Creare un buon metodo di studio tramite il gioco

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Chi ha detto che lo studio deve essere soltanto fatica? Non è così, eppure per molti studenti, specie se giovanissimi, l'apprendimento scolastico è sinonimo di sforzi intellettivi e magari noia. In realtà non esiste lo studente svogliato, ma soltanto il metodo di studio sbagliato. Un esempio? Certi insegnanti carismatici, amatissimi dai propri alunni. Il loro segreto è riempire di entusiasmo ogni studente. Lo incuriosiscono, rendendolo assetato di sapere. In poche parole, creano motivazione. Se c'è questa, il gioco è fatto. E a proposito di gioco: ecco un'eccellente strategia per appassionare i più piccoli al loro dovere di studenti. Il gioco è familiare, diverte, aiuta a memorizzare i concetti. Ricordate la filastrocca dei mesi? Trenta dì conta novembre, con april giugno e settembre, di ventotto ce n'è uno e tutti gli altri ne han trentuno! Quanti bambini hanno studiato senza accorgersene la lunghezza dei mesi grazie ad essa? Il bello è che come metodo didattico, il gioco si può applicare a scuola come a casa. Funziona alla grande, perché, come il più carismatico degli insegnanti, crea motivazione. Vediamo quindi in che modo creare un buon metodo di studio tramite il gioco.

28

Occorrente

  • Ambiente giocoso e confortevole
  • Oggetti vari: giocattoli, matite colorate e fogli
38

Ambiente adatto

Un ambiente idoneo all'apprendimento deve possedere determinate caratteristiche. Nessun rumore a distrarre, tv e videogiochi banditi, sedia comoda, buona illuminazione. Non è però tutto qui: deve piacere al bambino. Il piccolo deve sentirsi a suo agio e desideroso di giocare. In tal modo, "dirottarlo" verso lo studio ludico sarà un gioco. Questa è la prima, fondamentale regola per creare un buon metodo di studio tramite il gioco.

48

Apprendimento attivo

Esiste un solo bambino al mondo sprovvisto di creatività? No! Ogni bambino è capace di osservare e interpretare la realtà in modo originale. Tale caratteristica è utilissima nello studio ludico. Facciamo un esempio: l'apprendimento dell'alfabeto. È una cosa che talvolta mette in difficoltà i piccoli studenti. Però chiediamo al bambino di associare a ogni lettera dell'alfabeto i suoi personaggi preferiti. Scommettiamo che si divertirà a farlo? Poco ma sicuro che in testa ha un nutrito arsenale di personaggi dei cartoni animati, delle fiabe, dei videogiochi. Naturalmente va bene anche il nome del suo gatto o del suo cane! L'importante è che tale nome inizi con la lettera giusta. In questo modo lo studente in erba esercita la memoria, la creatività e al contempo usa la ripetizione orale. Riguardo a quest'ultima, diversi studi riportano che ci si ricorda meglio quello che si dice rispetto a quello che si legge. Un buon metodo di studio tramite il gioco quindi la contempla sempre.

Continua la lettura
58

Apprendimento multisensoriale

La filastrocca dei mesi che ho citato nell'introduzione non è l'unico modo per imparare la loro lunghezza. C'è anche il metodo delle nocche: lo conoscete? Per cominciare, si chiude una mano a pugno. Poi si recitano i mesi toccando con l'altra le nocche e gli incavi che le separano. Le nocche sono i mesi con trentun giorni, gli incavi quelli con trenta. Fa eccezione febbraio, ma ogni bambino riesce a ricordarlo. Arrivati a luglio (l'ultima nocca) si riparte daccapo, con agosto che corrisponde alla nocca iniziale. Divertente, vero? Oppure mettiamo che il bambino debba imparare le forme degli oggetti. Mettetegli davanti alcuni oggetti mentre lui tiene (per gioco..) gli occhi chiusi. Poi chiedetegli di toccarli e di indovinare se hanno forma quadrata, rettangolare, sferica e così via. Se indovina tutto, un piccolo premio può starci bene. Ecco fatto, ha imparato senza fatica a distinguere le forme. Ora magari avrà voglia di disegnarle. Ricordate: un buon metodo di studio tramite il gioco accetta le novità. Se il bambino si diverte davvero, infatti, forse il metodo se lo perfezionerà da solo.

68

Apprendimento divertente

Le tabelline, che noia! Le abbiamo studiate tutti, ce l'abbiamo fatta, ma che fatica. Con il gioco è tutta un'altra storia. Specie se il bambino è in compagnia di altri studenti. Per insegnargliele vanno bene i soldi del monopoli, per esempio. Oppure fargli disegnare i risultati mano mano che li impara. O ancora, una canzoncina con testo libero da registrare. Il testo naturalmente sarà la tabellina del giorno, e il cantante il bimbo. Spiegato tutto questo, una cosa appare chiara. Un buon metodo di studio tramite il gioco è flessibile e personalizzato sulle esigenze dell'alunno. I concetti base però non cambiano: apprendimento attivo, multisensoriale e divertente. Senza dimenticare l'ambiente adatto.
Il successo è sicuro.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il gioco ludico richiede delle pause come lo studio tradizionale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Tabelline: trucchi per impararle velocemente

La guida che andremo a scrivere nei quattro passi che seguiranno questa brevissima introduzione, si occuperà di matematica. Andremo a proporvi un tema che è sicuramente molto utile per i vostri bambini, in quanto scenderemo nelle basi della matematica,...
Elementari e Medie

Come imparare a memoria le filastrocche

Quando siamo alle scuole elementari, gli insegnanti ci richiedono molte volte di conoscere a memoria poesie o filastrocche. Esercitare la memoria è un'operazione fondamentale, in grado di allenare il tuo cervello e che sicuramente ti servirà negli anni...
Elementari e Medie

I giochi più belli da fare in classe

Le lezioni scolastiche vengono spesso associate all'immagine del professore che dall'alto della cattedra spiega ad una platea variamente composta di alunni. Se il docente cerca di passare i contenuti solo tramite lunghi discorsi, l'esito sarà una noia...
Elementari e Medie

Come decorare un'aula scolastica

L'aula scolastica è il posto in cui uno studente passa buona parte della propria giornata. L'aula è un posto di apprendimento e di condivisione e sarebbe bello per gli studenti avere un'aula che sia ben decorata. Un'aula colorata renderebbe più vivaci...
Elementari e Medie

Come insegnare ai bambini le tabelline

Insegnare le tabelline ai bambini è spesso un incubo collettivo.Nella quotidianità della vita spesso l'insegnamento delle tabelline è un momento di grande difficoltà e talvolta di tensione. Speso questo momento di insegnamento è anche a ridosso della...
Elementari e Medie

Come aiutare i figli con le tabelline

Durante il percorso di studi delle scuole elementari e, aggiungiamo anche medie, uno degli argomenti più complessi da affrontare è quello relativo alle tabelline. Imparare il meccanismo tale da poter mettere a mente le tabelline talvolta è complesso...
Superiori

10 suggerimenti per essere felici a scuola

L'esperienza scolastica è fondamentale per ogni individuo, un momento irrinunciabile di crescita durante il quale il positivo e il negativo incidono il carattere determinando l'uomo o la donna che si affacceranno alla vita adulta. Rendere il momento...
Elementari e Medie

Grammatica: come capire l'uso dell'h

La lingua italiana è un vero e proprio patrimonio culturale che contiene una ricchezza lessicale sorprendente e meravigliosa. Eppure, è una lingua anche complessa, piena di sfumature e con una grammatica talvolta ostica anche per gli stessi italiani....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.