Come superare l'esame di dermatologia e venereologia

di Ri Va tramite: O2O difficoltà: media

Un esame universitario è quasi sempre una prova impegnativa. Si inizia con il classico "Non ce la farò mai" e si finisce per rendersi conto che con impegno e buona volontà si può superare anche questo ostacolo. Come in ogni prova, anche qui la fortuna ha la sua parte, tuttavia è sempre meglio non fare affidamento a essa e studiare comunque. Se poi la fortuna arriva tanto meglio, sarà qualcosa in più che va a aggiungersi al risultato finale. Ci occuperemo in questa guida dell'esame di dermatologia e venereologia. Vediamo insieme come affrontare al meglio la prova.

Assicurati di avere a portata di mano: Programma del corso Libro di testo consigliato Appunti e dipense Tanta buona volontà

1 Iniziamo col definire meglio le due aree tematiche. La dermatologia è una branca della medicina che studia la pelle e i tessuti ad essa connessi, quindi peli (compresi i capelli), unghie, ghiandole sebacee e sudoripare. La venereologia invece entra più nello specifico della materia e si occupa delle cosiddette malattie sessualmente trasmissibili (MST).

2 Prima ancora di stendere il piano di studio è bene avere sotto mano il programma del corso dell'esame di dermatologia e venereologia. Soltanto così sapremo cosa dovremo fare e come farlo. La via principe per affrontare al meglio l'esame (ovvero qualunque esame universitario) è frequentare regolarmente il corso. Impegni di lavoro, familiari, o anche soltanto scarsa volontà a presentarsi alle lezioni, ci privano di quella freschezza delle nozioni che soltanto dalle parole di un docente preparato possiamo godere. Tuttavia anche se la nostra frequentazione è stata saltuaria non disperiamo. La prima cosa da fare è procurarsi il libro o i libri di testo. Ogni docente ha i propri titoli preferiti che consiglia ai suoi studenti. La scelta migliore ovviamente è seguire le sue indicazioni. Ma di titoli ne esistono a centinaia di ogni materia. Andare in biblioteca, in libreria, fare una ricerca su internet, o ascoltare i pareri di altri studenti che hanno già superato l'esame non può che esserci di aiuto. Avremo modo di valutare altri autori e di leggere gli stessi concetti espressi diversamente e magari in maniera a noi più comprensibile. Non dimentichiamo anche la variabile prezzo del testo. Valutiamo anche questo elemento in rapporto alla qualità del prodotto che stiamo acquistando.

Continua la lettura

3 Altro strumento importante di studio, soprattutto per chi ha frequentato poco e non ha appunti propri, sono le dispense del docente.  Molti di loro le preparano di anno in anno, e la loro completezza è a loro completa discrezione.  Approfondimento 10 consigli per affrontare al meglio l'università (clicca qui) Spesso sono molto utili, a volte sono poco più che tracce da seguire durante lo studio.
Ultimo strumento di studio sono i famosi appunti delle lezioni.  Se li abbiamo scritti noi abbiamo già fatto un bel po' di lavoro.  Se invece non ne abbiamo allora la solidarietà tra studenti potrebbe aiutarci a trovarne.  Saranno appunti da interpretare, ma comunque sempre utili perché sono stati ricavati direttamente dalle lezioni in cui noi non eravamo presenti.

4 Una volta raccolto il materiale di studio e valutata la quantità di programma da studiare, ci daremo dei tempi. Decidiamo di quanto tempo abbiamo bisogno per concludere lo studio e facciamo coincidere la data di scadenza con il primo appello a noi utile. Un programma di studio sincero e fattibile ci sarà molto utile per evitare di arrivare a tre giorni prima dell'esame con pagine e pagine ancora mai lette. Iniziamo leggendo tutto il materiale, sottolineando e cercando di schematizzare le cose più importanti. In un corso di dermatologia e venereologia, non sottovalutiamo gli argomenti come acne, infezione da HPV, melanomi e dermatiti in quanto sono problemi comuni alla professione medica ed è quindi sicuramente importante, oltre che ai fini dell'esame, conoscerli. Con l'aiuto degli appunti sarà utile anche segnare quali sono stati gli argomenti su cui i professori si sono soffermati maggiormente a lezione e su cui, quindi, è consigliabile spendere un po' di tempo in più. Durante la prima lettura, cercate di acquisire una visione di insieme della materia.

5 Fatto questo, rileggete e ripetete. Ognuno ha il proprio metodo di studio, tuttavia ripetere ad alta voce facilita il consolidamento delle nozioni. Inoltre può farci acquisire maggiore sicurezza di esposizione, abilità questa che in sede di esame ci aiuterà sicuramente.Assistere agli esami e appuntarsi le domande che il nostro docente fa agli altri studenti non è uno strumento di studio. È un'arma di studio vera e propria. Ogni professore ha i propri argomenti preferiti, molti di loro non hanno una grande fantasia, oppure sono annoiati dalla monotonia e ripetitività del compito. Comunque sia, spessissimo tendono a riproporre le stesse domane. Dunque, dedichiamo un po' di tempo del nostro programma a seguire gli appelli degli esami precedenti il nostro e annotiamoci tutte le domande. Le risposte non serve trascriverle. Soltanto le domande. E poi approfittiamo per studiare una po' i nostri colleghi studenti. Osserviamoli e quando toccherà a noi essere lì, non ripetiamo quei comportamenti che di loro non ci erano piaciuti o ci erano sembrati inadeguati.

6 Infine eccoci al tanto temuto giorno. Non facciamoci prendere dall'ansia. Stringiamo i pugni come a contenerla tutta e sediamoci con un sorriso. Sicurezza di esposizione innanzitutto, anche quando siamo consapevoli che magari quell'argomento di cui parliamo non lo possediamo come dovremmo. Ricordiamoci che i docenti non gradiscono la scena muta. Se proprio non conosciamo un argomento, riallacciamolo a qualche altro concetto limitrofo e che conosciamo bene e incominciamo a esporlo con sicurezza. A questo punto della nostra carriera universitaria dovremmo essere in grado di parlare comunque un po' di tutto e quindi le associazioni tra temi diversi dovrebbero riuscirci abbastanza agevolmente. A volte queste associazioni conducono a effetti insperati e il docente si dimentica della domanda da cui era partito. Comunque finisca, sarà sempre meglio che rimanere in silenzio.

Non dimenticare mai: Sottolineare e schematizzare le cose più importanti Studiare con un amico Assistere agli esami

Come superare l'esame di oftalmologia Se frequenti gli ultimi anni della facoltà di Medicina e Chirurgia ... continua » Come preparare un buon esame di maturità Non esiste una formula magica in grado di assicurarti automaticamente un ... continua » Come superare un esame universitario con 30 e lode Il periodo degli esami, per tutti gli studenti universitari, è il ... continua » Come superare l'esame di fondamenti di informatica Un corso di laurea che al giorno oggi offre numeroso sbocchi ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.