Fisica: il principio di conservazione dell'energia

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In fisica, un principio fondamentale è quello di conservazione dell'energia. Secondo questo principio, in un sistema isolato (cioè dove non esistono forze esterne) l'energia totale si mantiene sempre quantitativamente uguale, anche se avvengono trasformazioni al suo interno (per esempio il passaggio da energia elastica in energia cinetica, in energia potenziale, in energia termica, ecc.). In questa guida tenteremo di spiegarvi, per quanto sinteticamente, il principio di conservazione dell'energia.

24

Esempio delle biglie

Per meglio comprendere il principio di conservazione dell'energia, immaginate di aver disposto in modo ordinato delle biglie nella vostra stanza. Se, a vostra insaputa, un vostro amico entra nella stanza e si mette a giocare, può spargere le biglie. Al vostro rientro, andrete a raccogliere le biglie che avranno cambiato posizione. Poiché voi conoscete il numero iniziale delle biglie, se quelle che avete raccolto non corrispondono al numero iniziale, non dovrete fare altro che cercare con attenzione dove siano andate a finire le biglie mancanti. Questo esempio vuole dimostrare che, quando si determina l'energia a disposizione di un sistema fisico (nell'esempio del passo precedente, la stanza), essa può trasformarsi in altre forme di energia. Il suo valore totale, però, rimane costante. Questo a condizione che, come accaduto alle biglie, riusciamo ad individuare le trasformazioni subite dall'energia. Questo è uno dei più importanti principi della fisica, anzi uno dei pilastri su cui poggia tutta la fisica (sia classica che relativistica). In pratica, quando sembra che il principio di conservazione dell'energia non sia rispettato, significa che siamo noi a dover ricercare le possibili trasformazioni che l'energia ha subito.

34

Esempio del piano orizzontale

Prendiamo in considerazione un altro esempio: una molla carica che cede la sua energia ad un blocco che corre su un piano orizzontale. Nel momento in cui liberiamo la molla, l'energia del sistema coincide con quella elastica che possiede la molla carica. La molla agisce sul blocco che, a causa della forza elastica, aumenta di velocità acquistando energia cinetica. L'energia elastica della molla si trasforma quindi in energia cinetica del blocco, che inizia la sua corsa lungo il piano. Alla fine della corsa, l'energia meccanica è svanita e l'energia inizialmente posseduta dalla molla sembra scomparsa nel nulla. Il principio di conservazione dell'energia, nel caso specifico, indica chiaramente che l'energia meccanica si può trasformare in altre forme di energia e siamo noi che dobbiamo essere in grado di individuarle. L'energia elastica della molla è mutata, attraverso l'attrito del blocco con il piano, in calore assorbito dal sistema. Il sistema, quindi, complessivamente possiede sempre la stessa energia totale.

Continua la lettura
44

Conclusione

In generale possiamo quindi affermare che l'energia di un sistema non diminuisce o aumenta nel corso della sua trasformazione, ma semplicemente modifica la sua forma in un'altra. Il principio di trasformazione dell'energia vale anche per i fenomeni termici in base al primo principio della termodinamica. Se poi i fenomeni fisici avvengono a livello atomico o subatomico, il principio della conservazione dell'energia rimane comunque valido. Semplicemente assume una forma più generale che contempla la trasformazione della materia in energia (o viceversa) in base alla teoria della relatività.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il lavoro della forza elastica

La fisica è una materia affascinante, ma allo stesso tempo difficile da capire. I moti fisici ci circondano e si ripetono in continuazione, senza che ci si faccia caso. Una delle basi della fisica è la forza elastica. Uno studio completo della fisica...
Superiori

Come verificare sperimentalmente la legge di Hooke

È possibile dimostrare che un corpo elastico soggetto ad una forza F subisce una deformazione che è direttamente proporzionale all'intensità della forza applicata. Consideriamo una molla elastica del tipo elicoidale e diciamo L0 la sua lunghezza a...
Università e Master

Come risolvere un problema di fisica con la conservazione dell'energia

Va detto prima di tutto che, nell'analisi classica della fisica meccanica la maggior parte delle grandezze analizzate sono di natura vettoriale e ciò a volte può risultare non molto comodo da un punto di vista computazionale. Per tale motivo si predilige...
Superiori

Come Calcolare La Forza Elastica E Il Moto Armonico

Molto spesso la fisica sembra complicatissima da capire, con tutte le definizioni da imparare e tutte le formule da comprendere, ma basta una guida chiara e semplice per riuscire a capire i concetti fondamentali. Nella guida seguente vedremo come fare...
Elementari e Medie

Come eseguire una proporzione in percentuale

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire ed imparare come poter eseguire nella manier apiù corretta e semplice possibile, una proporzione in percentuale, da poterla utilizzaare quando ne avremo necessità a scuola o anche...
Superiori

Appunti di fisica: legge di Hooke

L'uomo ha da sempre studiato e osservato la natura per trovare risposte riguardo ai numerosi e svariati fenomeni che gli accadevano intorno. Tali grandezze sono spesso regolate da leggi di fisica, una tra queste è la legge di Hooke che studia il comportamento...
Università e Master

Come scrivere la lagrangiana in meccanica

Eccoci qui, ancora una volta a proporre ai nostri lettori un argomento alquanto interessante ed anche sempre attuale. Stiamo parlando del come far eper scrivere la Lagrangiana in meccanica, nella maniera più smeplice e veloce possibile. Inizizamo subito...
Università e Master

Come calcolare la deviazione standard della media

In questa guida ci occuperemo di un argomento molto interessante. Nello specifico ci occuperemo di come calcolare la deviazione standard della media adottando alcune formule particolari che devono essere necessariamente prese come punto di riferimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.