Come ricavare la concentrazione di una soluzione da misure spettrofotometriche

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Una tecnica analitica largamente utilizzata sfrutta il fenomeno dell'assorbimento delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle soluzioni. Nello specifico prende il nome di spettrofotometria oppure fotometria, a seconda delle condizioni sperimentali e strumentali di misura. Questo genere di analisi torna particolarmente utile nella determinazione di quantità estremamente piccole, laddove la maggior parte dei metodi analitici si rivelano essere imprecisi se non addirittura inadeguati. In questa semplice ed esauriente guida, passo dopo passo, vi forniremo tutte le principali indicazioni su come è possibile ricavare la concentrazione di una soluzione da misure spettrofotometriche nel migliore dei modi. Questo tipo di procedura può essere appreso senza particolari problemi, anche se necessita di un po' di tempo, nonché di un costante esercizio al tempo stesso. L'argomento del presente articolo è oggetto di studio nelle varie lezioni di chimica nelle scuole superiori ad indirizzo tecnico, e l'insegnante può spesso effettuare dei compiti in classe inerenti a questo tipo di concentrazione.

24

Per prima cosa è necessario tenere in considerazione che quando si consente di fare attraversare la soluzione in esame da una radiazione (come avviene in uno spettrofotometro), si dovrebbe riscontrare che si verifica un certo assorbimento di determinate lunghezze d'onda della radiazione da parte della soluzione stessa. Dobbiamo anche precisare che l'entità dell'assorbimento è strettamente collegato alla concentrazione ed allo spessore della soluzione attraversata. Ciascuna sostanza, risulta presentare una caratteristica "carta d'identità", la quale viene tecnicamente definita spettro di assorbimento. Questa caratteristica mostra le frequenze preferenziali di assorbimento di tutto quanto lo spettro elettromagnetico.

34

Indicando con I0 l'intensità del raggio incidente e con l'intensità del raggio trasmesso da uno spessore "d" di una determinata soluzione con concentrazione "c", si definisce la trasmittanza il rapporto T = I0 / I. A questo punto si dovrebbe, pertanto, effettuare il logaritmo negativo della trasmittanza. Di conseguenza si andrà a ricavare l'assorbanza "A", la quale viene definita anche come estinzione oppure densità ottica. Quest'ultima risulta essere proporzionale al prodotto tra lo spessore della soluzione attraversata e la concentrazione, derivante dal calcolo matematico: A = - log T = Log I/ I0 = %u0190 · d · c. Questa formula deve essere utilizzata per rappresentare quella che è definita come la legge di Lambert Beer, la quale governa l'assorbimento di ciascun genere di reazione elettromagnetica e consente di calcolare la concentrazione delle soluzioni da misure di assorbanza. È fondamentale tenere in considerazione che la costante %u0190 = A / d · c, nel caso in cui la concentrazione della soluzione sia espressa in moli/litro, è definita coefficiente molare di estinzione oppure assorbitività molare.

Continua la lettura
44

Supponiamo, a questo punto, di avere una soluzione che presenti un coefficiente di estinzione molare, ad una determinata lunghezza d'onda, pari a 260. Inoltre, sempre in questo piccolo esempio, consideriamo che ci sia una trasmittanza di 0,55 con 2 centimetri di soluzione. Per determinare la concentrazione in moli/litro (ovvero la molarità) della soluzione, si deve fare riferimento alla legge di Lambert Beer. Pertanto occorre ricavare, da quest'ultima, quella che è la formula inversa per calcolare la concentrazione. A questo punto, avremo: c = - log T /(d · %u0190). Il prossimo procedimento consiste nell'inserire, nella formula medesima, i corrispondenti valori numerici: c = - log 0,55 /(2 · 260). Quindi, non rimane altro da fare che svolgere il calcolo appena citato e si troverà che la concentrazione della soluzione è pari a 0,0005 moli/litro. Anche in questo caso, internet ci viene incontro, ed in caso di ulteriori dubbi tutti gli studenti di chimica che sono alle prese con questo argomento possono trovare delle fonti attendibili, con tanto di spiegazione pratica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la concentrazione molare di una soluzione

Questa guida è piuttosto semplice se si seguono tutti i passaggi alla lettera, altresì può risultare un po' complicata. Armatemi ti molta pazienza e prendetevi tutto il tempo utile per leggere e comprendere la spiegazione.La concentrazione molare di...
Superiori

Come calcolare la molarità di una miscela

In chimica, la molarità viene definita come il rapporto tra il numero di moli di un soluto su volume di solvente espresso in litri: mol/L. Per indicare la molarità si usa la lettera "M" maiuscola: se una soluzione ha un valore di 2 mol/L allora diremo...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari utilizzando la percentuale di massa

Un soluto si dissolve in un solvente per fare una soluzione. La concentrazione indica quanto di un composto o miscela è disciolto nella soluzione e si puó esprimere in vari modi. Le frazioni molari si riferiscono al rapporto fra numero di moli di soluto...
Superiori

Come calcolare le frazioni molari dei componenti in una soluzione chimica

La frazione molare, forse non tutti sanno, rappresenta uno dei modi per esprimere la concentrazione di una specie chimica presente in una data soluzione, essa è data dal rapporto tra il numero di moli di un componente la soluzione ed il numero di moli...
Superiori

Come si calcolano le moli avendo i grammi

La mole è l'unità di misura di riferimento del Sistema Internazionale che indica la quantità di sostanza contenuta in un numero di Avogadro di atomi o molecole. Quest'ultimo corrisponde al numero di particelle elementari contenute in una mole, ovvero...
Università e Master

Come calcolare il numero di moli all'equilibrio in una reazione

La chimica è una materia che solitamente si apprezza nella parte pratica in quanto miscelare le sostanze risulta divertente ed appagante. È ovvio che non si possono miscelare casualmente le sostanze perché le reazioni possono risultare pericolose....
Superiori

Come calcolare il numero di moli in un composto

La mole è una delle sette unità di misura fondamentali del Sistema Internazionale, simbolo "mol". Viene usata in chimica per esprimere la quantità di sostanza in un composto. La mole è standardizzata come la quantità di sostanza di un sistema che...
Superiori

Come calcolare il volume di un gas

Molto spesso in chimica generale viene richiesto ad uno studente di calcolare il volume di un gas (può essere indicato anche come volume molare). Questo è il volume occupato dalla sostanza volatile (che sia questo un elemento oppure un composto chimico)...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.