Come riconoscere i metalli dai non metalli

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il titolo che accompagna la guida è molto chiaro, e ci fa comprendere immediatamente la tematica che verrà trattata nei prossimi passi. Andremo, infatti, a spiegarvi in pochi passi come poter riuscire a riconoscere i metalli dai non metalli. Cominciamo subito a ragionare su questi due concetti.
Imparare a riconoscere i vari tipi di metalli da tutti gli altri materiali non metallici può risultare molto utile e vantaggioso allo scopo di scoprire le varie proprietà di un certo tipo di materiale. Tutti i metalli appartengono a una particolare categoria che esiste nella tavola periodica degli elementi e quindi hanno delle specifiche proprietà che li distingue dagli altri materiali.

26

Occorrente

  • tavola periodica se possibile
36

Gli elementi della tavola periodica

Tutti gli elementi che compongono la tavola periodica, osservandoli bene, sono sostanzialmente tutti dei metalli, fatta eccezione per i gas nobili, per gli attinidi, per l'idrogeno e per alcuni elementi appartenenti sia al sesto che al settimo gruppo di elementi.
Questi metalli, come ho già detto precedentemente, possono essere riconosciuti abbastanza facilmente rispetto agli altri materiali.

46

Gli elementi metallici

L'aspetto fondamentale è quello di riuscire a riconoscere le varie proprietà che devono necessariamente avere gli elementi metallici. La prima proprietà degli elementi metallici che prendiamo in considerazione è quella della duttilità, e quindi della possibilità di poterlo deformare in maniere differenti andando ad applicargli una specifica forza. Ma non solo. I metalli hanno anche un'altra caratteristica, che è quella della malleabilità. Infatti, un metallo può essere tagliato, con opportuni macchinari, in sottilissime lamine. Inoltre tutti i metalli sono dei buoni conduttori sia di energia elettrica che di calore. Infine i metalli riescono a riflettere più di tutti la luce.
Tutti i metalli, ad eccezione del mercurio che si presenta in natura allo stato liquido, a temperatura ambiente sono allo stato solido. Infine tutti i metalli, tranne l'oro che si presenta giallo e il rame che si presenta verde, hanno un tipico colore grigio.

Continua la lettura
56

Gli elementi non metallici

All'interno dei due passi che abbiamo sviluppato, abbiamo elencato una serie di specifiche proprietà dei metalli, che vanno a distinguerli dagli elementi non metallici. Di conseguenza, qualora volessimo andare a scoprire se un elemento sia o meno non metallico, dovremo applicare a esso delle prove di taglio, in modo tale da poter comprendere se esso sia o meno duttile. Per scoprire se possiede oppure non possiede le proprietà che ho elencato precedentemente al passo 2, che come abbiamo visto sono solo caratteristiche degli elementi metallici.
Inoltre nella tavola periodica degli elementi di solito tutti i metalli vengono contrassegnati con un altro colore rispetto agli altri elementi e adesso sappiamo il perché.
Eccovi un link utile su questa tematica:.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come leggere una tavola periodica

La tavola periodica è stata ordinata per la prima volta dallo studioso e scienziato Mendeleev, il quale capì che gli elementi chimici avevano fra loro delle caratteristiche simili, e via via che studiava nuovi elementi, decise di accostarli per queste...
Superiori

Appunti: chimica inorganica

Appunti: Chimica Inorganica, è quella branca, che si divide dalla chimica organica, e si occupa dello studio degli elementi, della sintesi e della caratterizzazione delle sostanze inorganiche. Rimangono quindi esclusi da questo studio (ad eccezione di...
Università e Master

Come dare la Nomenclatura Tradizionale Agli Ossidi

Nella seguente semplice e rapida guida che vi andrò ad enunciare immediatamente nei passaggi successivi, vi spiegherò molto brevemente, ma comunque dettagliatamente, come bisogna dare oppure applicare la nomenclatura tradizionale agli ossidi. Specificatamente,...
Università e Master

Come determinare le caratteristiche fisiche degli elementi chimici

La conoscenza delle caratteristiche proprie di ciascun materiale è indispensabile per il corretto utilizzo dello stesso. Tali caratteristiche sono date dall'insieme delle proprietà fisiche, chimiche, tecnologiche e meccaniche dei materiali, riassunte...
Superiori

Fisica: conduttori e isolanti

Le sostanze nella materia di fisica, vengono sempre suddivise in due categorie, quelle isolanti e quelle conduttori. Con l'evolversi degli studi, i matematici e gli scienziati, sono arrivati alla conclusione soltanto i metalli non potevano essere conduttori...
Università e Master

Le regole per determinare i numeri di ossidazione nei composti

La chimica è una materia molto affascinante che invoglia molti studenti per la possibilità di provare e sperimentare miscelando. Però per arrivare alla fase sperimentale si deve necessariamente passare attraverso la teoria e lo studio delle reazioni,...
Università e Master

Come dare la nomenclatura Iupac ai composti ossidi

Durante i cinque anni di liceo tutti gli alunni, specialmente coloro che frequentano il liceo scientifico, devono affrontare il tanto temuto capitolo della Nomenclatura, cioè del dare i nomi specifici ad ogni elemento e composto chimico. Esistono diversi...
Superiori

Come determinare il numero di neutroni in un elemento

La scienza ha sempre ricercato delle spiegazioni semplici e logiche per la descrizione di ogni fenomeno naturale. Nulla di più semplice e allo stesso tempo affascinante della chimica, il cui studio si basa sullo studio degli elementi, racchiusi nella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.