Come rilegare una tesina

di D. D. tramite: O2O difficoltà: media

Tutti gli studenti prima o poi si trovano a dover affrontare la realizzazione di una tesina. Naturalmente perché sia apprezzata dai professori è necessario che sia ben fatta e curata in tutti i suoi aspetti. Naturalmente la cosa principale e forse più importante sono i contenuti, ma anche l'estetica ricopre un ruolo fondamentale. Non potrete presentare una tesina con fogli volanti o stropicciati. Dovrete quindi preoccuparvi anche della rilegatura.
In questo articolo vi spiegheremo come rilegare la vostra tesina.

1 Una tipologia di rilegatura semplice da realizzare è quella a spirale. Potete acquistare in cartoleria l'apposito strumento che serve ad ottenerla, oppure recarvi in una copisteria. I fogli (fino a una trentina insieme) vengono forati e vengono poi inserite all'interno dei buchi le linguette della spirale, di metallo o di plastica. Lo svantaggio di quella in metallo è che a lungo andare tende a rompersi facilmente, mentre la plastica è più resistente. Si usa inoltre collocare un cartoncino con dei motivi disegnati nella parte posteriore del plico, e un foglio in pvc trasparente sul davanti che lasci visibile la pagina iniziale.

2 Differente è la tecnica utilizzata per la rilegatura termica (o a caldo): anche per questo tipo è molto utilizzato negli uffici. Sono in commercio diversi tipi di macchinari professionali o piccole attrezzature casalinghe. L'aspetto positivo è che non crea spessore sul bordo e permette di impilare più tesine senza danneggiarle. Tuttavia, se le pagine vengono sfogliate spesso, è facile che si stacchino.

Continua la lettura

3 Se siete alla ricerca di una rilegatura più elegante e seria potreste optare per quella in pelle.  Ideale per le tesi di laurea, necessita del lavoro di un professionista, ma ne vale la pena: una stampa oro o argento sul fronte della copertina darà alla vostra presentazione un tocco unico e sofisticato.

4 Se invece non necessitate di un lavoro eccessivamente preciso o elegante potreste scegliere metodi più sbrigativi ed economici. Acquistate una bacchetta in plastica da inserire lateralmente: in commercio se ne trovano di vari colori e altezze e sono adatte anche per grandi quantità di fogli. Altrimenti potreste acquistare una cartellina con clip laterale, con il retro colorato e rigido e la copertina trasparente, o spillare i vostri fogli in un angolo, se desiderate un risultato più spartano e meno d'impatto.

5 In ultimo vi suggeriamo la rilegatura con colla a freddo. Per realizzarla dovrete impilare i fogli facendo combaciare perfettamente i bordi; Stendere con un pennello la colla lungo il dorso e applicare il cartoncino o il materiale che volete utilizzare per la rilegatura; quindi dovrete lasciare asciugare per una notte.
Un'idea elegante per una rilegatura di questo genere è usare un nastro in tessuto per rivestire il dorso; ricordatevi prima di spillare i fogli, molto a margine, per evitare che le pagine si stacchino.

5 errori da non fare nella stesura della tesina La tesina scolastica è un lavoro molto importante, per dimostrare agli ... continua » Come preparare la tesina per la maturità Ogni percorso di studio ha una sua fine, la fine per ... continua » Come rilegare gli appunti come un libro Gli appunti sono un elemento fondamentale per tutte quelle persone che ... continua » 5 semplici passi per preparare una tesina L'anno scolastico volge al termine e per molti studenti si ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.