Come Usare I Sostantivi In Spagnolo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Imparare una seconda lingua differente dalla nostra, è ormai diventato fondamentale sia per riuscire a viaggiare in altre nazione, ma sopratutto per trovare lavoro fuori dall'Italia. Tuttavia, imparare un'altra lingua non è mai un'impresa molto semplice e per farlo potremo recarci presso degli specifici corsi dove, insegnati della lingua da noi scelta potranno seguirci durante il percorso di apprendimento. Il costo di questi corsi, però, risulta abbastanza elevato e se vogliamo provare a risparmiare potremo imparare la lingua da soli. Per farlo sarà sufficiente trovare sul web delle guide che ci illustrino tutta la grammatica della lingua che vogliamo imparare, in questo modo studiando queste regole e facendo molta pratica sia con degli esercizi scritti e sia eseguendo dei dialoghi, riusciremo ad imparare la lingua desiderata. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad usare i sostantivi in spagnolo.

25

Occorrente

  • studio delle regole grammaticali
35

Come accade nella lingua italiana, anche in quella spagnola, i nomi si distinguono in due generi principali: i nomi maschili e quelli femminili. Di conseguenza gli aggettivi, i pronomi e gli articoli concordano con il genere del sostantivo. Generalmente sono maschili tutti quei nomi che terminano con la vocale "o" (ad esempio: el abogado); mentre sono femminili i nomi che terminano con la vocale "a" (ad esempio: la mesa).

45

In ambo i casi sono presenti delle eccezioni alla regola, per cui sarà opportuno prestare attenzione, ad esempio: "mano" termina in "o" ma è femminile; mentre "idioma" termina in "a", ma invece è maschile.
Esistono anche altre eccezioni: sono femminili anche i nomi che terminano in "ciòn" e "siòn" (ad esempio: la canciòn (la canzone), la pasiòn (la passione).
Infine, precisiamo che possono essere sia maschili che femminili, tutti quei nomi che terminano in "e", in consonante e in "ista" (come ad esempio: el coche, la mente; el paìs, la tesis; el periodista, la masajista).

Continua la lettura
55

Concludiamo facendo un ulteriore precisazione che riguarda quei nomi che possiedono un termine sia usato al femminile che al maschile, come: padre/madre, marido/esposa, actor/actriz.
In genere, le parole che terminano in "s" sono tutte plurali, mentre le altre sono singolari (esempio: el libro, los libros). I nomi maschili che terminano in "o" ed anche in "e", quando sono al maschile prendono la "s"; mentre i nomi che terminano con la consonante, prendono "es" i nomi femminili che terminano in "a" ed in "e" prendono invece, la "s" finale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: la declinazione dei sostantivi

Di seguito un po' di grammatica tedesca, veloce e di ripasso. Spero soprattutto che vi sia utile, e spero di essere stata il più chiara possibile. Ci tengo molto a dire che la grammatica tedesca è molto meno complicata di quello che si dice in giro....
Lingue

La formazione del femminile in francese

Il francese rappresenta sicuramente una lingua estremamente affascinante e al contempo piuttosto complessa. Impararla non è difficile, ma bisogna prendere in considerazione alcune regole fondamentali. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in...
Lingue

La forma plurale in inglese

L'inglese è la lingua più parlata al mondo. Ma siamo davvero capaci di parlarla?La scuola dovrebbe preoccuparsi di consegnare a tutti gli strumenti basilari della lingua, ma non sempre si riesce a trasmettere tutto ciò che c'è da sapere.Se volete...
Lingue

Come usare l'articolo indeterminativo in spagnolo

Al giorno d'oggi, la conoscenza di una o più lingue estere, è diventata di fondamentale importanza. Tra le lingue straniere comunemente più parlate e richieste, troviamo l'inglese, il francese, il tedesco e lo spagnolo, una lingua latina molto simile...
Superiori

Le 5 declinazioni latine

Il latino è una lingua flessiva, in cui le parti variabili del discorso sono soggette a mutamento nelle desinenze che indicano la funzione di ogni parola all’interno della frase. Se la radice di un vocabolo ne esprime il significato base, la desinenza...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
Lingue

Come declinare un nome latino

Fino a diversi decenni fa lo studio della lingua latina era previsto all'interno dei programmi delle scuole medie. Con l'evoluzione dei percorsi scolastici, il latino è divenuto una materia specifica per determinati studi, come quelli di alcuni particolari...
Superiori

Greco: la prima declinazione del sostantivo

La prima declinazione è quella dei nomi il cui tema termina con la vocale alfa breve o lunga. Essa comprende prevalentemente nomi femminili, ma anche qualche nome maschile. Ricorda che in attico alfa lungo si è generalmente trasformato in eta; tuttavia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.