Come spiegare la decina ai bambini

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se abbiamo dei bambini piccoli che magari sono prossimi a frequentare la scuola dell'obbligo, possiamo insegnargli alcuni fondamentali principi della matematica. Nello specifico si tratta di spiegare loro, come calcolare la decina in modo semplice e di facile apprendimento. In riferimento a ciò, nei passi successivi di questa guida, vediamo come massimizzare il risultato.

25

Occorrente

  • Fagioli, elastici, buste, fiches, penne e matite.
35

Per avvicinare i nostri piccoli al concetto delle decine possiamo ricorrere a pratici esercizi di calcolo, usando degli oggetti come ad esempio i fagioli o dei sassolini. Inizieremo spiegando e mostrando loro che se abbiamo tantissime cose, la maniera efficiente di contarle è in gruppi, e non individualmente.

45

Mettiamo quindi due belle manciate di fagioli sul tavolo, e raggruppiamoli in mucchietti da 10 pezzi cadauno. Contiamo quanti gruppi da 10 pezzi abbiamo disposto sul tavolo, e tutti i fagioli presenti singolarmente. In questa maniera, i bimbi vedranno che avremo ottenuto la stessa somma, e si accorgeranno poi quanto sia più veloce e semplice contarli per gruppi o decine, piuttosto che per unità. Un secondo esercizio invece è utile al fine di insegnare i multipli della decina. Prendiamo una quantità di fagioli differente rispetto al primo gioco, raggruppiamoli in mucchietti da 10 cadauno e lasciamo qualche fagiolo sciolto. Adesso contiamo sia i mucchi da dieci e quelli singoli. Così facendo, introdurremo le parole ventina, trentina, quarantina ecc.. I bambini dovranno iniziare a comprendere il concetto di “gruppo”, “mucchio” o “blocco” che la decina identifica. Ll terzo esercizio si svolge usando delle borse o degli elastici, che servono per avvolgere 10 oggetti insieme (tipo penne o matite).

Continua la lettura
55

Il gioco prevede una regola: si potranno usare esclusivamente i numeri da uno a dieci, quindi sarà vietato usare le parole undici, dodici, tredici ecc.. Ogni giocatore deve aggiungere un oggetto sul tavolo, e pronunciare il numero totale di oggetti in forma suddivisa. Ad esempio “undici” si dice “dieci e uno”, “dodici” si dice “dieci e due” e così di seguito. Ogni qualvolta avremo raggiunto una decina intera, quei dieci oggetti verranno raggruppati in una busta o avvolti con un elastico. Infine dovremo affrontare il momento più difficile, ovvero rappresentare il concetto di decina sulla carta, per iscritto e con i numeri. Anche questa volta, ci faremo aiutare dagli esempi concreti per chiarire un concetto astratto. Ci occorrono oggetti di colori differenti, quali delle fiches da poker nei colori bianco, rosso e blu. Quelle bianche sono le unità, quelle blu le decine e quelle rosse le centinaia. Quest’associazione mentale, renderà tutto più comprensibile per i nostri bambini.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come Costruire Nomi Temporali In Cinese

Nella lingua italiana i nomi dei giorni della settimana sono per lo più legati ai nomi dei principali pianeti conosciuti (Marte, Giove, ecc.), mentre i mesi dell'anno prevedono origini e codifiche lessicali piuttosto eterogenee. Nella lingua cinese,...
Elementari e Medie

Come Verificare I Fattori Di Crescita: Temperatura, Luce E Acqua

Riuscire a curare i vari tipi di piante, in modo che possano crescere sempre forti e rigogliose, non è mai un'impresa semplice, sopratutto se non siamo degli esperti in questo campo ed è la prima volta che proviamo a curare il nostro verde. Tuttavia...
Elementari e Medie

Come si calcola il valore di una frazione impropria

Le frazioni sono uno degli argomenti più impegnativi che gli studenti di elementari e medie si trovano ad affrontare. Quando si abbandonano i numeri interi, infatti, abbiamo le prime difficoltà. Inizialmente riusciamo a capire le frazioni, finché si...
Elementari e Medie

Come fare le addizioni sull'abaco

I bambini, nella prima classe della scuola primaria, quando iniziano ad eseguire le prime addizioni di matematica sono soliti servirsi della linea dei numeri o dell'abaco. Quest'ultimo strumento viene rappresentato sui quaderni a quadrettoni attraverso...
Elementari e Medie

Come spiegare la divisione a due cifre ai bambini

La divisione a due cifre senza l'uso di una calcolatrice può risultare ostica perfino ad un adulto, figuriamoci ad un bambino di seconda o terza elementare. Bisogna, pertanto, essere davvero dei bravi insegnanti per riuscire a far comprendere velocemente...
Elementari e Medie

Come spiegare le addizioni in colonna

La matematica sarà il tema centrale della guida che seguirà. Una matematica elementare, in quanto proveremo a spiegare ai bambini come fare le addizioni in colonna. La procedura, come sappiamo, è davvero molto semplice, ma va compresa immediatamente,...
Elementari e Medie

Come spiegare il centinaio

In seconda elementare la matematica diventa più complessa. Oltre alle unità ed alle decine, si aggiunge anche il centinaio. Spiegare il concetto è relativamente facile. Tuttavia, alcuni strumenti come l'abaco, la linea dei numeri ed i blocchi multibase...
Elementari e Medie

Come insegnare i numeri ordinali ai bambini

I numeri naturali permettono di contare, ma anche di ordinare. Per contare si utilizzano normalmente i numeri cardinali, mentre per ordinare si sfruttano i numeri ordinali. In altre parole, i numeri ordinali si usano per indicare la collocazione o la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.