Dante e la "Vita Nova" : riassunto

di Carmelo Leotta tramite: O2O difficoltà: media

Dante o il Sommo Poeta come è conosciuto dai più, scrisse una delle opere poetiche più belle di tutti i tempi: "La Divina Commedia". Il suo nome, infatti, è indissolubilmente legato a questa celeberrima meraviglia della letteratura ma non solo. Dante scrisse tante altre opere famose di cui "La Vita Nova". Per chi non la conoscesse, daremo di seguito un breve riassunto in modo da poter dare un'idea del soggetto e dell'atmosfera di quest'altro capolavoro dantesco.

1 La Vita Nova è la più grande opera giovanile di Dante dopo "La Divina Commedia". Composta tra il 1292 e 1293 è considerato un romanzo autobiografico. Qui si racconta della giovinezza, dell'amore e della passione del poeta, negli anni in cui conobbe la sua amata Beatrice, personaggio etereo che ritroveremo anche nel Paradiso. L'opera è composta da 25 sonetti, 4 canzoni, 1 ballata e 1 stanza isolata. La particolarità di questo scritto è che è composto per metà in prosa e per metà in rima e ripercorre una sorta di percorso spirituale e sentimentale dell'uomo.

2 Il titolo scelto dal poeta sta a significare "rinnovata" ovvero illuminata dall'amore. Quest'opera è stata scritta, dopo la morte di Beatrice, ed è quindi una sorta di glorificazione della sua amata. Nel romanzo racconta passo per passo, il suo amore per una donna che vide soltanto due volte. Il poeta, infatti, la conobbe quando aveva appena 9 anni ma quella visione lo segnò per la vita. Nel romanzo, il poeta descrive la donna come un' angelo. Dopo la morte dell'amata, egli cerca di amare altre donne ma non riesce e da questa situazione che ha inizio la stesura della Vita Nova.

Continua la lettura

3 All' inizio di quest'opera, Dante racconta di aver visto la sua bella per la prima volta a soli 9 anni.  La rivede 9 anni dopo, cioè all'età di 18 anni.  Approfondimento Vita e opere di Dante (clicca qui) Secondo il poeta, Beatrice era una sorte di angelo, mandata da Cristo, in terra, per salvarlo.  Le tappe fondamentali di questo romanzo sono comunque 3, per riassumerle.  La prima fase, è quella della gioia, della spensieratezza e fonte di beatitudine e salvezza, cioè quella in cui Beatrice saluta per la prima volta, il poeta.  La seconda fase è invece fonte di maturazione e sofferenza per l'uomo, poiché la sua amata rifiuta il saluto.  Dante infatti, in quei giorni della sua vita, fa credere a tutti di amare due donne diverse, in modo tale da non attirare a sé l'attenzione, dovendo "giustificare" il suo amore per Beatrice.  Purtroppo, però anche ella, crede a questa voce, e si rifiuta di salutarlo.  La terza ed ultima fase narra la morte della donna, quando Dante comincia a raccontare il rapporto tra lui e lo spirito dell'amata.

Letteratura del XIV secolo “Umanesimo” è un termine che deriva dal latino “studia humanitatis”. Fin ... continua » La Divina Commedia in breve La "Divina Commedia" è un poema scritto da Dante Alighieri tra ... continua » Letteratura italiana: guida al "Paradiso" di Dante Il capolavoro di Dante Alighieri “La Divina Commedia” è composto da ... continua » Stilnovo: la donna angelo Il Dolce Stil Novo è una corrente letteraria che si afferma ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.