Come ricavare l'accelerazione di gravità g da misure sperimentali

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Sulla Terra, tutti i corpi subiscono la forza peso. In caduta libera, per effetto della gravità, sono soggetti ad un'accelerazione. Tale valore, rappresentato in genere con g, varia in base al luogo, all'altitudine ed alla latitudine. Convenzionalmente, si indica con 9,80665 m/s2. Questo valore medio viene approssimato ad una latitudine di 45,5°. L'accelerazione gravitazionale varia in base alla rotazione della Terra (e quindi alla forza centrifuga). Ma anche allo schiacciamento del Pianeta ai poli, che allontana i corpi ulteriormente dal centro della Terra. Mediante un pendolo semplice, determineremo l'accelerazione di gravità g terrestre da misure sperimentali. Con una semplice ma interessante esperienza di laboratorio potremmo ricavare il dato. Segui il tutorial nelle sue diverse fasi. Ecco come procedere.

27

Occorrente

  • treppiede con asta verticale
  • asta orizzontale
  • morsetto
  • filo
  • sferette di massa diversa
  • cronometro a 1/5 o a 1/10 di secondo
  • riga graduata di legno
37

Per ricavare l'accelerazione di gravità g da misure sperimentali, procurati tutto l'occorrente. Per cominciare questa esperienza di laboratorio, fissa tramite il morsetto, l'asta orizzontale a quella verticale. Quest'ultima va posta sul treppiede. Di conseguenza, sospendi il pendolo a filo all'asta orizzontale e mettilo in oscillazione. Per ridurre al minimo l'errore, esegui la misurazione del tempo di dieci o di venti oscillazioni. Per ottenere la misura del periodo T dividi il tempo (t) per dieci o per venti.

47

Per ottenere un corretto valore dell'accelerazione di gravità g, esegui differenti misure per le diverse lunghezze dei fili. Queste ultime verranno misurate tra il centro della massa m ed il punto di sospensione C. A questo punto, per semplificare l'esperimento, compila una tabella. In questo schema, verifica che, nei limiti degli errori sperimentali, il rapporto T2/l sia costante. Qualora ti sia d'aiuto, disegna i grafici. In tal senso, potrai studiare meglio il rapporto tra T2 ed I.

Continua la lettura
57

Ripeti l'esperimento più volte. Lascia invariata la lunghezza del filo. Modifica, invece, la massa. In tal modo potrai verificare come il periodo T non dipenda dalla massa del pendolo semplice. Per concludere, ripeti l'esperimento variando lo spostamento dalla verticale. Potrai così notare come il periodo T non dipenda in maniera sensibile dall'elongazione. Dai dati ottenuti e dal valore di T potrai ricavare l'accelerazione di gravità g. Tuttavia, il valore calcolato con estrema diligenza, risulta inevitabilmente "ordinario" rispetto ai valori impeccabili ed esattissimi di g. Questi ultimi, potrai ottenerli con i GRAVIMETRI, ed altri metodi di precisione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esegui l'esperimento con un aiutante oppure con qualcuno esperto in materia
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la massa di un corpo

Quando si studia a volte si potrà, in un certo senso, imbatterci in argomenti o materie particolari che potranno causare più di un problema, e perciò siamo costretti a vedere nuovamente, rallentando il nostro studio. In tale articolo, vogliamo fermarvi...
Superiori

Come calcolare l'accelerazione del centro di massa

Sia in fisica che in meccanica il centro di massa viene anche detto baricentro, cioè quel punto di un sistema che corrisponde al valore rappresentativo della massa nello spazio e della sua distribuzione. Questo centro di massa però potrebbe non corrispondere...
Università e Master

Come conoscere il Ps delle sostanze

Il peso specifico di una sostanza è per definizione il suo peso (equivalente alla sua massa per l'accelerazione di gravità) diviso per il suo volume. Generalmente viene espresso come newton diviso decimetri cubi. Per capire come riuscire a calcolare...
Superiori

Fisica: i principi della dinamica

Quando si parla di Dinamica si intende quella parte della Fisica che si occupa di studiare come si muovono i corpi per effetto delle forze che agiscono su di essi. Esistono infatti diversi tipi di forze che agiscono sui corpi e ne modificano il movimento....
Superiori

Come calcolare l'angolo di un piano inclinato

In fisica, per piano inclinato si intende una particolare macchina semplice costituita da una superficie piana disposta in modo tale da formare un angolo maggiore di 0° e minore di 90° rispetto alla verticale, che viene rappresentata dalla direzione...
Università e Master

Come Verificare Sperimentalmente Le Leggi Del Moto Uniformemente Accelerato

La fisica è una scienza che ci permette di studiare tutti quei fenomeni che avvengono nella vita e che possono essere tradotti a delle formule matematiche, per capirne le dinamiche, con esperimenti che portano risultati utili a determinate funzioni....
Superiori

Appunti di fluido-dinamica

La fluido-dinamica, nella fisica, è una materia che si occupa del movimento dei fluidi, cioè liquidi e gas. Naturalmente, prima di iniziare a studiare i fluidi in movimento, cioè la dinamica, bisogna avere delle conoscenze abbastanza approfondite e...
Università e Master

Come calcolare la forza di attrito

Attorno a noi ci sono molti oggetti fermi. Questi, infatti, restano immobili fino a quando una qualsiasi forza esterna non interviene, muovendole. Così quando vogliamo muovere un corpo si spinge con una mano. Oppure se lo tiriamo per mezzo di una fune....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.