Come si scrive un testo regolativo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il testo regolativo è un tipo di testo molto comune e diffuso ma che non tutti sono in grado di scrivere nel migliore dei modi. Esistono differenti tipi di testi regolativi di cui facciamo abitualmente uso: basti pensare a leggi o norme che regolano i comportamenti in un determinato contesto, ai passi da seguire per cucinare un piatto o ai vari manuali di istruzioni. Vediamo allora come si scrive in modo efficace un buon testo regolativo.

27

Occorrente

  • Foglio
  • Penna
37

Ricerca e organizzazione delle informazioni

La stesura di un testo regolativo non richieda una notevole capacità di scrittura, poiché solitamente si tratta di testi alquanto schematici. Ciò che è rilevante è, tuttavia, la capacità di esprimersi correttamente in italiano al fine di fornire tutte le informazioni utili al lettore. Occorre, pertanto, avere a disposizione le informazioni necessarie e organizzarle in una scaletta da seguire passo passo secondo una successione logica e cronologica appropriata ai contenuti, al destinatario e all'obiettivo del messaggio.

47

Descrizione della stesura del testo regolativo

Una volta acquisite tutte le conoscenze e informazioni utili, è necessario formulare le istruzioni individuando dei punti: questa indicazione vale sia nel caso di una ricetta culinaria (dove si indicheranno in modo schematico gli ingredienti e i passaggi utili per la preparazione di una pietanza), sia per la stesura di un regolamento (in cui indicare cosa fare e non fare in un certo contesto). Il linguaggio da utilizzare deve essere chiaro e sintetico, avendo cura di formulare frasi brevi ma esaustiva, con una terminologia specifica e appropriata. Il lettore dovrebbe, infatti, essere subito in grado di comprendere ciò di cui si parla e seguire le indicazioni fornite. Nel testo regolativo può essere importante fornire anche dei riferimenti spaziali e temporali e rivolgersi ad un ipotetico e generico lettore, utilizzando il voi. Anche la grafica può essere curata in modo da evidenziare (ad esempio in grassetto) le indicazioni da seguire più attentamente e le informazioni più rilevanti.

Continua la lettura
57

Esempio di testo regolativo

Proviamo con un esempio a dare istruzioni su come si scrive un testo regolativo dopo aver acquisito tutte le informazioni necessarie.
1) Utilizzate frasi brevi e semplici.
2) Suddividete il testo in passi.
3) Date una sola istruzione in ogni passo.
4) Disponete le istruzioni in ordine di tempo (la prima azione che si deve compiere deve essere al primo posto nell'elenco. Al secondo posto la seconda e così via).
5) Corredate un passo con una breve nota esplicativa se temete di essere fraintesi o di essere stati poco chiari.

Analizzate ora il testo dato come esempio di come si scrive un testo regolativo:
1) Ogni frase inizia con un verbo al tempo imperativo presente, seconda persona plurale.
2) Ogni frase/passo è preceduta da un numero progressivo.
3) L' istruzione numero quattro è accompagnata da un chiarimento.

67

Considerazioni e note finali

Chiediamoci ora se le istruzioni date nel paragrafo dal titolo " Esempio di testo regolativo" di questo intero articolo sono le uniche scelte possibili per produrre un testo regolativo.
La risposta è no. Laddove si è ricorsi a una nota esplicativa (istruzione numero 4) è possibile un'altra formulazione. Invece che dire sinteticamente "Disponete le istruzioni in ordine di tempo" e spiegare poi cosa si intende, l'istruzione 4 potrebbe essere resa così:
4) Mettete al primo posto dell'elenco delle azioni la prima che dovete fare.
5) Mettete al secondo posto la seconda, al terzo la terza e così via.
Scegliere quest'ultima soluzione, invece che la prima dipende dal tipo di pubblico cui vi state rivolgendo. Per spiegare ad un bambino un nuovo gioco, ad esempio, è probabilmente migliore l'indicazione data in queste note finali.
Anche la scelta dei tempi grammaticali da usare non è così rigida. L'imperativo alla seconda plurale può essere sostituito con una seconda singolare o una prima plurale. "Date, dai, diamo" sono scelte da compiere a seconda del rapporto che volete creare con il vostro lettore: impersonale con "date", più diretto a un singolo individuo con "dai", più empatico e esortativo con "diamo".

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Esame terza media: come si scrive una lettera ad un amico

L' esame di terza media, rappresenta un passo molto importante della carriera scolastica dei ragazzi. Una delle prove previste e a cui si è sottoposti, è la verifica di italiano. Quest'ultima propone, tra le diverse opzioni, la scrittura di una lettera...
Lingue

Imparare a contare in giapponese

È risaputo che il giapponese è una lingua molto difficile. Imparare a contare, però, non è una sfida impossibile. Gli abitanti del paese del "Sol Levante" infatti utilizzano un sistema piuttosto logico che ne facilita l'apprendimento. Anche i bambini...
Lingue

Come si scrivono i colori in inglese

Con il passare degli anni la lingua inglese sta assumendo un'importanza talmente elevata da richiedere la necessità per qualsiasi famiglia di dover insegnare subito, fin dai primi anni di scuola, ai bambini almeno i termini basilari. Sebbene i corsi...
Elementari e Medie

Come fare l'analisi grammaticale di un verbo

La grammatica italiana è abbastanza complessa rispetto alle altre lingue come l'inglese; infatti, sono presenti varie particelle che devono essere analizzate singolarmente, come ad esempio: i nomi, i verbi, gli aggettivi, gli avverbi o le preposizioni....
Superiori

Latino: i congiuntivi indipendenti

Il latino era una lingua parlata anticamente in gran parte dell'Europa, soprattutto nella zona mediterranea. Oggi, invece, è una lingua che non viene più parlata in nessuna parte del mondo, ma ciononostante viene ugualmente insegnata in alcuni istituti,...
Superiori

Come fare un saggio breve

Il saggio breve è uno degli strumenti più utilizzati dagli insegnanti, soprattutto nei gradi più alti di istruzione. Si distingue dal tema in quanto chi lo scrive espone in maniera approfondita una tematica o un argomento aggiungendone il proprio punto...
Superiori

Come scrivere senza errori

Secondo numerose ricerche, l'ortografia, la sintassi e la grammatica italiana sono considerate tra le più difficili del mondo. Scrivere dunque senza compiere errori può apparire estremamente complicato. In realtà, come ogni disciplina, anche per l'ortografia...
Elementari e Medie

Regole d'uso dell'accento

L'accento rappresenta un tratto importantissimo dell'ortografia della lingua italiana, e non solo. I differenti accenti, infatti, conferiscono un diverso significato, semplicemente grazie alla loro presenza o meno in una parola. Storicamente, l'accento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.