Francese: i verbi riflessivi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Con pochi e semplici passaggi vi sarà spiegato come utilizzare i verbi verbi riflessivi nel linguaggio parlato in Francia. Il francese, facente parte delle lingue discendenti dal latino, appartiene anche al gruppo delle lingue indoeuropee; essa può vantarsi del titolo di seconda per maggiore diffusione. Questa lingua non è altro che il frutto dell'influenza linguistica che il volgare ha ricevuto in Gallia dopo il quinto secolo. I verbi di tipo riflessivo sono quelli che esprimono un’azione che si riflette sul soggetto. Scopriamo insieme come conoscere i verbi riflessivi in francese. Basta seguire pedissequamente i passi esposti in questa per ottenere fin da subito dei risultati ottimali e più che soddisfacenti.

24

Verbi riflessivi

Il primo passo che dovrete seguire per imparare i verbi riflessivi francesi è quello di conoscere quali sono i pronomi che vengono utilizzati nella grammatica francese. Una volta conosciuti i pronomi, che si coniugano nelle forme di; je - me, tu - te, il - elle, on - se, nous - nous, vous - vous, ils - elles/ se, potrete dunque ottenere la forma affermativa di un verbo riflessivo attraverso la struttura: soggetto /particella riflessiva/ verbo. Per ottenere la forma negativa di un verbo riflessivo, dovrete seguire la struttura: soggetto/ ne / particella riflessiva / pas. La forma interrogativa di un verbo riflessivo si ottiene invece seguendo la struttura: est ce que/ soggetto / pronome riflessivo / verbo.

34

Forma interrogativa

Sappiate inoltre, che è possibile coniugare la forma interrogativa invertendone il soggetto e per farlo vi basterà seguire la struttura: Pronome riflessivo/ verbo/ soggetto. Se utilizzate questo modello di coniugazione, dovrete inserire il trattino tra il verbo e il soggetto. Ricordate inoltre che quando i verbi riflessivi si presentano nella forma dell'infinito, secondo la regola grammaticale francese, devono essere sempre preceduti dal pronome riflessivo. Invece, all'imperativo, i verbi riflessivi precedono sempre il pronome complemento.

Continua la lettura
44

Tempi composti

Con i tempi composti, i verbi riflessivi sono coniugati con l’ausiliare être; la posizione del pronome riflessivo si trova prima dell'ausiliare. Lo schema da seguire perciò è il seguente: soggetto/ pronome riflessivo/ ausiliare essere / participio passato. Vi auguro quindi un sincero buono studio. Vi consiglio caldamente  di esercitarvi, in modo da rendere più familiari i concetti esposti nei passaggi semplicissimi e molto chiari di questa guida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: l'imperativo

Studiare le lingue è una delle cose più belle che si possano fare. Ciò permette sia di comunicare meglio con persone di altri paesi, sia di studiarne la cultura. Studiare lingue è un mondo vasto ed affascinante, dove si possono conoscere molte persone...
Lingue

Francese: i verbi pronominali

La grammatica francese è molto vasta, come la grammatica italiana, in quanto presenta molti termini che vengono analizzati nelle diverse analisi, come quella grammaticale, logica e del periodo. L'analisi grammaticale analizza ogni singola particella...
Lingue

Francese: i verbi impersonali

In questa bella guida vogliamo proporre ai nostri lettori, un argomento tipico della lingua francese ed in particolar vogliamo imparare insieme a loto quali possono essere i verbi impersonali, in questa lingua veramente bella e particolare, da parlare...
Lingue

Spagnolo: i pronomi personali

Quando si impara una nuova lingua, la prima cosa da fare è capirne le regole grammaticali, le forme verbali e come viene composta una frase. Una delle cose fondamentali da conoscere sono sicuramente i pronomi personali. Essi infatti rappresentano la...
Lingue

Tedesco: il Plusquamperfekt

Il Plusquamperfekt, cioè più che perfetto, è un tempo verbale tedesco che corrisponde nella lingua italiana sia al trapassato prossimo che al trapassato remoto ed è composto dal preterito degli ausiliari sein e haben in unione al participio passato...
Lingue

Come formare il passato prossimo in francese

Nella lingua francese, così come in quella italiana, l'utilizzo dei tempi verbali fa parte integrante di una corretta conversazione a livello orale. Il passato prossimo, ad esempio, si impiega piuttosto frequentemente in numerose frasi. In francese questo...
Università e Master

Come Costruire Verbi Parasintetici

La lingua italiana presenta una grammatica abbastanza ricca, infatti sono molte le parti del discorso presenti nel linguaggio, come ad esempio: sostantivi, nomi, aggettivi, articoli, preposizioni, verbi, congiunzioni e avverbi e tutti devono essere analizzati...
Superiori

Come riconoscere i verbi difettivi

I verbi, nella grammatica italiana, sono molto numerosi. Coniugazioni, tempi e modi complicano non poco lo studio di questi importanti elementi delle frasi e dei discorsi della nostra lingua. Molto numerose sono anche le tipologie in cui i verbi vengono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.