Come scoprire il tipo di figura di un sillogismo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il sillogismo è una tipologia di ragionamento dimostrativo che fu teorizzato per la prima volta da Aristotele. Quindi per riuscire a procedere con tale dimostrazione è necessario imparare a conoscere le varie figure della teoria. Nei sillogismi infatti vengono fornite due proposizioni, che vengono definite premesse, dalle quali viene dedotta una terza proposizione, chiamata conclusione. Di conseguenza un ragionamento portato avanti con un sillogismo è sempre corretto e dipende dalla struttura e non dal significato delle parole. Le figure possibili di un sillogismo sono quattro e corrispondono ai primi quattro numeri ordinali: quindi sarà possibile avere sillogismi di prima, seconda, terza e quarta figura. Nei passi successivi, vedremo come scoprire il tipo di figura di un sillogismo.

26

Occorrente

  • Conoscenza delle regole.
36

Per riuscire a scoprire in quale di questi quattro tipi ci si trovasse, si deve innanzitutto scoprire qual è il termine medio del sillogismo che si intende analizzare. Esso coincide con l'insieme di oggetti che è presente in entrambe le proposizioni che fanno da premessa alla conclusione. Durante l'identificazione ci si deve ricordare che il termine medio è, per definizione, assente dalla conclusione del sillogismo. Procedere chiamando il termine medio con le lettere ME.

46

Procedendo si deve necessariamente scoprire qual sia il termine minore del sillogismo, che, quindi, coincide con la classe di oggetti che nella conclusione sta alla sinistra del verbo e che dovrà essere nominato MI. Di seguito si deve individuare il termine maggiore, che corrisponde all'insieme di oggetti che sta a destra rispetto al verbo sempre nella proposizione rappresentante la conclusione del sillogismo, che dovrà essere chiamata MA.

Continua la lettura
56

Una volta individuate le proposizioni si devono ricominciare ad analizzare le due premesse, se si riconoscesse lo schema soggetto-predicato della forma termine medio (ME) - termine maggiore (MA) in una premessa e termine minore (MI) - termine medio (ME) nell'altra allora ci si troverebbe davanti a un sillogismo della prima figura. Se invece si riconoscessero nella struttura delle premesse lo schema MA - ME e MI - ME sarebbe stato scoperto un sillogismo della seconda figura.

66

Se si prendesse in considerazione il seguente sillogismo: Tutti gli uomini sono figli di qualcuno e Tutti gli eroi sono uomini quindi (conclusione) Tutti gli eroi sono figli di qualcuno, applicando le definizioni fornite in precedenza nella guida è possibile qualificare come termine medio la classe degli uomini (che infatti non compare nella conclusione, mentre è presente nelle due premesse), come termine maggiore la classe dei figli di qualcuno e come termine minore la classe degli eroi. È possibile infine constatare che la struttura delle premesse è ME - MA (per la prima) e MI - ME (per la seconda) e quindi concludere riconoscendo un sillogismo della prima figura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Consigli per superare i test di Logica

I test di logica consistono soprattutto in problemi, la cui soluzione richiede facoltà di concentrazione, analisi e sintesi. Ci sono varie domande che riescono a valutare delle abilità specifiche. Capire il senso dei termini. Cogliere parole simili...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Galileo Galilei

Galileo Galilei nacque a Pisa nel 1564 da genitori della ricca borghesia. Ricevette una prima educazione del pensiero umanistico-letterario, seguita da saltuari studi di medicina. Egli è uno dei protagonisti indiscussi della Rivoluzione Scientifica,...
Superiori

Come Costruire Le Proposizioni Condizionali In Latino

Quando il professore o la professoressa di latino, ci assegna dei compiti di casa, riguardanti le proposizioni condizionali, e noi non sappiamo neanche cosa sono, non ci resta altro che studiare da soli l'argomento, tramite internet. Infatti, se il giorno...
Superiori

Grammatica: proposizioni soggettive e oggettive

Quando si impara una lingua una delle cose fondamentali da imparare al più presto è la gramamatica, argomento piuttosto complesso per chiunque, sia italiani che stranieri. Per poter studiare la grammatica italiana è necessario conoscere alcune nozioni...
Superiori

Come tradurre le proposizioni infinitive in latino

In latino, l'infinito oltre ad essere un modo verbale, può fare da soggetto o da oggetto di un'intera proposizione, che, a seconda della sua funzione grammaticale, viene denominata "soggettiva" o "oggettiva". Queste proposizioni in latino vengono definite...
Superiori

Come Comporre Una Proposizione Infinitiva In Latino

Uno dei costrutti più importanti da studiare per imparare al meglio la sintassi latina è sicuramente la proposizione infinitiva. Nelle proposizioni infinitive il predicato è costituito dal modo infinito. Una proposizione infinitiva può essere soggettiva...
Superiori

Come costruire le proposizioni temporali in Latino

La lingua latina viene definita una "lingua morta", ma viene tutt'ora studiata nei licei classici, scientifici, linguistici e così via. Per studiare questa lingua, è assolutamente necessaria una buona forza di volontà e molto entusiasmo, non trattandosi...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni strumentali

La guida che andremo a scrivere a breve si occuperà di grammatica. All'interno di questa materia specifica, ci concentreremo sulle proposizioni strumentali. Cominciamo insieme a ragionare su questo argomento.All'interno della lingua italiana, ci sono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.