Come superare l'esame di nefrologia

di Stefania Lettieri tramite: O2O difficoltà: difficile

Affrontare un esame è sempre un compito piuttosto difficile, in particolar modo se l'argomento che bisogna trattare risulta abbastanza complesso. È questo il caso dell'esame di nefrologia, il quale generalmente deve essere superato dagli studenti iscritti alla facoltà di medicina. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come superare questo esame.

Assicurati di avere a portata di mano: Testo base di nefrologia

1 Conoscere l'argomento Per prima cosa bisogna conoscere l'argomento da studiare. Il nefrologo è un medico specializzato in anatomia e fisiologia renale, cioè nello studio di come è fatto l'organo rene e di come funziona. Gli argomenti che tale medico deve conoscere sono innanzitutto il funzionamento del rene e i suoi disturbi come i disordini acido-basici, i disturbi degli elettroliti, i calcoli, l'insufficienza, i disordini vascolari, i tumori, l'ipertensione e le relative cure.

2 Capire i punti chiave Fondamentale è la conoscenza dell'anatomia e della fisiologia del rene. Ricordate che le funzioni principali di quest'organo sono innanzitutto la regolazione dell'equilibrio idro-elettrolitico. La seconda importante funzione è quella della regolazione acido-basica, un'altra è l'eliminazione di scarti metabolici. Infine il rene si occupa di produrre ormoni ed è un organo doppio, cioè ve ne sono due nel corpo umano e si trovano nella parte posteriore dell'addome. Il rene di destra è posizionato leggermente più in basso rispetto al sinistro e questa differenza dipende dal fatto che il fegato, trovandosi a destra, occupa dello spazio.

Continua la lettura

3 Imparare le anomalie Un altro argomento fondamentale è quello delle anomali urinarie, che sono legate a infezioni, bruciori o sanguinamento.  Queste devono essere identificate con tempestività e curate (specialmente nei bambini) perché possono essere spia di problemi più seri o possono degenerare.  Approfondimento Come superare l'esame di patologia clinica (clicca qui) Le alterazioni possono avvenire anche senza sintomi quali dolore o cattivo odore.  Pertanto è importante prestare attenzione a quanto spesso si urina.

4 Conoscere la sindrome nefritica È importante conoscere poi la sindrome nefritica e quella nefrosica. La prima si manifesta in molte nefropatie e solitamente provoca ematuria, cioè sanguinamento nelle urine, ed edema cioè acqua con ipertensione. La seconda invece consiste in un'alterazione dei glomeruli del rene che fa in modo che si perdano le proteine disciolte nell'urina.

5 Conoscere l'insufficienza renale Infine, importantissimo è conoscere l'insufficienza renale, sia cronica che acuta. L'insufficienza renale sta a significare che l'organo stesso non riesce a sostenere la sua funzione primaria. Essa si definisce acuta o cronica a seconda di quanto tempo interessa il rene, ma i sintomi sono generalmente gli stessi.

Come superare l'esame di anestesia e rianimazione L'esame di anestesia e rianimazione costituisce un passaggio molto importante ... continua » Medicina: appunti di anatomia L’anatomia dell’uomo è la scienza che tratta della forma ... continua » Come prepararsi per l'esame di Anatomia Umana Tra i corsi di studio universitari più impegnativi in assoluto, figura ... continua » Appunti di anatomia: il pancreas Uno degli organi più importanti presenti nel nostro organismo è il ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Cartesio e il suo metodo

La filosofia è una materia piuttosto interessante e complessa allo stesso tempo, nata secoli fa e sviluppata grazie alla mente di moltissimi teorici e studiosi ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.