Come risolvere una equazione alle derivate parziali

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La matematica non è un'opinione, diceva qualcuno! In effetti, se c'è qualcosa di preciso, rigoroso e non opinabile, questa è proprio la matematica, scienza univoca ed esatta. Se siete degli studenti di matematica, di fisica o di una delle numerose facoltà universitarie scientifiche approvate dal nostro ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca (MIUR), vi sarà capitato almeno una volta di imbattervi in una equazione alle derivate parziali.
In questa mini guida vedremo insieme come risolvere passo passo una equazione alle derivate parziali.

26

Occorrente

  • conoscenze matematiche
36

Le PDE (Equazioni derivate parziali, dall'acronimo inglese Partial Differential Equation) sono equazioni che relazionano funzioni incognite dipendenti da due o più variabili indipendenti, alle sue derivate parziali rispetto a queste variabili.
Questa definizione probabilmente non chiarisce nel migliore dei modi il concetto delle equazioni derivate parziali, ma ci basterà sapere che esse hanno l'utilità di descrivere in modo molto dettagliato e accurato determinati fenomeni naturali. Alcuni fenomeni che avvengono in natura infatti, dipendono da diverse variabili indipendenti (solitamente posizione e tempo): in questo caso è necessario utilizzare un modello differenziale alle derivate parziali perché il fenomeno sia descritto esaustivamente.

46

Le PDE sono utilizzate in diversi campi quali l'elettrostatica, elettro o aerodinamica, geometria differenziale, relatività e molti altri. Sono utilizzate per risolvere problemi come la propagazione di suono o calore in un dato spazio e anche, ultimamente, in medicina e biologia per descrivere fenomeni come la crescita e lo sviluppo delle cellule in vari tipi di tumori.

Continua la lettura
56

Un'equazione differenziale alle derivate parziali di ordine K ha la forma




in cui è K è un numero intero e la variabile X appartiene ad un sottoinsieme U di R. La funzione F è data, mentre la funzione U è l'incognita dell'equazione. Per risolvere un'equazione alle derivate parziali occorre quindi trovare l'incognita U. Nella maggior parte dei casi, trovare il valore esplicito dell'incognita U non è possibile: la soluzione sta nello studio dell'esistenza e delle proprietà che U deve o dovrà assumere.
SI può quindi affermare che la soluzione di un'equazione alle derivate parziali non può essere univoca, perché non possiede delle caratteristiche generali ma varia a seconda del problema. Informalmente, la soluzione di una PDE di ordine K è una funzione differenziabile fino all'ordine k-esimo, per cui tutte le derivate esistono e sono continue. Risolvere una PDE in senso classico significa dunque cercare una funzione liscia o almeno di classe C elevato alla K.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • spesso le PDE sono rappresentate utilizzando determinati operatori differenziali tra cui il Gradiente di U, la divergenza e il Laplaciano

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Equazioni di Cauchy-Riemann: dimostrazione

Nel campo matematico, ed in particolare, nell'ambito dell'analisi complessa, le Equazioni di Cauchy-Riemann rappresentano elementi di fondamentale importanza. Le equazioni di Cauchy-Riemann costituiscono condizione sufficiente e necessaria affinché una...
Università e Master

Come calcolare il gradiente di una funzione in n variabili

L'esame di matematica si avvicina e ancora arrancate? La matematica universitaria non è più come quella delle superiori? Niente paura perché, in realtà, è tutto il contrario. Oggi infatti ci leveremo un sassolino dalla scarpa, con questa guido impareremo...
Università e Master

Come calcolare la divergenza di una funzione

La matematica universitaria è un bel po' diversa da quella delle superiori, vero? Sì e no diciamo, molti concetti, anche se all'inizio non sembra, sono semplici ampliamenti di argomenti già visti alle superiori, triti e ritriti. Il segreto per imparare...
Università e Master

Come calcolare lo jacobiano di una funzione

L'esame di analisi è alle porte e preferireste seriamente lanciarvi da una finestra? Niente paura e mantenete la calma. Oggi affronteremo un argomento all'apparenza difficile, ma che, come vedremo, non richiede niente di più delle conoscenze che già...
Superiori

Come calcolare massimi, minimi e punti di sella con hessiano

In matematica, la matrice hessiana di una funzione di n variabili a valori in un campo di scalari, anche detta matrice di Hesse o semplicemente hessiana, è la matrice quadrata n × n delle derivate parziali seconde della funzione. Il nome è dovuto a...
Università e Master

Come risolvere un'equazione differenziale a variabili separabili

Vediamo insieme come risolvere un'equazione differenziale a variabili separabili: si trovano in alcune discipline. Di solito riguardano l'ingegneria è un concetto di equazione differenziale si presenta in vari contesti teorici e applicativi è fondamentale...
Superiori

Come calcolare il gradiente di una funzione a due variabili

Durante il nostro percorso di studi, universitario o scolastico, può capitare di imbattersi in qualche tematica piuttosto spinosa. Una delle materie più ostiche e temute è sicuramente la matematica.La matematica è senza dubbio una tra le tematiche...
Superiori

Derivate: regole di derivazione parziale

La matematica è una materia piuttosto ampia e complessa che racchiude in se moltissimi argomenti, molti dei quali collegati fra di loro. Tra gli argomenti più discussi e spiegati in ogni classe possiamo trovare le derivate parziali. Per imparare al...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.