Dottorato di ricerca: cos'è e come conseguirlo

di Edith L. tramite: O2O difficoltà: media

L'insegnamento a livello universitario o il lavoro nell'ambito del mondo della ricerca richieda un alto grado di istruzione e specializzazione in un ambito specifico. Per questo motivo esistono percorsi di formazione post laurea, come il dottorato, che rappresenta il grado di istruzione più elevato all'interno dell'ordinamento accademico italiano. Normalmente il dottorato ha una durata di circa tre anni ed è solitamente necessario per chi intende intraprendere la carriera universitaria. Talvolta, può essere ulteriormente prolungato fino ad un totale di quattro o cinque anni. Ecco allora alcune informazioni utili sul dottorato di ricerca: cos'è e come conseguirlo in Italia.

1 Accesso al dottorato Paragonabile al Ph.D dei Paesi anglosassoni, il dottorato con il conseguente titolo di dottore di ricerca è stato istituito in Italia nel febbraio del 1980. Tale percorso formativo può essere intrapreso da chiunque abbia già conseguito una laurea specialistica. Non vi sono limiti di età o legati alla cittadinanza. A seguito dell'uscita del bando di concorso, i candidati sono chiamati a sostenere una prova scritta il cui superamento prevede l'accesso ad un colloquio orale. I dottorati prevedono infatti un numero chiuso e gli argomenti delle prove sono attinenti al tema del dottorato stesso.

2 Dottorato con o senza borsa Pur accedendo a seguito di un iter formativo già completato, il dottorando presenta diritti e doveri di uno studente universitario. Un aspetto importante da considerare è la distinzione tra i dottorati con e senza borsa. Per borsa si intende un compenso annuale identico in tutte le università italiane che il dottorando può ottenere collocandosi ai primi posti della graduatoria. Le borse sono presenti in numero variabile a seconda dei fondi esistenti che, dopo i continui tagli alla ricerca nel nostro Paese, sono sempre minori.

Continua la lettura

3 Percorso di dottorato Il percorso formativo del dottorando punta a garantire l'autonomia nello svolgimento di progetti di ricerca ad alto livello.  Tal percorso può pertanto prevedere anche dei periodi di formazione all'estero oppure stage presso enti pubblici e privati.  Approfondimento Come accedere a un dottorato di ricerca (clicca qui) Gli obiettivi e i programmi di studio sono stabiliti dai preposti organi accademici.  Alla fine di ogni anno il dottorando è chiamato a svolgere una relazione annuale in merito alla sua attività di ricerca.  La valutazione, se positiva, permetterà di accedere all'anno successivo.  Terminati i tre anni convenzionali, il dottorando è chiamato a presentare una tesi di dottorato per mostrare il lavoro effettuato negli anni e gli obiettivi di ricerca raggiunti.

5 consigli per affrontare un dottorato di ricerca Vi state chiedendo cosa sia un dottorato di ricerca? In poche ... continua » Guida al dottorato di ricerca Il dottorato di ricerca è il più importante titolo di istruzione ... continua » Come prepararsi all'esame di dottorato Eccoci qui, bellie pronti, per leggere con voi una nuova ed ... continua » Come diventare PhD student Se siete degli studente brillanti, sognate di continuare la carriera accademica ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come riscattare la laurea

Forse molti non sanno che riscattare gli anni di studio universitario al fine di ottenere la pensione è possibile. Certo solo gli anni necessari a ... continua »

Come riscattare la laurea

Il riscatto della laurea è una pratica poco comune, tuttavia molto utile. Riscattare la laurea è principalmente utili per aumentare la pensione o per anticiparne ... continua »

Appunti di anatomia comparata

Oggi tratteremo alcuni appunti essenziali di anatomia comparata, la cui conoscenza è indispensabile per poter sostenere al meglio l'omonimo esame. Innanzitutto, bisogna capire che ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.