Come trovare punti di flesso obliquo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'argomento principale attorno a cui si concentrano molte prove d'esame di matematica è lo studio di funzione. Questo particolare esercizio, oserei dire anche abbastanza lungo, consiste nella rappresentazione su di un grafico cartesiano della funzione data. Per rappresentare la funzione bisogna effettuare vari calcoli che servono a raffinare sempre di più il disegno del grafico. Questi calcoli consistono nello svolgimento del dominio di funzione, dello studio del segno, dei limiti, delle derivate e nell'individuazione dei punti di massimo, minimo ed eventuali punti di flesso. Qui di seguito vi spiegherò come trovare, studiando la derivata prima e seconda, i punti di flesso obliquo della funzione.

27

Occorrente

  • Carta e penna
37

Calcolo della deriva prima

Per prima cosa, l'individuazione del punto di flesso inizia dallo svolgimento della derivata prima. Una volta svolti tutti i calcoli della derivata, poniamola maggiore di zero dunque tracciamone il grafico e verifichiamo l'andamento della funzione per vedere se esistono punti in cui la funzione sale e scende. Se l'andamento è costante, ad esempio è sempre positiva o sempre negativa non ci sono punti di flesso. Ora poniamo la derivata uguale a zero e proseguiamo nel calcolo come se fosse una normale equazione. Se troviamo come risultato un numero diverso da zero allora siamo in presenza di un punto di flesso.

47

Calcolo della derivata seconda

Individuato un possibile punto di flesso, verifichiamo che tipo di punto di flesso è svolgendo la derivata seconda della funzione ossia la derivata della derivata precedente. Tracciamone il grafico e verifichiamo la presenza di un andamento alternato. Poniamo la derivata seconda maggiore e uguale a zero e otteniamo un risultato. Se la derivata non si annulla nel punto in cui avviene l'inversione della concavità del grafico allora siamo in presenza di un punto di flesso obliquo.

Continua la lettura
57

Tipi di punti di flesso

I punti di flesso dipendono quindi dallo studio della derivata prima e della derivata seconda sotto forma di disequazioni. Questo perché serve a capire quali sono i punti in cui la funzione fa un inversione di concavità. I punti di flesso individuabili sono di tre tipi: orizzontale, verticale ed obliqui e dipendono dal tipo di tangente che li attraversa. I punti di flesso a tangente orizzontale si individuano già dallo studio della derivata prima posta maggiore-uguale a 0 e si trovano nel punto in cui la derivata si annulla. I punti di flesso a tangente verticale si individuano invece verificando che la derivata prima abbia un andamento costante (tutto crescente ad esempio) ma viene individuato un punto per cui facendone il limite di funzione si ottiene infinito. Infine i punti di flesso obliqui, si verificano controllando che nell'andamento della derivata seconda non ci siano punti in cui la funzione si annulla.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per riconoscere i tipi di flessi bisogna guardare il tipo di tangente che si viene a formare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti matematica: studio della funzione a una variabile

Si avvicina il tempo degli esami e diventa opportuno fare un po' di ripasso dei principali argomenti di matematica. Un argomento che vediamo spesso nelle prove di esame è quello dello studio di funzione, dove, partendo da un'equazione data, lo studente...
Università e Master

Studio della derivata prima

Furono principalmente Newton e Leibniz a sviluppare, indipendentemente l'uno dall'altro, i concetti fondamentali del calcolo integrale. I due matematici riuscirono a fondere il calcolo integrale con il secondo grande ramo dell'analisi: il calcolo differenziale.Il...
Superiori

Studio completo di una funzione

All'interno della presente guida andremo a occuparci di matematica e, nello specifico, ci concentreremo sullo studio completo di una funzione. Andiamo immediatamente a trattare l'argomento.Lo studio completo di una funzione determina le caratteristiche...
Superiori

Come si studia la crescenza di una funzione

La matematica rappresenta senza dubbio una delle materie più complesse che ci siano. Non tutti infatti riescono ad imparare correttamente tutte le formule e le regole di cui essa è caratterizzata. Nella seguente guida in particolare verrà dunque spiegato...
Superiori

Dimostrazione della continuità di una funzione derivabile

La funzione è una applicazione matematica formata da x argomento o valore della variabile indipendente detto dominio della funzione e y valore della variabile dipendente, detto condominio della funzione. In esami o compiti in classe, spesso capita agli...
Superiori

Come disegnare una funzione

Qualora pensiate che disegnare un grafico di una determinata funzione (di qualunque tipo essa fosse) sia qualche cosa di veramente impossibile da fare, vi ricrederete immediatamente perché, nella seguente semplice e rapida guida che enuncerò nei passaggi...
Superiori

Come studiare una funzione Matematica

Una funzione è un insieme di operazioni matematiche eseguite su uno o più ingressi (variabili), che si traduce in un'uscita. Una semplice funzione potrebbe restituire l'ingresso più uno. Tale funzione sarà simile: Y = X + 1In questo caso, X nel valore...
Università e Master

Come trovare i punti critici di una funzione

L’analisi matematica è un campo particolarmente complesso, comprensibile solo grazie a buone basi matematiche e ad uno studio adeguato ed assiduo. Non è facile, infatti, sapersi districare tra i vari calcoli, formule e quesiti. Tramite questo tutorial,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.