivo nella lingua francese si utilizza nella frasi quando abbiamo ad esempio il desiderio di esprimere un dubbio, oppure indicare un fatto possibile ma non ancora del tutto reale quindi il futuro. Questo è composto da quattro tempi: presente, imperfetto, passato e trapassato, ed è piuttosto facile da coniugare.

34

Effettuare quindi la coniugazione dei tempi del congiuntivo non è affatto difficile, ma basta soltanto ricordare alcune regole, utilizzando nel contempo una buona dose di memoria. Il congiuntivo presente si forma con la radice del participio presente del verbo e con le desinenze -e, -es, -e, -ions, -iez, -ent, uguali per i verbi di primo, secondo e terzo gruppo. Il congiuntivo passato, invece, si forma con il congiuntivo presente dei verbi ausiliari come "essere" ed "avere" ed il participio passato del verbo che stiamo coniugando. Veniamo adesso al congiuntivo imperfetto e a quello trapassato, ovvero dei tempi molto meno utilizzati nella lingua francese parlata. Il congiuntivo imperfetto si forma con la radice del passato remoto del verbo, aggiungendo semplicemente delle desinenze, che però si differenziano per i verbi di primo e di secondo gruppo. Per quelli di primo gruppo troiviamo: -asse, -asses, -at, -assions, assiez, -assent. Nel secondo gruppo invece le desinenze sono: -isse, -isses, -it, -issions, -issiez, -issent.

Continua la lettura
44

Il congiuntivo trapassato è formato infine dal congiuntivo imperfetto dei verbi ausiliari e dal participio passato del verbo. Se infatti ad esempio utilizziamo il verbo parlare (parler), questo si coniugherà nel seguente modo: que j'eusse parlé; que tu eusses parlé; qu'il eut parlé; que nous eussions parlé; que vous eussiez parlé, qu'ils eussent parlé. Il verbo partire invece (partir), diventerà: que je fusse parti; que tu fusses parti; qu'il fut parti; que nous fussions partis; que vous fussiez partis; qu'ils fussent partis). Come detto fin dall'inizio di questa guida l'unica difficoltà dell'uso del congiuntivo nella lingua francese è quella di memorizzare le varie regole per i diversi tempi, ma c'è da giurarci che una volta imparate, sarà molto più facile coniugare qualsiasi tipi di verbo e quindi capire e farsi capire alla perfezione dalle popolazioni locali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Grammatica: l'uso del congiuntivo

La grammatica italiana, presenta numerose sfaccettature e regole ben precise. Per tale ragione essere in grado di scriverla e parlarla in modo corretto, specialmente per persone di lingua diversa, non è un impresa molto semplice! In questa breve guida,...
Elementari e Medie

Come coniugare i congiuntivi in italiano

La grammatica italiana si compone di diverse regole ed eccezioni. Lingua neolatina conta svariati tempi e modi verbali. Il primo approccio all'italiano sarà sicuramente traumatico, specie con il congiuntivo, difficile da coniugare anche per i madrelingua....
Lingue

Tedesco: il Konjunktiv 2

Nella lingua tedesca, il Konjunktiv II, trova la sua corrispondenza in italiano nei seguenti modi verbali: congiuntivo e condizionale. Ecco spiegato perché, molto spesso, capiti ad un tedesco madrelingua che si cimenta con la lingua italiana, di fare...
Elementari e Medie

Grammatica: guida ai tempi dei verbi

La lingua italiana risulta essere una delle lingue più complesse (tra quelle che utilizzano l'alfabeto latino). Di certo, per comprendere perfettamente questa splendida lingua, la soluzione più adeguata sarebbe esattamente quella di rivolgervi ad un...
Elementari e Medie

Come fare per non sbagliare la concordanza dei verbi

Spesso ci capita, anche involontariamente, di ascoltare i discorsi delle persone che incontriamo quando andiamo a fare la spesa, al pub e alla televisione. Non vi è mai capitato di pensare "ma come parla questa persona?". Personalmente l'ho pensato spesso...
Elementari e Medie

5 regole per non sbagliare il congiuntivo

Come voi lettori e lettrici ben saprete, uno dei tempi verbali più complessi da imparare è certamente il congiuntivo. Il congiuntivo è un modo verbale che indica eventi non oggettivi, surreali, insicuri o non rilevanti Il congiuntivo (non solo per...
Elementari e Medie

Come ripassare i verbi

La coniugazione dei verbi italiani non è di certo tra gli argomenti grammaticali più facili da affrontare. Questo perché la nostra lingua, come la maggior parte di quelle romanze (ovvero le lingue che hanno subìto una dominazione romana, latina),...
Superiori

Come utilizzare i paradagmi dei verbi latini

I verbi latino sono un argomento difficile da imparare, soprattutto se abbiamo una conoscenza non ben approfondita della grammatica italiana. Magari con un po' di pratica riusciamo a riconoscere i verbi quando li troviamo in latino. Ma quando dobbiamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.