Dante e la "Vita Nova" : riassunto

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il Sommo Poeta ha legato il suo nome ad una delle opere poetiche più importanti di tutti i tempi, la Divina Commedia. Tuttavia, Dante scrisse anche molte altre opere intramontabili, tra cui la Vita Nova. Chi volesse gustarla dal vivo, potrà facilmente reperirla online su www.liberliber.it Questo capolavoro, originale mescolanza di prosa e poesia che assembla diverse fasi della vita di Dante, copre probabilmente un intero decennio della vita dell'autore. Per chi non ne conoscesse ancora i contenuti, ecco qui un breve riassunto, che fornirà un rapido affresco del soggetto e dell'atmosfera.

24

La forma e la materia

La Vita Nova è la maggiore opera giovanile di Dante dopo la Commedia. Consiste in un prosimetro che comprende 31 liriche (costituite da 25 sonetti, 4 canzoni, 1 ballata e 1 stanza isolata) e 42 capitoli. La stesura è avvenuta intorno al 1292-1293, ma i testi poetici in essa contenuti risalgono fino ad una decina di anni prima. La materia, proposta in modo lirico, è autobiografica. Egli vi racconta dei suoi anni verdi e soprattutto della passione che lo ha rapito da quando conobbe l'amata Beatrice, figura centrale che illumina l'intera opera. Inoltre ella sarà presente nella Divina Commedia, in particolare nel Paradiso. Come già anticipato, la particolarità di questo scritto giovanile è di essere composto in parte in prosa in parte in rima. Dante, seguendo i dettami dello stilnovismo, vi celebra il suo amore per Beatrice. Descrive in particolare un'esperienza mistica grazie a cui si affaccia ad una vita nuova. Va a tratteggiare dunque un percorso spirituale e sentimentale.

34

Il titolo e l'oggetto

Il titolo scelto dal poeta significa vita rinnovata, ossia illuminata dall'amore. Forse allude anche alla novità e all'originalità dell'opera. L'incontro con Beatrice dà luogo ad una forma di iniziazione spirituale, di cui Dante però diventa consapevole solo alla fine. Scritta dopo la morte di Beatrice (avvenuta nel 1290), consiste nella glorificazione dell'amata. Egli racconta anzitutto del suo amore sbocciato per questa donna angelica. La conobbe quando aveva solo 9 anni, però rimase marchiato per tutta la vita dalla sua visione. Dopo la morte dell'amata, cerca disperatamente di innamorarsi di altre donne, ma non ne è capace; da tale impossibilità si origina la stesura della Vita Nova.

Continua la lettura
44

La trama

All'inizio dell'opera il poeta racconta di aver visto Beatrice per la prima volta quando entrambi avevano 9 anni. La rincontra 9 anni dopo, a 18 anni. Il numero 9, che ricorre, si riallaccia alla Trinità e rappresenta il miracolo dell'amore. Dante è convinto che Beatrice fosse una specie di angelo, inviata da Cristo sulla terra per salvarlo. L'esperienza d'amore risulterà infatti purificante e salvifica. Tre sono le tappe principali della storia: la prima è pura gioia e spensieratezza, in cui Beatrice gli concede il saluto. Esso è fonte di un'assoluta beatitudine. La seconda, in cui lei gli rifiuta il saluto, rappresenta per Dante una sofferta maturazione. Egli finge di amare due donne diverse, che fungono da schermo, dedicando loro i suoi componimenti per sviare l'attenzione altrui e non compromettere così Beatrice. Sfortunatamente però lei presta attenzione alle voci e non gli dà più il suo saluto. L'ultima parla della morte della donna. Da questo momento inizia il rapporto tra Dante e lo spirito dell'amata. Egli capisce chiaramente che solo attraverso l'amore per lei potrà raggiungere Dio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Letteratura del XIV secolo

“Umanesimo” è un termine che deriva dal latino “studia humanitatis”. Fin dalla denominazione si vuole indicare un genere di studio, un'educazione di tipo letterario e filosofico volta ad una formazione completa dell'uomo. Nel corso del XIV secolo...
Superiori

La Divina Commedia in breve

La "Divina Commedia" è un poema scritto da Dante Alighieri tra il 1304 e il 1321, anni in cui il poeta era costretto a vivere lontano dalla città di Firenze, dalla quale era stato esiliato per ragioni politiche. La "Commedia" è una delle opere più...
Superiori

Appunti sulla Divina Commedia

La Comedìa (solo in seguito divenuta Divina Commedia) è la celebre opera di Dante Alighieri. Il poema, scritto presumibilmente tra il 1306 e il 1321, è stato scritto in volgare fiorentino, con influenze linguistiche provenienti dai più diversi contesti....
Superiori

Stilnovo: la donna angelo

Il Dolce Stil Novo è una corrente letteraria che si afferma a Firenze tra il 1280 e il 1310. Il nome di questo genere letterario venne coniato da Dante, nella sua più conosciuta opera, la Divina Commedia, nel XXIV canto del Purgatorio: con questo termine...
Superiori

Paradiso: appunti

La Divina Commedia, scritta da Dante Alighieri, è considerata, ancora oggi, una delle più importanti opere della letteratura italiana. Strutturata in tre cantiche (inferno, purgatorio e paradiso), essa affronta il viaggio immaginario del poeta attraverso...
Superiori

Letteratura italiana: guida al "Paradiso" di Dante

Il capolavoro di Dante Alighieri “La Divina Commedia” è composto da tre libri chiamati “cantiche”, ognuno dei quali formato da 33 canti. La metrica è composta da terzine di endecasillabi con rime incatenate. Questa opera, composta presumibilmente...
Superiori

Come spiegare e capire la Divina Commedia di Dante Alighieri

All'interno dell'ultimo triennio scolastico viene dato molto risalto ad una delle opere più importante della letteratura italiana, ossia la Divina Commedia. Essa aveva il compito di esaminare il ruolo della chiesa ed il suo rapporto con lo stato, infatti...
Superiori

Confronto fra Dante, Petrarca e Boccaccio

L'Italia, oltre ad avere una grandissima e gloriosa storia, sin dall'epoca dell'impero romano, è conosciuta anche per i suoi famosissimi autori di letteratura. Infatti, abbiamo avuto a Firenze, il famosissimo Dante Alighieri, per la sua opera maestosa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.