Come si calcola il Coefficiente di Variazione in statistica

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una delle funzioni della statistica è quella di dare indicazioni sintetiche, sulle rilevazioni statistiche effettuate, tramite l'utilizzo di appropriati indici e valori. In questo articolo calcoliamo un indice di variabilità relativa: il coefficiente di variazione, chiamato anche deviazione standard relativa.

26

Occorrente

  • deviazione standard
  • valore medio (media)
36

Gli indici di variabilità relativa, come nel nostro caso, servono a confrontare le intensità dello scostamento dalla media (espressi dagli indici di variabilità assoluta i più comuni varianza e deviazione standard), che si registrano in due rilevazioni statistiche differenti espresse a loro volta in unità di misura diverse. Il coefficiente di variazione è quindi utile in questo senso perché è un valore puro che non tiene conto dell'unità di misura.

46

Il coefficiente di variazione è definito dal rapporto fra deviazione standard e media espressa in valore assoluto: V = s / |x|. Cosicché, a titolo di esempio, se ho due campioni statistici uno relativo al peso medio e l'altro relativo all'altezza media di adolescenti compresi tra i 12 e 16 anni, e ne ho ricavato la deviazione standard e il valore medio, al posto della deviazione standard, posso utilizzare l'indice in questione per confrontare la variabilità, in valore assoluto, delle due rilevazioni rispetto alla media. Il confronto va quindi effettuato tra i due coefficienti di variazione relativi ad ogni campione rilevato.

Continua la lettura
56

Tuttavia il coefficiente di variazione non è adatto ad indicare la variabilità di un campione quando la media assume valore 0 o quando la variabilità rispetto al valore medio è nulla. Infatti nel primo caso il risultato del rapporto (deviazione standard / media in valore assoluto) sarebbe un numero infinito, nel secondo caso non ha senso eseguire un confronto di variabilità semplicemente perché questa non sussiste in una (o in entrambi) delle rilevazioni statistiche.

66

Gli indici di variabilità misurano appunto il livello di variabilità di un carattere.
Ne esistono di due tipi:
1) gli indici assoluti;
2) gli indici relativi.

I primi dipendono dall'unità di misura del carattere e vi comprendiamo:


- Il campo di variazione (o range), che si indica con Cv ed è uguale a Xmax - Xmin (il risultato della differenza tra il valore osservato più grande e il valore osservato più piccolo);


- Le differenze medie, semplici o quadratiche, che consistono nel considerare le differenze tra ogni termine e tutti gli altri. Quando si includono nel calcolo anche le differenze (nulle) di ogni termine con se stesso, le differenze medie si dicono "con ripetizione". Si indicano con Delta;


- Lo scostamento quadratico medio, cioè la media quadratica degli scarti dalla media aritmetica. Si indica con sigma;


- La varianza, cioè il quadrato dello scostamento quadratico medio. Il numeratore della varianza si chiama "devianza". La varianza si indica con sigma quadro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Statistica descrittiva e inferenziale

La statistica è l'insieme delle metodologie utilizzate per studiare i fenomeni che hanno l'attitudine a variare. L'obiettivo di questa disciplina è quello di sintetizzare i dati, cercando di non smarrire troppe informazioni sui dati raccolti. In questa...
Università e Master

Come Effettuare Un Campionamento A Grappolo

In campo statistico esistono diversi tipi di campionamento che vengono utilizzati per desumere, a partire appunto dal campione, un informazione che appartiene a tutta la popolazione. In certi casi si ricorre al campione stratificato in cui si considerano...
Superiori

Come individuare la classe mediana

La statistica descrittiva è una delle sotto-discipline che compongono la matematica e si occupa di analizzare l'insieme dei dati raccolti studiando un carattere o attributo di un determinato insieme detto popolazione. Al fine di eseguire questa analisi...
Università e Master

Come Valutare La Deviazione Standard Come Incertezza In Una Singola Misura

La deviazione standard è un indice di dispersione di un insieme di dati partendo dalla sua media. Più i punti sono lontani dalla media, maggiore sarà la deviazione all'interno dell'insieme di dati. La deviazione standard è calcolata come la radice...
Superiori

Come Calcolare la dilatazione termica di un corpo

Tutti i corpi, sottoposti ad una variazione di temperatura, subiscono deformazioni più o meno evidenti. Qualitativamente questo fenomeno si può giustificare nel seguente modo: qualsiasi aumento di temperatura di un corpo materiale è accompagnato da...
Superiori

Come calcolare l'indice relativo di rifrazione

Nel mondo della fisica, quando si parla di onda, si intende una perturbazione che prende vita da una sorgente, ed è poi in grado di diffondersi nel tempo e nello spazio senza portare con sè materia, ma soltanto energia. Un'onda si può propagare sia...
Università e Master

Come Determinare La Dilatazione Volumica Di Un Solido

Riuscire ad ottenere buoni risultati nelle materie scientifiche non è un'operazione facile per tutti: molte volte difatti è proprio in tale ambito che si prendono i voti peggiori, che vanno ad impattare negativamente sulla media dei voti. Tra i molteplici...
Superiori

Appunti di fisica: la dilatazione termica

La scuola è un luogo fondamentale dove poter studiare e approfondire le varie materie. Tra le tantissime materie troviamo l'italiano, la storia, la geografia, l'arte e la matematica. Quest'ultima è importante per calcolare al meglio qualsiasi cosa....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.