Come risolvere un circuito col metodo potenziali nodali

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Per risolvere un circuito col metodo potenziali nodali, è necessario utilizzare la legge di Ohm, in moda da rilevare le correnti sconosciute dai potenziali nodi e dalle fonti di tensioni quando è necessario. Per tutte le correnti sconosciute, bisogna assumere la stessa direzione di riferimento (ad esempio indicando del nodo) per ogni applicazione della legge attuale di Kirchhoff. Ecco come risolvere un circuito col metodo potenziali nodali.

24

Nell'analisi dei circuiti a-dinamici lineari tempo invarianti, la risoluzione completa può essere intrapresa attraverso le semplici nozioni di resistenze in serie-parallelo, partitori di tensione, corrente e applicazione legge di Kirchhoff alle maglie e nodi. Tuttavia sopratutto nelle scienze applicate si preferisce privilegiare metodi molto più efficienti e veloci quale quello dei potenziali nodali. Prima di iniziare la trattazione di tale circuito va ricordato cos'è un nodo. Un nodo è un elemento del circuito in cui affluiscono 2 o più elementi differenti (rami del circuito). In ogni nodo vale la prima legge di kirchhoff, ossia la sommatoria delle corrente entranti deve essere nulla. Innanzitutto devi controllare la presenza di più generatori, generalmente maggiore è il numero di generatori di corrente più sarà indicata la scelta. Conta il numero di nodi all'interno del tuo circuito.

34

Il circuito dovrà soddisfare un numero di equazioni pari a n-1-l (con l=n°generatori di tensione in forma netta), dove per generatore in forma netta si intende un generatore di tensione che non sia connesso in serie con un resistore. Se n-1-l resta un numero molto cospicuo, allora probabilmente hai scelto il metodo sbagliato e ce ne sarà uno più opportuno come ad esempio il metodo delle correnti di Maxwell. Imposta un sistema di n-1-l equazioni avente per incognite gli n-1-l potenziali dei nodi del sistema analizzato.

Continua la lettura
44

Assegna ad un nodo qualsiasi (denomina A) il potenziale 0. Se il nodo contiguo ad A (denomina B) è connesso tramite un generatore ideale di tensione (E) allora il potenziale di tale nodo varrà proprio E. Se invece i due nodi sono collegati tramite un resistore allora imposta la seguente equazione: Ub (G1 G2 G3)-Ua (G1)-Uc (g2)->Ud (g3)=J O E/Ri dove G1 è la conduttanza tra i nodi A e B, G2 tra i nodi B e C, G3 tra quelli B e D. Applica il metodo ad un solo nodo, otterrai così tutti i potenziali di ogni nodo da cui potrai ottenere tutte le tensioni come differenza di potenziale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di fisica: i circuiti

Questi appunti di Fisica sono volti a fornire all'utente alcuni elementi chiarificatori circa lo studio dei circuiti elettrici. Occorre prima di tutto dare la definizione di corrente elettrica ovvero quel flusso di elettroni che si muove in maniera ordinata,...
Università e Master

Come risolvere un circuito magnetico

Un circuito magnetico è un nucleo ferromagnetico nel quale si induce un campo magnetico per mezzo di avvolgimenti percorsi da corrente elettrica alternata o per mezzo di magneti permanenti. Tali circuiti vengono impiegati per trasferire potenza attiva...
Università e Master

Elettronica: leggi di Kirchhoff

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri cari lettori, interessati a questi argomenti, a capire cosa siano le leggi di Kirchhoff, in campo di elettronica, in maniera tale da poterle utilizzare quando ne sarà necessario. Nell'ambito dell'elettronica...
Università e Master

Come dimostrare il teorema di Thevenin

In questa guida verranno date alcune informazioni utili su come dimostrare correttamente il teorema di Thevenin. Esso sostiene che qualsiasi rete elettrica lineare con tensione e con generatori di corrente, può essere sostituita ai morsetti "AB" di una...
Superiori

Come calcolare la caduta di tensione su una resistenza

In elettronica la parola 'resistenza' viene erroneamente utilizzata per identificare il 'resistore'... Ovvero quel componente che "si oppone" al passaggio della corrente elettrica... E di conseguenza provoca una d. D. P. (differenza di potenziale) e quindi,...
Superiori

Come applicare il teorema di Thevenin

Il teorema di Thevenin, un ingegnere francese che è vissuto tra il 18° ed il 19° secolo, rappresenta una via di risoluzione abbastanza semplice, riguardante le reti lineari complesse. Ovviamente, a prima vista può apparire come qualcosa di complicato,...
Superiori

Come Risolvere Un Circuito Con Le Correnti Di Maglia

Con il metodo esposto di seguito, è possibile riuscire a risolvere un circuito con le correnti di maglia. Questo sistema è molto raffinato e nello stesso tempo molto efficace in quanto, una volta che lo si padroneggia bene, permette di risolvere veramente...
Università e Master

Come applicare il teorema di Norton

Il teorema di Norton afferma che è possibile semplificare qualsiasi circuito lineare, a prescindere da quanto esso sia complesso, ricavando un circuito equivalente con un solo generatore di corrente e resistenza collegati in parallelo ad un carico. Come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.