Francese: gli aggettivi dimostrativi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Diversamente dalla lingua italiana, gli aggettivi dimostrativi francesi sono in numero nettamente minore rispetto a quelli italiani: ne esiste solo uno che mantiene la stessa radice sia nel maschile, nel femminile che nel plurale. Ciò che varia sono le desinenze finali, che cambiano a seconda del genere, del numero e di particolari regole grammaticali. Con i passi seguenti vedremo quali sono gli aggettivi dimostrativi francesi e quali regole utilizzare per farne un corretto utilizzo.

24

Usare singolare e plurale

Gli aggettivi dimostrativi in francese indicano la posizione di una persona o di un oggetto nello spazio, nel tempo e in un discorso rispetto a chi parla o ascolta. Similmente si coordinano sia nel genere che del numero del sostantivo a cui si riferiscono. Inoltre, possono indicare lontananza o vicinanza con l'aggiunta di particolari particelle grammaticali che ne definiscono il senso. Gli aggettivi dimostravi plurali mantengono anche la medesima forma sia per il femminile che per il maschile. Per quanto riguarda gli aggettivi dimostrativi femminili singolari, abbiamo solo cette che viene applicato a tutti i nomi femminili singolari. Gli aggettivi dimostrativi maschili singolari sono: ce o cet. Ce viene utilizzato prima del sostantivo di nome maschile che comincia con una consonante, mentre viene utilizzato cet se il nome che segue, comincia con una vocale.

34

Indicare vicinanza e lontananza

Questi aggettivi possono essere usati per indicare la vicinanza di un oggetto/persona rispetto a chi parla o ascolta. Nel caso della vicinanza, possiamo aggiungere all'aggettivo dimostrativo la particella "ci" (come ad esempio ce livre-ci est). Bisogna fare attenzione alla posizione, per cui andrà collocato prima l'aggettivo, poi il nome e dopo il nome la particella di posizione. Quando invece vogliamo rafforzare il senso di lontananza del nostro discorso aggiungiamo al sostantivo la particella di posizione "Là". Anche qui, come per la particella di vicinanza, essa andrà collocata subito dopo il nome di riferimento, per cui avremo: aggetti dimostrativo-nome- particella.

Continua la lettura
44

Conoscere le regole

Per finire, vediamo alcune regole generali che consentono un uso corretto di questi aggettivi: innanzitutto non bisogna mai anteporre due aggettivi dimostrativi insieme al sostantivo; invece è possibile utilizzare un aggettivo dimostrativo combinato con un aggettivo possessivo; utilizzare maggiormente la particella "là" quando vogliamo esibire espressioni di tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Grammatica: come distinguere il pronome dall'aggettivo dimostrativo

L'italiano è una delle lingue europee derivante dal latino. Presenta una grammatica complessa, ricca di regole ed eccezioni. Ecco perché in questa guida vogliamo darvi dei chiarimenti su un aspetto in particolare: come distingue il pronome dall'aggettivo...
Lingue

Tedesco: la declinazione degli aggettivi

Al giorno d'oggi è sempre più importante conoscere molte lingue perché questo ci permetterà sia di viaggiare nel mondo senza problemi, ma anche di poter lavorare in Nazioni diverse dalla nostra. La lingua più diffusa al mondo è sicuramente l'inglese...
Superiori

Grammatica latina: i pronomi e gli aggettivi possessivi

La grammatica latina prevede, così come quella italiana, una nutrita quantità di pronomi ed aggettivi, ognuno preposto ad una certa funzione. Gli aggettivi servono a qualificare un certo sostantivo, mentre i pronomi si utilizzano per sostituire un nome...
Lingue

Lingua finlandese: appunti di grammatica

Imparare certe lingue straniere per noi italiani soprattutto è fondamentale. Bisogna vedere però anche il livello di difficoltà di ogni lingua. Oggi andremo a vedere una lingua un po' insolita da quelle che sentiamo ogni tanto. Nella penisola scandinava...
Lingue

Come declinare gli aggettivi in tedesco

Ogni lingua che si decide di approfondire ha delle difficoltà e delle regole grammaticali, che possono essere davvero noiose e difficili da apprendere; sicuramente uno degli argomenti meno piacevoli della lingua tedesca risultano essere proprio le declinazioni...
Lingue

L'aggettivo in francese

Il francese è una delle lingue più affascinati e melodiche: una lingua neo-latina che, insieme all'italiano, allo spagnolo ed al portoghese condivide diverse "norme" grammaticali. L'aggettivo la fa sicuramente da padrone. Fondamentali nella costruzione...
Lingue

Lingua giapponese: gli aggettivi

Generalmente l'aggettivo in giapponese va a qualificare il nome a cui è preposto, ha un uso ben diverso dalla lingua italiana e può costruire un predicato, senza l'aiuto di un verbo. Vi sono ben sei forme di coniugazione che vengono utilizzate, ciascuna...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.