Come usare in inglese gli articoli indeterminativi

di Giulia Ciaramitaro tramite: O2O difficoltà: facile

Proprio come nella lingua italiana, anche in inglese gli articoli indeterminativi sono impiegati quando ci si riferisce ad oggetti, cose e persone generici e non specifici. Tra quelli dell'italiano e quelli della lingua inglese però ci sono differenze sostanziali, sia rispetto al numero degli stessi, sia in ordine alla concordanza con il genere del sostantivo che accompagna l'articolo. Per quanto riguarda il numero, in inglese sono previsti solo due articoli indeterminativi; riguardo al genere invece essi restano invariati. Per sapere come usare al meglio gli indeterminativi in inglese leggete i passi della seguente guida.

Assicurati di avere a portata di mano: Conoscenze di base della lingua inglese

1 Nella lingua inglese si hanno a disposizione solamente due articoli indeterminativi: "a" e "an". Entrambi traducono i nostri un, uno, una, un'. Per differenziare l'uso dell'uno o dell'altro, occorrerà fare riferimento al tipo di sostantivo che dobbiamo abbinare l'articolo: se il nome inizierà per consonante dovrai utilizzare "a". Troverete di seguito alcuni esempi per fare maggiore chiarezza. Se dobbiamo dire "un figlio, una bambina", l'articolo giusto è "a". In inglese, infatti, i due nomi "son, child" cominciano per consonante. Questa regola vale per tutti i sostantivi che iniziano allo stesso modo, di qualsiasi genere essi siano (femminile o maschile). Pertanto potremmo dire "A son", "A child".

2 Occhio, però perché ci sono delle eccezioni: alcuni nomi, pur cominciando per vocale e non per consonante, richiedono comunque l'impiego di "a". È il caso dei termini la cui iniziale è un'acca aspirata. Per tradurre "un cuore" bisognerà dire "a heart", perché l'acca è aspirata e quindi considerata come consonante a tutti gli effetti. Ugualmente, dovremmo scegliere l'articolo "a" per le parole che in inglese cominciano con la lettera "u" nella caratteristica pronuncia di "iu". Vediamo ora le caratteristiche dell'articolo indeterminativo "an". Tenete a mente che "an" andrà davanti ai sostantivi che cominciano per vocale.

Continua la lettura

3 Pertanto diremo "an apple" ("una mela"), perché in inglese la parola "apple" ha come prima lettera una vocale.  Dovremmo mettere "an" anche davanti a parole che presentano un'acca "muta", la quale pur essendo presente nella grafia, non produce suono e assume quindi la funzione di vocale.  Approfondimento L'uso degli articoli in francese (clicca qui) Pertanto tradurremo "un uomo onesto" con "an honest man".  Infine, è bene ricordare alcuni casi peculiari in cui i due articoli devono o non devono essere usati.  Sia "a" che "an", ad esempio, vanno impiegati quando ci si riferisce alle professioni e ai lavori, ad esempio "I'm a doctor" ("Io sono medico") o "she's an engineer" ("Lei è ingegnere"), oppure se si parla di disturbi fisici, come ad esempio "I have a headache" che significa "Ho mal di testa".  Essi, infine, non vanno mai messi davanti a sostantivi plurali o a nomi che non sono numerabili.

Non dimenticare mai: Essi, infine, non vanno mai messi davanti a sostantivi plurali o a nomi che non sono numerabili. Alcuni link che potrebbero esserti utili: Articoli indeterminativi Articoli indeterminativi | Grammatica Inglese Corso di inglese: articoli determinativi e indeterminativi Grammatica di English Gratis: Articolo indeterminativo articoli in inglese : a , an e the

Appunti di grammatica inglese La lingua inglese è ormai a tutti gli effetti parte integrante ... continua » Grammatica italiana: gli articoli In questa guida tratteremo un argomento molto basilare e semplice, presente ... continua » Grammatica italiana: gli articoli In questa guida tratteremo un argomento molto basilare e semplice, presente ... continua » Come usare l'articolo indeterminativo in spagnolo Al giorno d'oggi, la conoscenza di una o più lingue ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Tedesco: i casi

Il tedesco è sicuramente una lingua complicata da imparare, sia per il costrutto grammaticale che per la pronuncia, che può essere molto diversa dalla nostra ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.