Come ricavare una sollecitazione di torsione

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Negli studi di meccanica o di scienza delle costruzioni si effettuano delle analisi finalizzate al calcolo delle sollecitazioni e degli sforzi elementari a cui un determinato oggetto viene sottoposto. È possibile inoltre calcolare le deformazioni nelle varie direzioni che vengono causate da questi sforzi elementari. I principali sforzi elementari, più frequentemente oggetto di studio, sono: sforzo di compressione, sforzo di trazione, sforzo di torsione e sforzo di taglio. La loro analisi richiede una procedura ben precisa. Vediamo insieme, in questa pratica guida, come ricavare una sollecitazione di torsione mediante una procedura analitica.

27

Occorrente

  • Calcolatrice
  • Carta e penna
37

La torsione è lo sforzo elementare la cui sollecitazione è rappresentata dal momento torcente. Se si analizza una trave, il momento torcente è quella coppia che tende a far ruotare la trave attorno al proprio asse. Esso sarà quindi rappresentato dalla formula Mt=F*d in cui F è la forza applicata e d è la distanza tra il punto di applicazione e il baricentro della trave. Considerando una barra a sezione circolare, in cui non è necessario effettuare nessuna approssimazione e in cui potremo quindi ricavare una soluzione esatta, la formula che permette di calcolare la deformazione è g=(fi/L)*sqrt (x^2+y^2). Fi rappresenta l'angolo di torsione, L la lunghezza della trave.

47

Occorre a questo punto ricordare la relazione che permette di esprimere il momento torcente: Mt=Tmax*Jzz/c in cui Tmax è il massimo sforzo, Jzz rappresenta il momento secondo d'area della trave e c costituisce la distanza massima dal centro. Jzz è calcolabile effettuando un integrale sull'area della somma dei quadrati di x e y. Jzz varierà a seconda del tipo di sezione: occorre quindi conoscere se la sezione circolare studiata sia piena o cava ed utilizzare quindi la formula del momento secondo d'area più opportuna.

Continua la lettura
57

A questo punto, mediante un ultimo passaggio è possibile ricavare la sollecitazione esatta che viene esercitata sulla trave. Essa sarà espressa dalla formula Tt=(Mt/Jzz)*sqrt (x^2+y^2). Ricordando i legami rappresentati dalle equazioni costitutive, è possibile ricavare anche l'angolo di torsione fi. Esso sarà calcolato utilizzando la formula: fi=(Mt*L)/(Jzz*G) in cui G rappresenta il "modulo di elasticità tangenziale" o "modulo di scorrimento" e dipende dal materiale di cui è composta la trave ed in parte anche dalla temperatura di esercizio. Spesso esso viene ricavato proprio dalla formula precedente, effettuando dei confronti con prove sperimentali.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripassate bene gli sforzi e le equazioni costitutive
  • Fate attenzione nel calcolo di Jzz a considerare la sezione corretta
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Calcolare La Stabilità Delle Travi Infisse A Parete Piena

Per trave si intende un elemento strutturale caratterizzato da una dimensione predominante, atto a trasferire una sollecitazione, di tipo tendenzialmente trasversale, al proprio asse geometrico lungo tale asse: dalle sezioni investite dal carico fino...
Università e Master

Come Calcolare La Sollecitazione Di Taglio Di Un Solido

Grazie agli studi scolastici, riusciamo con semplicità a riconoscere termini e procedure da adottare per eventuali soluzioni matematiche o geometriche e via dicendo. In questa piccola guida cerchiamo di semplificare quanto segue: come calcolare la sollecitazione...
Università e Master

Come applicare il metodo per la verifica di aste soggette a carico di punta

In ingegneria l'instabilità dovuta ad un carico assiale di punta agente su un'asta è un improvviso collasso di un membro strutturale soggetto ad intensi sforzi di compressione,. Questo tipo di collasso è anche chiamato collasso dovuto ad instabilità...
Università e Master

Come Rappresentare La Strizione Nel Caso Di Materiali Fragili

Affinché un materiale risulti resistente o quantomeno per testara fino a quanto un materiale può resistere a certe pressioni prima di cedere, è bene calcolare la strizione attraverso vari esperimenti e calcoli.La strizione è un fenomeno che si manifesta...
Superiori

Come determinare il segno del momento flettente

Quando si studia all'università, una delle materie più ostiche per gli studenti di ingegneria è sicuramente Scienza delle Costruzioni. Le difficoltà derivano senz'altro dalla notevole quantità di concetti di analisi matematica e di fisica generale...
Università e Master

Come disegnare i cerchi di Mohr

Il cerchio di Mohr costituisce una rappresentazione grafica dello stato piano di tensione interna in un punto, proposta da un ingegnere tedesco nel 1892. La rappresentazione è costruita riportando sopra un opportuno piano (denominato il piano di Mohr),...
Università e Master

Come Calcolare Le Reazioni Vincolari Di Una Trave Appoggiata E Caricata Uniformemente

Per risolvere il quesito, occorrono semplicemente una calcolatrice, carta e penna e i dati della travatura in questione...il metodo poi è relativamente schematico, applicabile a tutte le travi simili al suddetto caso!Per calcolare le reazioni vincolari...
Superiori

Come si calcola il momento d'inerzia di una trave

La fisica e la meccanica sono due materie correlate tra di loro, non facili da capire a primo impatto. Ci vogliono infatti diversi anni di studio e preparazione per poter padroneggiare al meglio queste materie, ma una volta capite possono aprire la mente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.