Filosofia: l'epicureismo

di D'Ambrosio Luigi tramite: O2O difficoltà: media

L'Epicureismo fa riferimento alla scuola del filosofo greco Epicuro. Da un lato infatti "epicureismo" identifica la filosofia vera e propria di Epicuro e, dall'altro, si riferisce a tutti quei pensatori che, nelle loro teorie hanno fatto riferimento al pensiero del filosofo. Per conoscere da vicino questa dottrina filosofica e capirne il significato più profondo, in questa guida prenderemo in considerazione gli aspetti della filosofia di Epicuro.

1 La Scuola Epicurea Epicuro nasce nel 341 a. C. A Samo e trascorre la sua vita ad Atene, dove fonda una fra le scuole filosofiche più importanti del mondo antico: la Scuola Epicurea. L'Epicureismo si concentra su diversi temi, molti dei quali ripresi nell'opera “De rerum natura”, composta dal poeta e filosofo romano Lucrezio, tra i primi e più grandi seguaci del pensiero di Epicuro. Tra le tematiche significative dell'Epicureismo troviamo la fisica, l'etica, la felicità, l'amore e la politica.

2 Il pensiero L'Epicureismo muove dalla convinzione che l'universo sia costituito da atomi che, con il loro movimento, generano tutto ciò che esiste. Nessun ruolo è svolto invece dagli dei, i quali, seppur non negati da Epicuro, sono sostanzialmente indifferenti nei confronti degli avvenimenti storici ed umani, sui quali non operano nessun intervento.

Continua la lettura

3 Le quattro grandi paure dell'uomo Gli dei insieme alla morte, al dolore ed all'infelicità, rappresentano nella pensiero di Epicuro le quattro grandi paure dell'uomo.  Ad esse è possibile far fronte solo con un'approfondita conoscenza dell'uomo e di tutto ciò che lo circonda.  Approfondimento Letteratura greca: Epicuro (clicca qui) La conoscenza della realtà è perciò l'obiettivo cui la filosofia deve tendere, per poter funzionare da "farmaco" contro la sofferenza, il dubbio e l'angoscia che caratterizza il genere umano.

4 Il Quadrifarmaco Per raggiungere tale obiettivo l'Epicureismo indica alcune regole fondamentali. Esse sono sintetizzate nel famoso “Quadrifarmaco”, 4 frasi da tenere a mente per contrastare i mali che affliggono la vita dell'uomo. La prima frase recita: “Gli dei non sono da temere”, per l'Epicureismo gli dei sono fatti di atomi proprio come gli umani. La seconda regola afferma che “Non c’è rischio da correre nella morte”, la morte è infatti una disgregazione di atomi.

5 Le regole Secondo la terza regola dell'Epicureismo “Il bene è facile da procurarsi”, ottenere felicità e piacere è semplice poiché la felicità non è altro che l'assenza del dolore. Infine la quarta regola per essere felici afferma che “Il dolore è facile da sopportare”, la sofferenza può essere debole oppure intensa.

Non dimenticare mai: Leggere il libro "Lettere sulla felicità" di Epicuro Alcuni link che potrebbero esserti utili: Treccani.it

Filosofia: il pensiero di Democrito Democrito è stato un filosofo greco, nacque ad Abdera nel 460 ... continua » Filosofia: il pensiero di Democrito Democrito è stato un filosofo greco, nacque ad Abdera nel 460 ... continua » Filosofia: il pensiero di Shopenhauer Siamo nella Germania dell'800 e un periodo in cui la ... continua » Filosofia: il pensiero di Shopenhauer Uno dei maggiori filosofi dell'800 è sicuramente Arthur Schopenhauer. Il ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Appunti di filosofia: Platone

La filosofia è una particolare disciplina che si occupa di riflettere sull'essere umano e sul mondo, ponendosi domande sull'esistenza, sul senso dell'essere ... continua »

Le odi di Orazio

Le Odi di Orazio costituiscono un corpo poetico raccolto in 4 volumi per un totale di 103 poesie che riprendono metri e componimenti differenti ma ... continua »

Filosofia: la scuola di Mileto

La filosofia è una materia piuttosto ampia e complessa, che ha rappresentato per millenni il pensiero degli uomini e ne ha influenzato le azioni. Moltissime ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.